Complicanze varie/eventuali

Carenza di vitamina D legata a cambiamenti metabolici nei pazienti con lupus

Un nuovo studio rivela che i pazienti con lupus hanno maggiori probabilità di avere la sindrome metabolica e la resistenza all’insulina, entrambi fattori legati alle malattie cardiache, se hanno livelli di vitamina D più bassi.

I ricercatori ritengono che l’aumento dei livelli di vitamina D possa migliorare il controllo di questi fattori di rischio cardiovascolare, oltre a migliorare i risultati a lungo termine per i pazienti con lupus eritematoso sistemico (LES).

Pubblicità e progresso

Dato che la fotosensibilità è una caratteristica chiave del LES, gli scienziati affermano che una combinazione di evitare il sole, usare creme solari ad alto fattore e vivere in paesi più settentrionali può contribuire a livelli più bassi di vitamina D nei pazienti affetti da lupus. I pazienti con una malattia più grave avevano anche livelli di vitamina D. più bassi.

Un team di ricerca internazionale, guidato da esperti dell’Università di Birmingham e dell’Università di Manchester, ha studiato i livelli di vitamina D in 1.163 pazienti affetti da LES in 33 centri in 11 paesi (Regno Unito, Stati Uniti, Canada, Spagna, Paesi Bassi, Svezia, Islanda, Svizzera, Turchia, Corea del Sud e Messico), pubblicando i suoi risultati in Rheumatology .

Il coautore del rapporto, il dott. John A Reynolds, docente senior in reumatologia presso l’Università di Birmingham, ha commentato: “I nostri risultati suggeriscono che le anormalità fisiologiche coesistenti possono contribuire al rischio cardiovascolare a lungo termine nella fase iniziale del LES.

“Abbiamo trovato un legame tra livelli più bassi di vitamina D e sindrome metabolica e resistenza all’insulina. Ulteriori studi potrebbero confermare se il ripristino dei livelli di vitamina D aiuta a ridurre questi fattori di rischio cardiovascolare e migliorare la qualità della vita per i pazienti con lupus”.

Il lupus è una rara malattia incurabile del sistema immunitario, più comune nelle donne, in cui il sistema immunitario è iperattivo, causando infiammazione in qualsiasi parte del corpo. Se non trattata, la condizione minaccia danni irreversibili ai principali organi tra cui reni, cuore, polmoni e cervello.

La sindrome metabolica è una combinazione di diabete, ipertensione (ipertensione), livelli anormali di colesterolo e obesità. Le persone con sindrome metabolica corrono un rischio maggiore di contrarre malattie coronariche, ictus e altre condizioni che colpiscono i vasi sanguigni.

I ricercatori osservano che i pazienti con LES hanno un rischio cardiovascolare in eccesso, fino a 50 volte quello osservato nelle persone senza la condizione – questo non può essere attribuito ai tradizionali fattori di rischio cardiovascolare, come l’ipertensione o il fumo, da soli.

I meccanismi alla base dell’associazione tra ipertensione e bassa vitamina D nel LES non sono chiari, ma i ricercatori ritengono che possano essere collegati all’impatto della carenza di vitamina D sul sistema ormonale renina-angiotensina, che regola la pressione sanguigna, l’equilibrio dei liquidi e degli elettroliti, così come la resistenza vascolare sistemica.

“Questo è il più grande studio in assoluto che esamina le associazioni tra i livelli di vitamina D e la sindrome metabolica nel LES; ha anche il vantaggio di essere una coorte internazionale con diversi background razziali ed etnici, generando risultati che saranno applicabili in molti contesti”, ha commentato il dott. Reynolds.