Ricerca

Il cancro del fegato sembra essere resistente all’immunoterapia nei pazienti con condizioni epatiche

L’immunoterapia non solo è significativamente meno efficace nei pazienti con cancro al fegato che in precedenza avevano una malattia del fegato chiamata steatoepatite non alcolica (NASH), ma sembra effettivamente alimentare la crescita del tumore, secondo uno studio del Mount Sinai Institute pubblicato su Nature a marzo. La NASH colpisce fino a 40 milioni di persone in tutto il mondo ed è associata all’obesità e al diabete.

I ricercatori hanno condotto una vasta collaborazione internazionale per studiare l’effetto dell’immunoterapia sul carcinoma epatocellulare (HCC), un cancro mortale al fegato, causato dalla NASH. Hanno condotto una meta-analisi di tre studi clinici randomizzati di fase 3 sull’uomo che hanno testato l’immunoterapia nell’HCC e hanno scoperto che nei casi di HCC non virale, come l’HCC correlato alla NASH, la terapia era significativamente meno efficace rispetto ai casi correlati al virus.

Pubblicità e progresso

Inoltre, questo studio ha rilevato in modelli animali che l’immunoterapia con inibitori anti-PD1 ha effettivamente portato alla crescita del tumore invece dell’effetto voluto di aiutare il sistema immunitario a uccidere le cellule tumorali e ridurre il tumore. In questi modelli, i ricercatori hanno identificato cellule immunitarie chiamate CD8 + PD1 + come driver di questi fenomeni. Queste cellule sono risultate disfunzionali e incapaci di immunosorveglianza.

Le cellule T killer circondano una cellula cancerosa. Credito: NIH

“Oltre a consentire ai medici di ottimizzare i protocolli di trattamento basati sulla malattia epatica sottostante, la conoscenza ottenuta attraverso questo studio fornirà una spina dorsale per la progettazione di ulteriori trattamenti combinati per superare i limiti attuali e migliorare la sopravvivenza per i pazienti con queste condizioni epatiche sottostanti”, ha detto l’autore senior e co-corrispondente Josep Llovet, MD, Ph.D., fondatore e direttore del programma per il cancro al fegato presso il Tisch Cancer Institute e professore di medicina (malattie del fegato) presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai. “Questi risultati evidenziano anche la necessità di raffinate strategie terapeutiche volte a trattare sia il tumore che il microambiente associato a una distinta malattia epatica sottostante”.

Si stima che la steatosi epatica non alcolica (NAFLD), una condizione che è un precursore della NASH, colpisca il 25% della popolazione mondiale e fino al 20% di questi pazienti progredirà verso la NASH. La NASH è un fattore di rischio emergente per l’HCC, che ha portato all’indagine di questo studio sugli effetti dell’immunoterapia sull’HCC correlato alla NASH. Sebbene l’immunoterapia abbia un beneficio clinico per il carcinoma epatocellulare , i risultati di questo studio sono importanti perché un quarto di tutti i pazienti con HCC ha la NASH.

La meta-analisi in questo studio è stata condotta su tre studi di fase 3 di alta qualità che includevano più di 1.600 pazienti con HCC trattati con immunoterapia anti-PD1. Questo studio rappresenta un importante sforzo di collaborazione internazionale da parte di 110 ricercatori di 81 istituzioni.

Categorie:Ricerca

Con tag:,