Ricerca

I ricercatori della NYU Abu Dhabi sviluppano materiali per la somministrazione orale di farmaci insulinici

La ricercatrice del NYUAD Farah Benyettou e il capo del programma di chimica Ali Trabolsi

La tecnologia è un passo avanti nel futuro della somministrazione orale di insulina per il diabete.

Una tecnologia rivoluzionaria sviluppata all’interno del Trabolsi Research Group della NYU Abu Dhabi (NYUAD) potrebbe migliorare notevolmente il benessere dei pazienti diabetici attraverso un modo semplice e diretto: un sistema di somministrazione orale di insulina che potrebbe sostituire le tradizionali iniezioni sottocutanee senza gli effetti collaterali causati da iniezione frequente.

Pubblicità e progresso

Utilizzando strati preparati di nanofogli con insulina caricata tra gli strati per proteggerla, i ricercatori hanno sviluppato nanoparticelle organiche covalenti legate alle immine gastroresistenti (nCOF) che mostravano protezione da insulina nello stomaco e in soggetti diabetici i cui livelli di zucchero erano completamente tornati a normale entro due ore dall’ingestione delle nanoparticelle. Guidati dallo scienziato ricercatore della NYUAD Farah Benyettou e dal capo del programma di chimica Ali Trabolsi , i risultati sono stati pubblicati oggi su Chemical Science .

Rispetto alle due tecnologie approvate dalla FDA per la somministrazione orale di insulina, il sistema sviluppato al NYUAD è biocompatibile, altamente stabile nello stomaco, specifico e in grado di erogare la giusta quantità di insulina in base ai livelli di zucchero nel sangue del soggetto diabetico. Questo trattamento rappresenta un passo avanti nella terapia di questa malattia che è la settima causa di morte nel mondo.

“Il nostro lavoro supera le barriere di somministrazione orale di insulina utilizzando nanoparticelle nCOF caricate di insulina che mostrano protezione da insulina nello stomaco e un rilascio reattivo al glucosio”, ha detto Benyettou. “Questa tecnologia risponde rapidamente a un aumento della glicemia, ma si spegne prontamente per prevenire il sovradosaggio di insulina e migliorerà notevolmente il benessere dei pazienti diabetici negli Emirati Arabi Uniti e nel mondo”, ha aggiunto.

Lo sviluppo di questo trattamento è avvenuto in collaborazione con un team internazionale di ricercatori provenienti da Algeria, Spagna, Arabia Saudita e Regno Unito. Il progetto è stato completato con l’aiuto della Core Platform Technology della NYUAD. Una domanda di brevetto statunitense è in attesa di approvazione per questa tecnologia innovativa.

Categorie:Ricerca

Con tag:,