Sport e movimento

Vuoi essere robusto oltre i 40 anni? Il rispetto delle linee guida sugli esercizi minimi non lo taglierà

ballerina, lake, sunset

Photo by marcianofab on Pixabay

5 ore di attività moderata a settimana possono essere necessarie per evitare l’ipertensione di mezza età, mostra uno studio condotto dall’UCSF

I giovani adulti devono intensificare la loro routine di esercizi per ridurre le loro possibilità di sviluppare ipertensione o ipertensione, una condizione che può portare a infarto e ictus, nonché demenza in età avanzata.

Pubblicità e progresso

Le attuali linee guida indicano che gli adulti dovrebbero avere un minimo di due ore e mezza di esercizio a intensità moderata ogni settimana, ma un nuovo studio condotto dagli ospedali pediatrici UCSF Benioff rivela che aumentare l’esercizio fino a cinque ore a settimana può proteggere da ipertensione nella mezza età, in particolare se è sostenuta tra i trenta, i quaranta e i cinquanta.

Nello studio pubblicato il 15 aprile sull’American Journal of Preventive Medicine , i ricercatori hanno seguito per 30 anni circa 5.000 adulti di età compresa tra 18 e 30 anni. Ai partecipanti è stato chiesto informazioni sulle loro abitudini di esercizio, anamnesi medica, abitudine al fumo e consumo di alcol. Sono stati monitorati la pressione sanguigna e il peso, insieme a colesterolo e trigliceridi.

L’ipertensione è stata rilevata se la pressione sanguigna era 130 su 80 mmHg, la soglia stabilita nel 2017 dall’American College of Cardiology / American Heart Association.

I 5.115 partecipanti erano stati arruolati dallo studio Coronary Artery Risk Development in Young Adults (CARDIA) e provenivano da siti urbani di Birmingham, Ala., Chicago, Minneapolis e Oakland, in California. Circa la metà dei partecipanti erano neri (51,6%) e il resto erano bianchi. Poco meno della metà (45,5 per cento) erano uomini.

I livelli di forma fisica diminuiscono rapidamente per gli uomini di colore che portano a una maggiore ipertensione

Tra i quattro gruppi, classificati in base alla razza e al sesso, gli uomini neri sono risultati i più attivi nella prima età adulta, esercitando leggermente più degli uomini bianchi e significativamente più delle donne nere e delle donne bianche. Ma quando gli uomini di colore hanno raggiunto i 60 anni, l’assunzione di esercizi fisici era scesa da un picco di circa 560 unità di esercizio a circa 300 unità, l’equivalente del minimo di due ore e mezza a settimana di esercizio di intensità moderata raccomandato dal Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti. Questo è stato sostanzialmente meno esercizio rispetto agli uomini bianchi (circa 430 unità) e leggermente superiore alle donne bianche (circa 320 unità). Dei quattro gruppi, le donne di colore hanno fatto il minimo esercizio durante il periodo di studio e hanno visto un calo nel tempo a circa 200 unità.

“Sebbene i giovani maschi neri possano avere un alto coinvolgimento nello sport, i fattori socioeconomici, gli ambienti di vicinato e le responsabilità lavorative o familiari possono impedire il coinvolgimento continuo nell’attività fisica durante l’età adulta”, ha detto il primo autore Jason Nagata, MD, della UCSF Division of Adolescent e medicina per giovani adulti. Inoltre, gli uomini di colore hanno riportato i più alti tassi di fumo, che potrebbero precludere l’attività fisica nel tempo, ha osservato.

L’attività fisica per gli uomini bianchi è diminuita tra i ventenni e i trent’anni e si è stabilizzata intorno ai 40 anni. Per le donne bianche, l’attività fisica si aggirava intorno a 380 unità di esercizio, scendendo sui trent’anni e rimanendo costante fino ai 60 anni.

I tassi di ipertensione rispecchiavano questo calo dell’attività fisica. Circa l’80-90% degli uomini e delle donne di colore aveva ipertensione entro i 60 anni, rispetto a poco meno del 70% per gli uomini bianchi e al 50% per le donne bianche.

“I risultati di studi clinici controllati randomizzati e studi osservazionali hanno dimostrato che l’esercizio fisico abbassa la pressione sanguigna, suggerendo che potrebbe essere importante concentrarsi sull’esercizio come un modo per abbassare la pressione sanguigna in tutti gli adulti mentre si avvicinano alla mezza età”, ha detto l’autore senior Kirsten Bibbins- Domingo, MD, PhD, del Dipartimento di Epidemiologia e Biostatistica dell’UCSF.

“Gli adolescenti e coloro che hanno poco più di vent’anni possono essere fisicamente attivi, ma questi modelli cambiano con l’età. Il nostro studio suggerisce che il mantenimento dell’attività fisica durante la giovane età adulta – a livelli più alti di quelli precedentemente raccomandati – può essere particolarmente importante”.

Più esercizio fisico dalla giovinezza alla mezza età offre la migliore protezione contro l’ipertensione

Quando i ricercatori hanno esaminato il 17,9% dei partecipanti che avevano un esercizio moderato per almeno cinque ore alla settimana durante la prima età adulta – il doppio del minimo raccomandato – hanno scoperto che la probabilità di sviluppare ipertensione era inferiore del 18% rispetto a coloro che si allenavano per meno di cinque ore una settimana. La probabilità era ancora più bassa per l’11,7% dei partecipanti che hanno mantenuto le proprie abitudini di esercizio fino all’età di 60 anni.

I pazienti dovrebbero essere interrogati sull’attività fisica nello stesso modo in cui vengono regolarmente controllati per la pressione sanguigna, i profili glicemici e lipidici, l’obesità e il fumo, ha detto Nagata, ei programmi di intervento dovrebbero essere tenuti nelle scuole, college, chiese, luoghi di lavoro e organizzazioni comunitarie. Le donne nere hanno alti tassi di obesità e fumo e bassi tassi di attività fisica, ha detto, e dovrebbero essere un gruppo importante per un intervento mirato.

“Quasi la metà dei nostri partecipanti in giovane età adulta aveva livelli subottimali di attività fisica, che era significativamente associata con l’inizio dell’ipertensione, indicando che abbiamo bisogno di aumentare lo standard minimo per l’attività fisica”, ha detto Nagata. “Questo potrebbe essere particolarmente vero dopo il liceo, quando le opportunità di attività fisica diminuiscono man mano che i giovani adulti passano all’università, la forza lavoro e la genitorialità e il tempo libero viene eroso”.