Centenario insulina 1921/2021

#insulin100 Edizione speciale di Diabetologia per il centenario dell’insulina

 

La rivista dell’Associazione Europea per lo Studio del Diabete – EASD Diabetologia uscirà la prossima settimana con una edizione speciale accessibile anche online, monografica e dedicata completamente al centenario della scoperta dell’insulina da parte dei due scienziati canadesi Banting e Best, e in contemporanea allo svolgimento del Simposio Scientifico Internazionale, online, per il 14 e 15 aprile prossimi, e promosso dall’Università di Toronto proprio per non solo celebrare il centenario, ma esplorare a tutto tondo il lavoro, fin qui fatto da clinici e ricercatori per la cura del diabete e le prospettive prossime e venture in tale campo.

Celebrando 100 anni di insulina

Il numero speciale del 2021 ( https: // diabetologia- journal.org/collections/insulin-100/ ) festeggia i 100 anni dalla scoperta dell’insulina. Fralick e Zinman ( https://doi.org/10.1007/s00125-020-05371-6 ) iniziano raccontando la storia della scoperta dell’insulina a Toronto, in Canada, nel 1921/1922. Questa scoperta ha significato che il diabete di tipo 1 è passato dall’essere una condanna a morte a una condizione cronica. Nonostante ciò, a livello globale, solo una persona su due ha attualmente accesso all’insulina di cui ha bisogno; Mbanya e colleghi ( https://doi.org/10.1007/s00125-020-05375-2) delineano le barriere all’accesso all’insulina e suggeriscono modi per superarle. Per coloro che hanno la fortuna di avere accesso all’insulina, l’ipoglicemia rimane una complicanza frequente della terapia insulinica. Stephanie Amiel ( https://doi.org/10.1007/s00125-020-05366-3 ) descrive le conseguenze immediate e cumulative dell’ipoglicemia, mentre Rory McCrimmon ( https://doi.org/10.1007/s00125-020-05369- 0 ) riassume l’impatto dell’ipoglicemia ricorrente sulla funzione cerebrale. Chantal Mathieu ( https://doi.org/10.1007/s00125-020-05354-7 ) suggerisce opzioni per ridurre al minimo il rischio di ipoglicemia, compresa l’educazione del paziente, analoghi dell’insulina, nuove tecnologie e terapie aggiuntive.

Per aiutarci a capire come funzionano le terapie insuliniche, Yoon e Diano (https://doi.org/10.1007/s00125-021-05395-6 ) descrivono i meccanismi centrali di rilevamento del glucosio coinvolti nella regolazione del metabolismo del glucosio, mentre Kahn et al ( https://doi.org/10.1007/s00125- 021-05415-5 ) delinea i concetti attuali e in evoluzione di azione / resistenza all’insulina nel diabete di tipo 2. Gli autori affermano che la comprensione della fonte primaria dei disturbi metabolici e delle cause della malattia offrirà nuove strade importanti per lo sviluppo di nuove terapie.

Boughton e Hovorka ( https://doi.org/10.1007/s00125-021-05391-w ) delineano un eccellente esempio di un nuovo approccio terapeutico per il diabete, il sistema di somministrazione di insulina a circuito chiuso, riassumendo le prove a supporto e i limiti di questi dispositivi. In una nota simile, Weiss e colleghi (https://doi.org/10.1007/s00125-021-05422-6 ) ci introducono a dispositivi “intelligenti” per la somministrazione di insulina e tecnologie molecolari progettate per sfruttare la regolazione del feedback.

Come approccio alternativo, Douglas Melton ( https://doi.org/10.1007/s00125-020-05367-2 ) esplora la promessa della terapia sostitutiva delle isole derivate da cellule staminali, mentre von Herrath e colleghi ( https: // doi. org / 10.1007 / s00125-021-05398-3 ) forniscono una panoramica delle terapie che possono aiutare a prevenire la distruzione delle cellule beta in primo luogo.

Passando alle complicanze del diabete, David Nathan ( https://doi.org/10.1007/s00125-021-05397-4) dimostra che la terapia insulinica migliora le complicanze a lungo termine del diabete di tipo 1, utilizzando i risultati dello studio DCCT e Epidemiology of Diabetes Interventions and Complications (EDIC). Per completare questa serie speciale, Daniel Drucker ( https://doi.org/10.1007/s00125-021-05396-5 ) guarda al futuro, evidenziando il potenziale delle insuline intelligenti, la somministrazione completamente automatizzata di insulina, la riprogrammazione del sistema immunitario e isole derivate da cellule staminali per alterare la storia naturale e il trattamento del diabete di tipo 1.

Questa serie speciale è fatta in collaborazione con l’Insulin 100 Scientific Symposium dell’Università di Toronto ( https://insulin100.com/ ).