Batticuore

L’influenza può svolgere un ruolo negli attacchi cardiaci che causano la rottura della placca

Ottenere un vaccino contro l’influenza può ridurre il rischio di un tipo comune di infarto nelle persone di età pari o superiore a 60 anni, secondo una nuova ricerca che suggerisce come il virus svolge un ruolo nella rottura della placca.

In uno studio pubblicato giovedì sul Journal of the American Heart Association , i ricercatori in Spagna hanno utilizzato i dati di cinque stagioni influenzali consecutive e si sono concentrati su 8.240 persone che hanno avuto attacchi di cuore di tipo 1. Hanno scoperto che l’influenza e il freddo erano ciascuno indipendentemente associati a un aumento del rischio di quel tipo di infarto e i vaccini antinfluenzali potrebbero ridurre tale rischio tra le persone dai 60 anni in su.
“I nostri risultati suggeriscono che i virus dell’influenza svolgono un ruolo importante nella rottura della placca “, ha detto l’autore dello studio, il dott. J Alberto García-Lledó, capo della cardiologia presso l’Ospedale Universitario Príncipe de Asturias di Madrid. “Lo studio rafforza la necessità di condurre campagne di prevenzione durante le ondate di freddo e le stagioni influenzali. Lo strumento di prevenzione più importante che abbiamo è la vaccinazione antinfluenzale”.
García-Lledó ha detto che gli esperti sanitari di solito mirano a un tasso di vaccinazione antinfluenzale del 60% -70% per le persone sopra i 60 anni, le persone con condizioni ad alto rischio e gli operatori sanitari.

Pubblicità e progresso

“Purtroppo, questi obiettivi non vengono raggiunti in Europa o negli Stati Uniti. È importante cercare di raggiungere questo obiettivo e, se possibile, superarlo”, ha detto. “L’influenza non è una malattia banale. Causa molti decessi prevenibili per ragioni diverse dalla malattia respiratoria stessa”.
Uno studio del 2018 ha rilevato che il rischio di infarto era sei volte superiore entro una settimana dalla conferma dell’infezione influenzale. I risultati sono stati più evidenti per gli anziani e per coloro che hanno subito il loro primo attacco di cuore. Uno studio pubblicato lo scorso anno su più di 80.000 adulti statunitensi ricoverati in ospedale con influenza in otto stagioni influenzali ha rilevato che complicazioni cardiache gravi e improvvise erano comuni e si verificavano in 1 paziente su 8.
L’American College of Cardiology e l’American Heart Association raccomandano da tempo il vaccino antinfluenzale per proteggere dalle complicanze delle malattie cardiovascolari. I Centers for Disease Control and Prevention raccomandano la vaccinazione antinfluenzale annuale per tutti i bambini dai 6 mesi in su.

Alla fine di marzo, il CDC ha affermato che le infezioni settimanali di influenza negli Stati Uniti erano “insolitamente basse”. Ma l’agenzia ha avvertito che COVID-19 ha reso più difficile la misurazione dei casi di influenza e ha avvertito che l’attività influenzale potrebbe aumentare nei prossimi mesi.
Sebbene la stagione influenzale tipicamente raggiunga il picco tra dicembre e febbraio, può durare fino a maggio, motivo per cui il CDC esorta ancora le persone a sottoporsi a un vaccino antinfluenzale questa primavera.

Il dottor Daniel Muñoz ha detto che il nuovo studio a Madrid è stato limitato dal fatto di essere svolto in una singola area metropolitana con un clima temperato.
“Sarebbe interessante vedere se questi dati possono essere replicati in una vasta gamma di località geografiche”, ha detto Muñoz, professore associato di cardiologia presso il Vanderbilt University Medical Center di Nashville, che non è stato coinvolto nella ricerca.

Ma ha detto che è stato “uno studio intelligente e ponderato che getta ulteriore luce sull’idea che l’influenza è un’infezione che colpisce tutto il corpo. Contribuisce al crescente corpo di prove che le vaccinazioni antinfluenzali salvano vite umane”.

La ricerca sottolinea anche la necessità per i professionisti medici “di pensare al di fuori della nostra zona di comfort clinica”, ha detto Muñoz.
“Come cardiologi, impariamo i tradizionali fattori di rischio collaudati, come il fumo, il diabete, l’ipertensione e il colesterolo alto. Ma dobbiamo anche tenere gli occhi ben aperti su altri fattori di rischio. Dobbiamo chiedere ai nostri pazienti, “Hai fatto la vaccinazione antinfluenzale?” E quando necessario, istruiscili sui vantaggi di ottenerne uno “.