Comunicazione

Hai fallito di nuovo i buoni propositi per l’anno nuovo? Entra nel club

La ricerca della New Edith Cowan University (ECU) ha scoperto che, nonostante le migliori intenzioni, la maggior parte delle persone rinuncia ai propri propositi per il nuovo anno entro il primo mese.

Lo studio ha anche rivelato che circa la metà delle persone intervistate aveva la stessa risoluzione, o quasi la stessa, dell’anno precedente e più della metà delle risoluzioni elencate si concentrava sulla dieta o sull’esercizio fisico.

Pubblicità e progresso

La ricerca, guidata dalla professoressa associata di ECU Joanne Dickson, ha esaminato i fattori degli obiettivi personali che prevedevano un maggiore benessere e il rispetto nel tempo dei più importanti propositi per il nuovo anno. Circa 180 partecipanti australiani e britannici hanno preso parte a un sondaggio online per un periodo di due mesi. L’età media dei partecipanti era di 37 anni e variava da 18 a 77 anni.

Risultati chiave:

  • Due terzi dei partecipanti hanno rinunciato ai loro propositi per il nuovo anno entro il primo mese.
  • Poco più della metà dei partecipanti ha perseguito la stessa (o simile) risoluzione dell’anno precedente.
  • Più della metà delle risoluzioni si concentrava sulla dieta (29%) o sull’esercizio fisico (24%).
  • Circa due terzi (64%) delle risoluzioni elencate sono state descritte come “generali”. Una risoluzione generale si riferisce a una risoluzione eccessivamente generale o vaga (ad esempio per mettersi in forma).
  • La flessibilità nel raggiungimento degli obiettivi prediceva in modo significativo un maggiore benessere nel tempo.
  • La tenacia all’obiettivo (essere persistenti) non prevedeva il benessere nel tempo, né la capacità di attenersi ai propri più importanti propositi per il nuovo anno.
  • Non sono state osservate differenze significative di genere, età o paese.

Imposta risoluzioni specifiche

Nonostante i partecipanti abbiano riferito un forte impegno per la loro più importante risoluzione per il nuovo anno e la convinzione che avrebbero avuto successo, circa due terzi dei partecipanti hanno rinunciato entro un mese.

Il professor Dickson ha detto che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che molti dei partecipanti stabiliscono risoluzioni generali come se volessero “mettersi in forma” o “fare esercizio regolarmente”, piuttosto che stabilire risoluzioni e piani specifici.

“Un esempio di risoluzione specifica potrebbe essere – fare una passeggiata di 40 minuti intorno al lago con il mio amico Sam il lunedì, mercoledì e venerdì mattina”, ha detto il professor Dickson.

“Ricerche precedenti hanno dimostrato che la definizione di obiettivi specifici che includono un tempo, un luogo e / o le persone forniscono i segnali mentali per aiutare le persone a rispettare i loro obiettivi di risoluzione.

“Gli obiettivi o le risoluzioni generali richiedono anche più tempo per pensare, rendendoli più difficili da rispettare rispetto alle risoluzioni degli obiettivi che hanno un piano”.

La flessibilità è la chiave del benessere

Il professor Dickson ha detto che era possibile che le persone smettessero di perseguire i loro propositi per il nuovo anno perché non erano associate a obiettivi e valori sottostanti più significativi.

“La decisione di perdere cinque chili durerà più probabilmente di fronte a ostacoli, difficoltà o altre risoluzioni concorrenti se è collegata a valori personali più elevati, come le convinzioni sulla propria salute o sul proprio aspetto”, ha detto il professor Dickson.

“Il nostro studio ha anche scoperto che la capacità di adattare in modo flessibile le proprie risoluzioni in risposta a situazioni o ostacoli mutevoli è stata positivamente associata a un aumento del benessere mentale. Considerando che la capacità di attenersi a un obiettivo non ha aumentato il benessere mentale o la ricerca di una risoluzione sostenuta”.

###

Il documento “Processi motivazionali per obiettivi di autoregolamentazione nella ricerca sostenuta della risoluzione del nuovo anno e nel benessere mentale” è stato pubblicato sull’International Journal of Environmental Research and Public Health .

Categorie:Comunicazione

Con tag: