Mangiare e bere

Le linee guida dietetiche dei bambini devono cambiare, dicono gli esperti

La professoressa della Flinders University Rebecca Golley, vicedirettore del Caring Futures Institute

I genitori hanno bisogno di consigli migliori su come incoraggiare i bambini a mangiare le verdure

Le linee guida sull’alimentazione dietetica e infantile dovrebbero essere rafforzate per includere consigli più pratici sui modi migliori per aiutare i bambini a imparare ad apprezzare e mangiare le verdure, affermano i ricercatori di nutrizione e dietetica del Caring Futures Institute della Flinders University.

Pubblicità e progresso

Poiché l’Australian Health Survey mostra che solo il 6% dei bambini di età compresa tra 2 e 17 anni sta mangiando la quantità raccomandata di verdure, gli esperti affermano che sono necessari consigli pratici più personalizzati su come offrire verdure ai bambini piccoli attraverso l’esposizione ripetuta e la varietà quotidiana al fine di aumentare la loro assunzione.

Un recente documento scritto in collaborazione con ricercatori del Caring Futures Institute e CSIRO, l’agenzia scientifica nazionale australiana, pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition, suggerisce che fino a 10 o più esposizioni a un particolare ortaggio quando il bambino ha un’età compresa tra i 6 anni. mesi e cinque anni possono portare a maggiori possibilità che apprezzino le verdure e ne mangino di più.

Mentre la strategia di esporre ripetutamente i bambini piccoli alle verdure per favorire la familiarità con il sapore e, in ultima analisi, l’assunzione non è una scienza nuova, esiste un divario tra le prove e i consigli dietetici.

“C’è un’opportunità per migliorare l’assunzione di verdure da parte dei bambini includendo consigli pratici – il ‘come fare’ nelle nostre raccomandazioni a genitori e tutori”, afferma il vicedirettore del Flinders Caring Futures Institute e co-autore principale dell’articolo, la professoressa Rebecca Golley.

Il professor Golley afferma che le preferenze alimentari vengono stabilite entro i primi cinque anni di vita di un bambino. Pertanto, è fondamentale stabilire precocemente comportamenti alimentari sani per supportare la crescita, lo sviluppo e le abitudini alimentari.

“Sappiamo che la mancanza di consumo di verdure per tutta la durata della vita ha effetti sulla salute, compreso un aumento del rischio di malattie croniche, obesità e sovrappeso”, afferma.

“Ecco perché far apprezzare ai bambini una varietà di verdure come fagiolini, piselli, carote e persino cavoletti di Bruxelles sin dalla tenera età è così importante.

“I comportamenti alimentari precoci sono impressionabili e neonati e bambini piccoli possono essere aiutati a provare cibi diversi e ad imparare ad apprezzarli”.

Il documento Supporting strategie per migliorare il gusto delle verdure nei primi anni di vita: an Umbrella review of systematic reviews ‘è un risultato del progetto quinquennale VegKIT, finanziato da Hort Innovation e intrapreso da un consorzio guidato da CSIRO, inclusa la Flinders University e Nutrition Australia Victoria Division.

È stata condotta una revisione generale sul corpo diversificato della ricerca internazionale esistente sulle strategie sensoriali e comportamentali che supportano i bambini ad apprezzare determinati alimenti, comprese le verdure.

Il progetto ha esaminato 11 revisioni sistemiche per determinare l’efficacia delle strategie, inclusa l’esposizione ripetuta e la varietà di verdure, per le quali sono state trovate prove promettenti.

Sono state trovate prove emergenti per altre strategie come l’offerta di verdure come primo alimento (non frutta), l’utilizzo di ricompense non alimentari per incoraggiare il consumo di verdure e la lettura di libri di fiabe a base di verdure per bambini.

Il rapporto evidenzia anche che le basi per l’apprezzamento delle verdure possono essere gettate anche prima della nascita di un bambino.

“Sembra che la dieta materna abbia un ruolo anche attraverso l’esposizione ai sapori vegetali in utero e aumentando le possibilità dei bambini di apprezzarli e mangiarli in seguito, e lo stesso vale per la dieta delle madri durante l’allattamento”, dice il professor Golley.

Tuttavia, afferma che queste strategie devono essere supportate da ulteriori ricerche se devono essere alla base dei consigli per i genitori, gli operatori sanitari e i responsabili delle politiche.

###

Lucinda K Bell, Claire Gardner, Esther J Tian, ??Maeva O Cochet-Broch, Astrid AM Poelman, David N Cox, Sophie Nicklaus, Karen Matvienko-Sikar, Lynne A Daniels, Saravana Kumar, Rebecca K Golley, Strategie di supporto per migliorare il gusto delle verdure nei primi anni di vita: una revisione generale delle revisioni sistematiche, The American Journal of Clinical Nutrition , 2021; DOI 10.1093 / ajcn / nqaa384