Terapie

Il trattamento naturale a base di vermi della farina previene il diabete tipo 2

Tenebrio molitor (comunemente noto come verme della farina) utilizzato in questo studio. Credito: Università di Granada

Gli scienziati del Bioreactors Research Group (BIO-110) dell’Università di Granada (UGR) hanno dimostrato che un trattamento naturale a base di farina prodotta dall’insetto Tenebrio molitor (più comunemente noto come verme della farina) può aiutare a prevenire il diabete mellito di tipo II.

I ricercatori hanno ottenuto e identificato con successo peptidi (molecole che comprendono uno o più amminoacidi legati da legami chimici) che possono esercitare un effetto preventivo contro il diabete dalla frazione proteica dell’insetto Tenebrio molitor.

Il substrato utilizzato è stato la farina dell’insetto donata dall’azienda Tebrio di Salamanca, azienda pioniera nell’allevamento di insetti su scala industriale in Europa. La produzione di insetti è più sostenibile ed economica rispetto ad altri mezzi per ottenere fonti proteiche e il valore nutritivo di questa fonte è di interesse per il suo utilizzo negli alimenti umani.

Il diabete mellito di tipo II è una delle malattie più diffuse nel mondo oggi, con oltre 400 milioni di persone colpite. L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che sia stata la settima causa di morte più diffusa nel 2016 e che 700 milioni di persone potrebbero essere colpite da questa malattia entro il 2045. Le soluzioni attualmente applicate nel suo trattamento sono le iniezioni di insulina o la somministrazione orale di vari farmaci che agiscono inibendo enzimi come DPP-IV o glucosidasi o analoghi ormonali coinvolti nel ripristino dell’attività insulinica, una caratteristica distintiva di questa malattia. Tuttavia, queste opzioni spesso producono effetti collaterali indesiderati negli esseri umani.

Effetto antidiabetico

Il potenziale utilizzo di peptidi derivati ??da proteine ??alimentari con la capacità di inibire questi enzimi, generando in tal modo un effetto antidiabetico nel paziente, è attualmente oggetto di studio attivo. Il suo vantaggio rispetto ai trattamenti attuali è l’assenza di effetti collaterali e la relativa facilità con cui questi peptidi possono essere ottenuti utilizzando risorse proteiche naturali. Esistono studi in vivo con latte e proteine ??marine, ad esempio, che dimostrano che sono un’alternativa fattibile per l’uso come ingredienti attivi in ??alimenti funzionali.

Lo studio condotto presso l’UGR si è concentrato sull’ottenimento di peptidi con capacità antidiabetica e ha comportato l’ottimizzazione del rilascio di peptidi contenuti nella proteina di Tenebrio molitor mediante processi enzimatici. Gli scienziati hanno ottenuto con successo idrolizzati proteici di insetti con valori di bioattività paragonabili alle fonti tradizionali, indicando la possibilità di incoraggiare la produzione di questo tipo di prodotto da questa fonte proteica sostenibile . Sono stati identificati sette peptidi inibitori dell’enzima DPP-IV, con una lunghezza media di 5 aminoacidi, e sei peptidi inibitori dell’enzima glucosidasi, con una lunghezza media compresa tra 2 e 4 aminoacidi .

L’uso di insetti negli alimenti funzionali è, e continuerà ad essere, un argomento di ricerca molto rilevante in quanto offre una potenziale soluzione alle varie sfide che attualmente dobbiamo affrontare nella società, concludono i ricercatori dell’UGR.


Ulteriori informazioni: Fernando Rivero-Pino et al. Peptidi derivati ??da alimenti antidiabetici per l’alimentazione funzionale: produzione, funzionalità e prove in vivo, alimenti (2020). DOI: 10.3390 / foods9080983

Fernando Rivero-Pino et al. Effetto del pretrattamento ad ultrasuoni e dell’idrolisi sequenziale sulla produzione di peptidi antidiabetici Tenebrio molitor, Food and Bioproducts Processing (2020). DOI: 10.1016 / j.fbp.2020.07.003

Fernando Rivero Pino et al. Valutazione della proteina Tenebrio molitor come fonte di peptidi per la modulazione dei processi fisiologici, Food & Function (2020). DOI: 10.1039 / D0FO00734J

Fernando Rivero-Pino et al. Identificazione di nuovi peptidi inibitori della dipeptidil peptidasi IV e dell’?-glucosidasi da Tenebrio molitor, Food & Function (2020). DOI: 10.1039 / D0FO02696D

Categorie:Terapie

Con tag: