Terapie

Nuovo approccio per lo sviluppo di un trattamento farmacologico per l’obesità e le malattie che ne derivano

Adipociti beige all’interno del tessuto adiposo bianco (adipociti beige colorati con UCP-1 in verde. I lipidi sono colorati in rosso e l’actina F delinea le cellule, in particolare i vasi sanguigni in grigio, il DNA è blu)

La proteina Asc-1 regola la formazione di adipociti bianchi brucia-grassi o bianchi che immagazzinano grassi, che possono avere un impatto sullo sviluppo di malattie metaboliche. Ciò è dimostrato da un recente studio dell’Helmholtz Zentrum München e del Centro tedesco per la ricerca sul diabete (DZD). I risultati aprono nuovi approcci per prevenire lo sviluppo di malattie metaboliche. Lo studio è stato ora pubblicato su Nature Communications.

Non tutto il grasso è uguale: c’è tessuto adiposo bianco, marrone e beige *. Mentre i globuli bianchi fungono da riserve di energia, l’energia in eccesso viene bruciata nel tessuto adiposo marrone e beige. Troppo grasso bianco è considerato malsano. Se il tessuto adiposo bianco aumenta in modo significativo negli adulti con obesità, possono svilupparsi malattie metaboliche come il diabete o la sindrome metabolica. La situazione è diversa nei bambini: lì, la formazione iniziale di tessuto adiposo bianco è un prerequisito per un metabolismo sano. Ma in che modo il tessuto adiposo degli adolescenti differisce dal tessuto adiposo bianco adulto? Per rispondere a questa domanda, i ricercatori hanno studiato la composizione del tessuto adiposo bianco di topi giovani e adulti utilizzando il sequenziamento dell’RNA a cellula singola **.

Pubblicità e progresso

Asc-1 promuove la formazione di adipociti bianchi

I ricercatori hanno scoperto che il tessuto adiposo degli adolescenti differisce notevolmente dal grasso bianco adulto, soprattutto in termini di proprietà e composizione delle cellule precursori del grasso. I ricercatori hanno scoperto uno speciale sottogruppo di cellule precursori di grasso nel tessuto adiposo degli adolescenti che contengono la proteina Asc-1, che è altrimenti presente negli adipociti maturi. Queste cellule precursori si differenziano prevalentemente in adipociti bianchi e la formazione di adipociti beige “sani” viene attivamente soppressa. In ulteriori indagini biologiche sulle cellule, il team della prima autrice Lisa Suwandhi è stato in grado di dimostrare che la perdita della funzione Asc-1 promuove la formazione di adipociti beige.

“Queste intuizioni sui processi fisiologici di crescita del tessuto adiposo ci consentono di sviluppare nuove strategie per prevenire le dannose conseguenze metaboliche dell’obesità”, ha detto l’ultimo autore, il dott. Siegfried Ussar. I ricercatori stanno già portando avanti questo approccio. Stanno attualmente stabilendo strategie per modulare la funzione Asc-1 nel tessuto adiposo dell’organismo vivente ed esplorando modi per promuovere l’espansione sana del tessuto adiposo. L’obiettivo è aiutare i pazienti obesi a mantenere un metabolismo sano in futuro e guadagnare così tempo per curare l’obesità con un approccio olistico.

Categorie:Terapie

Con tag:,