Mangiare

Perdere peso attraverso l’esercizio

L’esercizio fisico ti fa venire fame. Un team di scienziati dell’Università tecnica di Monaco e dell’Università del Nebraska ha ora studiato la relazione in uno studio randomizzato.
Immagine: Pexels.de / Andrea Piacquadio

Perché l’attività fisica ti spinge a mangiare di più e come combatterla

In tutto il mondo il 39% degli adulti era in sovrappeso nel 2016, secondo le statistiche dell’Organizzazione mondiale della sanità. Negli Stati Uniti la prevalenza dell’obesità era del 42,4% nel 2017/2018, secondo un sondaggio del National Center for Health Statistics (NCHS).

Pubblicità e progresso

Allo stesso tempo milioni di persone vogliono perdere peso. L’esercizio fisico è un’opzione importante per raggiungere questo obiettivo. Dopotutto, durante lo sport si consumano più calorie rispetto a quando si è seduti, in piedi o sdraiati.

Ma che influenza ha lo sport sulle abitudini alimentari (dirette)? Scienziati dell’Università Tecnica di Monaco (TUM) e dell’Università del Nebraska (USA) hanno ora indagato su questo problema per la prima volta.

Studio randomizzato

“Nel contesto sportivo, abbiamo il fenomeno dell’eccesso di cibo dopo l’attività fisica”, ha affermato il Prof. Köhler, Professore di esercizio, nutrizione e salute presso l’Università tecnica di Monaco. “Le persone vogliono ricompensare se stesse e il proprio corpo per essere attive. Quindi usiamo un ipotetico esperimento per scoprire perché le persone mangiano di più dopo l’esercizio rispetto a quando non fanno esercizio”.

Lo scopo di uno studio incrociato randomizzato era quello di indagare l’influenza dell’esercizio sulle decisioni ipotetiche riguardanti la quantità e la tempistica dell’assunzione di cibo. A tal fine, 41 partecipanti sani (23 donne, 18 uomini) di età compresa tra 19 e 29 anni con un BMI medio di 23,7 sono stati assegnati in modo casuale a una sessione di esercizi di 45 minuti oa un periodo di riposo di uguale durata alla prima visita e completato. l’altra condizione di studio alla seconda visita.

Valutazione soggettiva di fame e sazietà

In ogni caso, il gruppo di formazione ha risposto a un questionario elettronico prima dell’attività fisica sulla valutazione soggettiva di fame e sazietà, quantità preferita di cibo da mangiare e scelta tra cibi che differivano nei tempi di consumo. I soggetti hanno indicato le loro preferenze sulla quantità di cibo elencando la dimensione della porzione desiderata di ogni alimento. Le preferenze sono state ottenute sia per il consumo immediato che per quello successivo del cibo dopo quattro ore.

Dopo aver risposto al primo questionario, i partecipanti hanno eseguito 45 minuti di esercizio aerobico su un cicloergometro. Subito dopo, hanno completato il questionario elettronico una seconda volta e poi una terza volta dopo una pausa di 30 minuti. La procedura per il gruppo senza formazione era identica; invece di 45 minuti di attività fisica, questi partecipanti hanno avuto una pausa di riposo.

Rispetto alla pausa di riposo, l’esercizio ha fornito un aumento maggiore della quantità di cibo scelto, sia immediatamente dopo l’esercizio che 30 minuti dopo. L’attività fisica ha anche determinato un maggiore aumento della preferenza per il consumo di cibo immediato sia immediatamente dopo l’esercizio che 30 minuti dopo.

Perdita di peso attraverso l’esercizio

“Sulla base di questo studio, siamo stati in grado di dimostrare per la prima volta che alcune caratteristiche, come la quantità e l ‘” urgenza “con cui una persona vuole mangiare, cambiano nel corso dello sforzo fisico”, ha detto il Prof. Köhler, classificando i risultati. “Questi risultati ci aiutano a sviluppare nuovi interventi per ottimizzare la perdita di peso attraverso l’esercizio”.

“I risultati effettivi suggeriscono che lo sforzo fisico può invogliare coloro che praticano sport a mangiare quantità maggiori di cibo più rapidamente dopo la sessione di allenamento”, afferma il prof. Köhler. “Poiché la perdita di peso è una motivazione principale per l’esercizio per molti e il mancato raggiungimento della perdita di peso desiderata rende probabile che si smetta di fare esercizio, potrebbe essere una buona strategia pensare a cosa si vuole mangiare in seguito prima di iniziare a fare esercizio.”

L’efficacia di queste e altre possibili strategie, il modo in cui possono migliorare la conformità a lungo termine con i programmi di allenamento e contribuire a risultati di salute favorevoli attraverso la perdita di peso e se l’effetto può eventualmente svanire, è oggetto dell’attuale ricerca degli scienziati.

###

L’IMC è la formula più comune per il calcolo del peso. Viene calcolato quadrando il rapporto tra peso corporeo in chilogrammi e altezza in metri. I valori compresi tra 18,5 e 24,9 sono considerati peso normale.

La ricerca è stata finanziata dalla Food for Health Collaboration Initiative dell’Università del Nebraska.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.