Comunicazione

Studiare Shakespeare aiuta gli studenti di medicina a entrare in contatto con i pazienti

Un medico in cure palliative ha suggerito che lo studio delle opere di Shakespeare potrebbe aiutare gli studenti di medicina a entrare in contatto più strettamente con i loro pazienti. Scrivendo sul Journal of the Royal Society of Medicine, il dottor David Jeffrey, del Dipartimento di Medicina Palliativa dell’Università di Edimburgo, indaga su come l’approccio empatico del drammaturgo – la capacità di comprendere e condividere i sentimenti di un altro – possa migliorare il rapporto medico-paziente.

Il dottor Jeffrey scrive che l’idea che le emozioni siano dirompenti e necessitino di essere controllate è profondamente radicata nell’educazione e nella pratica medica, contribuendo al distacco dei medici dai pazienti. La pandemia di coronavirus, con la necessità di protezioni personali, allontanamento sociale e consultazioni video, afferma, ha creato sfide per stabilire relazioni empatiche tra pazienti e medici.

Pubblicità e progresso

Sostiene che uno studio delle opere di Shakespeare può essere un modo creativo per migliorare gli approcci empatici negli studenti di medicina . Attingendo ai riferimenti da The Tempest , As You Like It e King Lear , scrive: “È straordinario che l’opera di Shakespeare rimanga rilevante oggi. Sembra che avesse la capacità di anticipare i nostri pensieri, in particolare in tempi di crisi”.

Il dottor Jeffrey descrive il modo in cui Shakespeare descrive il mondo dal punto di vista dell’altra persona, non solo la sua comprensione, ma le sue emozioni e le sue prospettive morali. Questo approccio, scrive, crea uno spazio per l’interpretazione e la riflessione, per sperimentare l’empatia. “Creare un tale spazio di riflessione è una parte centrale della pratica clinica e dell’educazione medica”.

Aggiunge: “Shakespeare parla dei tempi di crisi, sottolineando la centralità delle relazioni umane empatiche. Le discipline umanistiche sono spesso ai margini dell’educazione medica ma dovrebbero essere centrali per il cambiamento della cultura medica. Un modulo di studio speciale sarebbe un modo per introdurre gli studi di Shakespeare al curriculum universitario “.