Terapie

Chirurgia bariatrica “buona opzione terapeutica” per il trattamento dell’obesità, diabete di tipo 2

3D illustration of ‘BARIATRIC SURGERY’ title on a medical document

La chirurgia bariatrica è più efficace della terapia medica per il controllo a lungo termine del diabete di tipo 2 , secondo un’analisi dei dati di follow-up a 10 anni pubblicati su The Lancet.

“La chirurgia bariatrica è ancora considerata con sospetto, ma è uno strumento incredibile per la gestione dell’obesità” , ha detto Geltrude Mingrone , MD, PhD, professore di diabete e nutrizione al King’s College di Londra e professore di medicina interna all’Università Cattolica di Roma . “I risultati del nostro studio, che mostrano l’efficacia della chirurgia bariatrica a lungo termine per il trattamento del diabete di tipo 2 con prove di alta qualità, possono aiutare i medici e i responsabili politici a garantire che la chirurgia bariatrica sia adeguatamente considerata nella gestione delle persone con obesità e diabete di tipo 2”.

Pubblicità e progresso

Mingrone e colleghi hanno analizzato i dati di follow-up a 10 anni da uno studio in aperto, monocentrico, condotto presso un ospedale terziario di Roma. I partecipanti con diabete di tipo 2 e un BMI di almeno 35 kg / m² (n = 60) sono stati assegnati in modo casuale a terapia medica (n = 20), bypass gastrico Roux-en-Y (n = 20) o diversione biliopancreatica (n = 20). L’endpoint primario era la remissione del diabete a 2 anni, definita come un HbA1c del 6,5% o inferiore e una glicemia a digiuno di 5,5 mmol / L o inferiore senza farmaci per almeno 1 anno.

Nell’analisi a 10 anni, la durata della remissione del diabete è stata analizzata per intenzione di trattare; Il tasso di follow-up a 10 anni è stato del 95%.

All’interno della coorte, 15 partecipanti, o il 37,5%, hanno mantenuto la remissione del diabete per tutto il periodo di follow-up di 10 anni. I tassi di remissione a dieci anni nella popolazione intent to treat erano del 5,5% per la terapia medica (95% CI, 1-25,7; un partecipante è andato in remissione dopo il crossover alla chirurgia), il 50% per la diversione biliopancreatica (95% CI, 29,9-70,1 ) e il 25% per bypass gastrico Roux-en-Y (95% CI, 11,2-46,9). I ricercatori hanno osservato che 20 dei 34 partecipanti che hanno sperimentato la remissione del diabete a 2 anni hanno avuto una ricaduta di iperglicemia durante il follow-up, con tassi del 52,6% nel gruppo di diversione biliopancreatica e del 66,7% nel gruppo di bypass gastrico Roux-en-Y.

“Tutti gli individui con ricaduta, tuttavia, hanno mantenuto un adeguato controllo glicemico a 10 anni”, hanno scritto i ricercatori.

I partecipanti ai gruppi di diversione Roux-en-Y e biliopancreatica hanno avuto meno complicanze legate al diabete rispetto ai partecipanti che hanno ricevuto terapia medica, con un RR di 0,07 (95% CI, 0,01-0,48) per entrambi i confronti. Eventi avversi gravi si sono verificati più frequentemente tra i partecipanti alla diversione biliopancreatica e ai gruppi Roux-en-Y rispetto a quelli che ricevevano terapia medica.

“La chirurgia bariatrica garantisce, a lungo termine, un buon controllo glicemico, la riduzione delle complicanze macrovascolari e microvascolari e un netto miglioramento della qualità della vita rispetto al trattamento standard”, ha detto Mingrone. “Sebbene siano richiesti studi controllati randomizzati più ampi e multicentrici, la chirurgia bariatrica dovrebbe essere considerata una buona opzione terapeutica per il trattamento di persone con obesità e diabete di tipo 2, che hanno uno scarso controllo glicemico”.

In uno studio prospettico pubblicato nel New England Journal of Medicine ad agosto, i ricercatori hanno valutato gli esiti metabolici tra una coorte di adulti con obesità e diabete di tipo 2 sottoposti a bypass gastrico Roux-en-Y o terapia dietetica ipocalorica con formazione scolastica. In quello studio, i ricercatori hanno scoperto che la perdita di peso era associata a un aumento dello smaltimento del glucosio stimolato da insulina, a una maggiore funzione delle cellule beta e alla diminuzione delle aree sotto la curva per i livelli di glucosio plasmatico e di insulina nelle 24 ore per i gruppi chirurgici e dietetici; tuttavia, non c’erano differenze significative tra i gruppi.


Divulgazioni: Mingrone riferisce di aver ricevuto sovvenzioni e compensi personali da Fractyl, Johnson & Johnson e Novo Nordisk. Si prega di consultare lo studio per le informazioni finanziarie rilevanti di tutti gli altri autori.