Batticuore

I malati di cuore hanno tre volte più probabilità di avere il diabete rispetto alla popolazione generale

Sophia Antipolis, 7 aprile 2021: Quasi il 30% dei pazienti con malattia coronarica hanno il diabete, secondo un ampio studio pubblicato sulla Giornata mondiale della salute nel European Journal of Preventive Cardiology , un giornale della Società Europea di Cardiologia (ESC). 1 Ciò si confronta con una prevalenza del diabete di circa il 9% nella popolazione generale. 2 C’era un’ampia variazione geografica, con il 60% dei pazienti con malattie cardiache nei paesi del Golfo che avevano il diabete rispetto al 20% in Europa.

“L’obesità e la mancanza di esercizio sono fattori di rischio comuni sia per il diabete che per le malattie cardiache ei nostri risultati evidenziano l’urgente necessità di migliorare la nutrizione e aumentare i livelli di attività a livello globale”, ha affermato l’autore dello studio, la dott.ssa Emmanuelle Vidal-Petiot del Bichat-Claude Bernard Hospital, Parigi , Francia. “I paesi più colpiti dal diabete sono anche l’epicentro dell’epidemia di obesità, che può essere in parte attribuita all’urbanizzazione e ai cambiamenti associati nell’attività fisica e nell’assunzione di cibo”.

Pubblicità e progresso

Questa era un’analisi del registro CLARIFY, che includeva 32.694 pazienti con sindromi coronariche croniche provenienti da 45 paesi in Europa, Asia, America, Medio Oriente, Australia e Africa. I pazienti sono stati arruolati nel 2009-2010 e seguiti annualmente per cinque anni.

Tutti gli esiti clinici avversi misurati nello studio si sono verificati più frequentemente tra i cardiopatici con diabete rispetto a quelli senza diabete. Quando i ricercatori hanno confrontato la probabilità di scarsi risultati in quelli con diabete rispetto a quelli senza, hanno aggiustato le analisi per molteplici fattori che potrebbero influenzare la relazione tra cui età, sesso, abitudine al fumo, indice di massa corporea, pressione sanguigna, farmaci e altre condizioni. .

Dopo questi aggiustamenti hanno scoperto che tra i pazienti con malattia coronarica stabile, quelli con diabete avevano un tasso di morte più alto del 38% durante il follow-up di cinque anni. Avevano anche un rischio maggiore del 28% di esito combinato di infarto, ictus o morte per causa cardiovascolare. I cardiopatici con diabete hanno avuto esiti peggiori rispetto a quelli senza diabete, indipendentemente dalla regione geografica e dall’etnia.

Il dottor Vidal-Petiot ha dichiarato: “Il diabete era associato a esiti peggiori anche nelle aree con la prevalenza più bassa. In Europa, ad esempio, il diabete era associato a un rischio maggiore del 29% dell’esito combinato di infarto, ictus o morte cardiovascolare Questo indica che la gestione di questi pazienti ad alto rischio con malattie cardiache e diabete dovrebbe essere migliorata. Ogni paese deve identificare questi pazienti e fornire programmi educativi e di prevenzione su misura “.

Ha concluso: “L’importanza di un’alimentazione sana e di una vita sana non può essere sottovalutata. Tutti possono ridurre le proprie possibilità di sviluppare il diabete con il controllo del peso e l’esercizio fisico, ed è necessaria una diagnosi precoce in modo che la glicemia possa essere controllata. Anche quelli con malattie cardiache e diabete hanno bisogno uno stile di vita attivo e una buona dieta per tutelare la propria salute. Evitare il fumo è fondamentale, così come il controllo della pressione sanguigna e dei livelli di colesterolo “.

Riferimenti

1Mak KH, Vidal-Petiot E, Young R, et al. Prevalenza del diabete e impatto su eventi cardiovascolari e mortalità nei pazienti con sindromi coronariche croniche, in più regioni geografiche ed etnie. Eur J Prev Cardiol. 2021. doi: 10.1093 / eurjpc / zwab011.

Il collegamento sarà attivo alla pubblicazione: https: / accademico. oup. com / eurjpc / article-lookup / doi / 10. 1093 / eurjpc / zwab011

International Diabetes Federation (IDF) Diabetes Atlas 9a edizione 2019 .

Categorie:Batticuore

Con tag:,