Comunicazione

Una visita al ‘Dr. Google “migliora i pazienti nella diagnosi

I professionisti medici spesso consigliano ai pazienti di non cercare su Internet i loro sintomi prima di entrare in clinica, tuttavia molte persone si rivolgono al “Dr. Google” quando si sentono male. Le preoccupazioni riguardo ai “cybercondri”, o all’aumentata ansia indotta da Internet, hanno reso controverso il valore dell’utilizzo delle ricerche su Internet. In un nuovo studio che ha utilizzato esempi di casi, i ricercatori del Brigham and Women’s Hospital e del Dipartimento delle politiche sanitarie della Harvard Medical School hanno esplorato l’impatto delle ricerche su Internet sulle capacità dei pazienti di raggiungere una diagnosi corretta. Hanno scoperto che i risultati dello studio suggeriscono che Internet potrebbe non essere così dannoso, dopo tutto. I partecipanti su tutta la linea hanno dimostrato modesti miglioramenti nel raggiungere una diagnosi accurata dopo aver cercato i sintomi su Internet. I partecipanti inoltre non hanno mostrato differenze nell’ansia segnalata né nelle capacità di triage. I risultati sono pubblicati in JAMA Network Open .

“Ho pazienti tutto il tempo, dove l’unica ragione per cui vengono nel mio ufficio è perché hanno cercato qualcosa su Google e Internet ha detto che hanno il cancro. Mi chiedevo: ‘Sono tutti pazienti? Quanta cybercondria sta creando Internet?'”, Ha detto autore corrispondente David Levine, MD, MPH, della Divisione di Medicina Interna Generale e Assistenza Primaria al Brigham.

Pubblicità e progresso

In uno studio su 5.000 partecipanti, a ciascuna persona è stato chiesto di leggere una breve vignetta di un caso che descriveva una serie di sintomi e di immaginare che qualcuno vicino a loro stesse sperimentando i sintomi descritti. Ai partecipanti è stato chiesto di fornire una diagnosi basata sulle informazioni fornite, quindi cercare i sintomi del loro caso su Internet e offrire nuovamente una diagnosi. I casi variavano da lievi a gravi, ma descritti malattie che comunemente colpiscono le persone comuni, come virus, infarti e ictus. Oltre a diagnosticare una determinata condizione, ciascuno dei partecipanti ha selezionato un livello di triage, che va da “lascia che il problema di salute migliori da solo” a “chiama i soccorsi”. I membri dello studio hanno quindi registrato i loro livelli di ansia individuali.

In particolare, Levine e il coautore Ateev Mehrota, MD, MPH, un hospitalist presso la Harvard Medical School, hanno scoperto che le persone erano leggermente più brave a diagnosticare correttamente i loro casi dopo aver eseguito una ricerca su Internet. I partecipanti non hanno dimostrato alcuna differenza nelle loro capacità di triage né hanno segnalato un cambiamento nell’ansia dopo aver utilizzato Internet.

“Il nostro lavoro suggerisce che è probabile che sia giusto dire ai nostri pazienti di” cercarlo su Google “”, ha detto Levine. “Questo inizia a costituire la base di prove che non ci sono molti danni in questo, e, in effetti, potrebbero esserci dei buoni”.

Gli autori notano che una limitazione a questo studio è che ai partecipanti è stato chiesto di fingere come se una persona cara avesse i sintomi descritti dalla vignetta del caso. Non è del tutto chiaro che le persone si comporterebbero allo stesso modo dopo aver sperimentato i sintomi stessi. Inoltre, gli autori fanno notare che questo studio non è rappresentativo di tutte le persone che utilizzano Internet per ricerche relative alla salute.

Levine prevede inoltre di espandere l’ambito di questo studio esaminando la capacità dell’intelligenza artificiale (AI) di utilizzare Internet per diagnosticare correttamente i pazienti.

“Il prossimo studio utilizza un algoritmo AI generalizzato, addestrato su tutto il testo open source di Internet come Reddit e Twitter, e poi lo usa per rispondere quando richiesto”, ha detto Levine. “L’intelligenza artificiale può integrare il modo in cui le persone usano Internet? Può integrare il modo in cui i medici usano Internet? Questo è ciò che ci interessa indagare”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.