Assistenza sociosanitaria

I medici hanno iniziato a misurare la temperatura corporea solo 200 anni fa

Nell’ultimo anno, i termometri per la febbre sono diventati onnipresenti. La temperatura corporea viene misurata davanti ai negozi, negli aeroporti, anche prima di visitare un museo, spesso con dispositivi ultramoderni. Le cosiddette telecamere per la febbre o scanner per la febbre possono determinare la temperatura corporea anche senza contatto. Potrebbe ora sembrare ovvio che la febbre sia collegata a una temperatura corporea elevata – in molte culture, la domanda “hai la temperatura?” ne è una chiara prova, ma non è sempre stato così.

Ritratto storico in bianco e nero di un uomo barbuto.
Sanctorio Sanctorius, 1609. Wikimedia Commons

Gli inizi della misurazione della febbre risalgono a più di 400 anni fa. A cavallo del XVII secolo, diversi studiosi si occuparono dello sviluppo dei termometri. A Londra, Robert Fludd ha lavorato a uno strumento per misurare la temperatura. Nella penisola italiana, Galileo Galilei e il suo caro amico Giovanni Francesco Sagredo erano impegnati nella stessa attività. Quindi non è possibile determinare chiaramente chi ha inventato il termometro .

Pubblicità e progresso

Ma gli storici concordano sul fatto che un particolare membro della cerchia di amici veneziani di Galileo fu il primo ad applicare lo strumento alla medicina. Questo è stato il medico veneziano Sanctorio Sanctorius (1561 – 1636) , che ha sviluppato i primi termometri per la febbre per determinare il calore corporeo dei suoi pazienti.

Questa era una novità. Mentre oggi ci affidiamo ai numeri e alle misurazioni, soprattutto per quanto riguarda le questioni mediche, ai tempi di Sanctorius non si pensava che fenomeni come la salute o la malattia potessero essere registrati da numeri, per non parlare di essere misurati. Piuttosto, le persone si affidavano all’esperienza dei loro medici. Toccando regolarmente la fronte dei loro pazienti, hanno valutato che tipo e quanto fosse grave la febbre.

Il primo termometro per il corpo

Illustrazione in bianco e nero di un termometro storico.

Un’illustrazione del termoscopio di Sanctorius (a destra), un termometro senza scala, 1626. © Wellcome Collection , CC BY

La misura e la nozione di febbre di Sanctorius non coincidevano con le concezioni moderne. Il medico veneziano ha utilizzato la dilatazione termica dell’aria nei suoi termometri, piuttosto che i liquidi, che è ciò che tende ad essere utilizzato nei termometri da febbre tradizionali di oggi.

Poiché l’aria non si espande e si contrae solo a causa dei cambiamenti di temperatura, ma anche della pressione atmosferica, i termometri non sigillati di Sanctorius erano sensibili a entrambi. Pertanto, qualsiasi misurazione del calore corporeo con uno strumento del tipo di Sanctorius sarebbe distorta dall’influenza della pressione atmosferica. Ciò è stato realizzato poco tempo dopo. Per evitare la sua influenza, nei termometri successivi, l’aria fu sostituita con un liquido sigillato in un tubo di vetro.

Sanctorius sembra aver usato comunque i suoi termometri ad aria non sigillati. Galileo e Sagredo, che lavoravano con termometri simili al di fuori di un contesto medico, si resero conto che c’erano delle irregolarità, ma il fenomeno della pressione atmosferica e il suo effetto erano ancora loro sconosciuti. Dalla prospettiva odierna, tali termometri potrebbero sembrare non molto utili, ma all’epoca questi erano i primi strumenti che potevano essere utilizzati per ottenere informazioni sui gradi di caldo e freddo senza fare appello ai sensi umani.

E sebbene Sanctorius usasse il termine latino temperamentum , il suo concetto di “temperatura” era molto diverso da quello di oggi. Aderì alla teoria medica dei quattro umori, che presupponeva che la salute umana dipendesse da una proporzione equilibrata dei quattro umori: sangue, catarro, bile gialla e nera. Questi umori erano assegnati alle cosiddette qualità primarie: caldo, freddo, umido e secco. Anche qui l’equilibrio era fondamentale: se una delle qualità primarie era troppo forte o troppo debole, poteva provocare malattie.

Diagramma che illustra le associazioni dei quattro umori.
Diagramma che illustra i quattro umori. Tom Lemmens , CC BY

Quindi, quando Sanctorius usava i suoi termometri per la febbre, ciò che stava cercando di misurare erano certi gradi di caldo e freddo nella carnagione dei suoi pazienti, che credeva avrebbero rivelato le loro miscele individuali dei quattro umori. In tal modo, voleva determinare “la quantità di malattie”, con cui intendeva la deviazione del corpo dal suo stato equilibrato e sano.

Per molto tempo la “quantità” di calore è stata considerata solo uno dei tanti parametri che hanno permesso al medico di distinguere tra calore corporeo sano e calore febbrile . Quest’ultimo era caratterizzato anche da aspetti qualitativi e poteva, ad esempio, essere “tagliente” o “graffiante”. Non solo il grado di calore era importante, ma anche il suo genere. Inoltre, oltre al calore corporeo, si pensava che il polso, la respirazione, la pelle e l’urina indicassero il carattere di una febbre.

Termometri in uso

E così, sebbene la diagnosi e il trattamento della febbre fossero una preoccupazione centrale dei medici del Rinascimento, i termometri di Sanctorius non trovarono una notevole applicazione nella pratica medica quotidiana perché l’aumento della temperatura semplicemente non era considerato il principale determinante della febbre. Per i medici dell’epoca, la misurazione del calore corporeo era di interesse secondario.

Fu solo nel 19 ° secolo che il termometro per la febbre entrò in uso clinico generale e trovò la sua strada nelle famiglie. Oggi la febbre è definita come temperatura corporea elevata e vista come un sintomo che può manifestarsi in diverse malattie.

Termometro con interno liquido rosso su sfondo neutro.
Un moderno termometro liquido, che funziona tramite la variazione di volume di un fluido termometrico, principalmente alcol colorato. MZinchenko / Shutterstock.com

Per quanto diversi siano i termometri di Sanctorius e le sue nozioni di febbre rispetto ai nostri dispositivi moderni e alla nostra comprensione dell’aumento della temperatura corporea, essi forniscono ancora un’importante visione del lungo percorso che ha preceduto i nostri moderni dispositivi di misurazione della febbre, dispositivi che sono icone dell’attuale pandemia come quasi nessun altro.


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale .La conversazione