Batticuore

Nuovi consigli per i medici che curano l’ipertensione

Il professor Bill McEvoy, professore di cardiologia preventiva presso NUI Galway e un cardiologo consulente presso l’ospedale universitario di Galway.

La scoperta  della National University of Ireland sulla condizione di killer silenzioso potrebbe cambiare profondamente l’assistenza ai pazienti

Una nuova ricerca guidata da un professore della NUI Galway è destinata a cambiare il modo in cui i medici trattano alcuni pazienti con ipertensione, una condizione che colpisce più di un uomo su quattro e una donna su cinque.

Pubblicità e progresso

Lo studio dei ricercatori della NUI Galway, della Johns Hopkins University e della Harvard Medical School non ha trovato prove che la pressione diastolica – la lettura più bassa in un test della pressione sanguigna – possa essere dannosa per i pazienti se ridotta a livelli precedentemente considerati troppo bassi.

Il ricercatore capo Bill McEvoy, professore di cardiologia preventiva presso NUI Galway e un cardiologo consulente presso l’ospedale universitario di Galway, ha affermato che i risultati hanno il potenziale per influenzare immediatamente l’assistenza clinica dei pazienti.

Il professor McEvoy ha dichiarato: “Ora abbiamo una ricerca dettagliata basata sulla genetica che fornisce ai medici la necessaria chiarezza su come trattare i pazienti che hanno un pattern di valori sistolici elevati – la lettura più alta per la pressione sanguigna – ma valori bassi per la diastolica, o in basso, leggendo.

“Questo tipo di pattern della pressione sanguigna è spesso osservato negli anziani. Vecchi studi che utilizzavano metodi di ricerca meno affidabili suggerivano che il rischio di un attacco di cuore iniziava ad aumentare quando la pressione diastolica era inferiore a 70 o superiore a 90. Pertanto, si presumeva che ci fosse un punto debole per la lettura diastolica “.

L’ipertensione è una delle principali cause di morte prematura in tutto il mondo, con oltre 1 miliardo di persone affette da questa condizione. È collegato al cervello, ai reni e ad altre malattie, ma è meglio conosciuto come fattore di rischio per l’infarto. Più recentemente, l’ipertensione è emersa come una delle principali condizioni sottostanti che aumentano il rischio di esiti negativi per le persone che vengono infettate da Covid-19.

Il professor McEvoy e il team di ricerca internazionale hanno analizzato i dati genetici e di sopravvivenza di oltre 47.000 pazienti in tutto il mondo. Lo studio, pubblicato sulla prestigiosa rivista medica Circulation , ha mostrato:

  • Non sembra esserci alcun limite inferiore di normalità per la pressione sanguigna diastolica e nessuna prova in questa analisi genetica che la pressione sanguigna diastolica possa essere troppo bassa.
  • Non c’era evidenza genetica di un aumento del rischio di malattie cardiache quando la lettura della pressione diastolica di un paziente è bassa come 50.
  • Gli autori hanno anche confermato che i valori della pressione sanguigna superiore, sistolica, superiori a 120 aumentavano il rischio di malattie cardiache e ictus.

I farmaci per la pressione sanguigna riducono i valori sia sistolici che diastolici.

Il professor McEvoy ha aggiunto: “Poiché i medici spesso si concentrano sul mantenere la lettura della pressione sanguigna inferiore nell’intervallo 70-90, potrebbero aver trattato male alcuni adulti con pressione sanguigna sistolica costantemente alta.

“I risultati di questo studio consentono ai medici di curare il valore sistolico quando è elevato e di non preoccuparsi che la pressione diastolica si abbassi troppo.

“Il mio consiglio ora ai medici di base è di trattare i loro pazienti con pressione alta a un livello sistolico compreso tra 100-130 mmHg, ove possibile e senza effetti collaterali, e di non preoccuparsi del valore della pressione diastolica”. Il dottor Joe Gallagher, capo dell’Irish College of General Practioners ‘, National Heart Program, ha dichiarato: “Questi dati aiutano a rimuovere l’incertezza su come trattare le persone che hanno una pressione sanguigna sistolica elevata ma bassa pressione sanguigna diastolica. Questo è un problema clinico comune che causa molto dibattito. Contribuirà ad avere un impatto sulla pratica clinica a livello internazionale e mostra l’importanza dei ricercatori irlandesi nella ricerca clinica “.

Il team di ricerca ha utilizzato nuove tecnologie per tenere conto di informazioni genetiche imparziali, il che non era il caso di precedenti studi osservazionali. Hanno valutato i dati di 47.407 pazienti in cinque gruppi con un’età media di 60 anni.

Categorie:Batticuore

Con tag: