Ricerca

Diabete tipo 1 e malattie autoimmuni: la ricerca ha identificato le varianti genetiche che influiscono sul funzionamento delle cellule immunitarie

Fig. 1: Proprietà PU.1 fattore di trascrizione QTL. Da: perturbazione genetica del legame PU.1 e loop della cromatina nei potenziatori dei neutrofili si associa alla malattia autoimmune. Credito: Nature Communications (2021). DOI: 10.1038 / s41467-021-22548-8

I ricercatori hanno combinato il sequenziamento dell’intero genoma e il profilo funzionale delle cellule immunitarie per comprendere meglio l’impatto delle varianti genetiche sulla malattia.

Alcune varianti genetiche che causano il legame alle proteine ??modificate nelle cellule immunitarie , sono anche osservate in quelle ad alto rischio di alcune malattie autoimmuni , ha scoperto una nuova ricerca.

Pubblicità e progresso

Scienziati del Wellcome Sanger Institute, Josep Carreras Leukemia Research Institute in Spagna e MRC London Institute of Medical Sciences (LMS) hanno scoperto che si trovano anche alcune varianti genetiche, che alterano la capacità di legame di una proteina chiamata PU.1 nei neutrofili. essere associato alla suscettibilità alle malattie autoimmuni.

Questo nuovo studio, pubblicato su Nature Communications (16 aprile 2021), si basa su una ricerca precedente denominata BLUEPRINT. BLUEPRINT ha rivelato come la variazione delle caratteristiche e del numero delle cellule del sangue possa influenzare il rischio di una persona di sviluppare malattie complesse come malattie cardiache e malattie autoimmuni tra cui artrite reumatoide, asma, celiachia e diabete di tipo 1.

Questa nuova ricerca ha fornito maggiori dettagli meccanicistici su come PU.1 e neutrofili sono influenzati dalla variazione genetica e ha fornito ai ricercatori un elenco di geni candidati che sarebbero di interesse per ulteriori ricerche per indagare se questi hanno un effetto causale sullo sviluppo di autoimmuni. malattia.

Le differenze tra gli individui, come il rischio di malattia, possono essere influenzate da una serie di fattori. Mentre alcune di queste variazioni sono influenzate dall’ambiente e da fattori esterni come la dieta, c’è una componente sostanziale guidata dalla genetica. Tuttavia, la maggior parte delle variazioni non è determinata dalla funzione di un singolo gene, ma piuttosto dalla somma di molti sottili cambiamenti nei geni o nelle regioni che controllano l’attività del gene.

In precedenza, BLUPERINT ha condotto studi di associazione genome-wide su larga scala (GWAS) per indagare quali differenze genetiche sono collegate ai cambiamenti nelle cellule del sangue e se queste hanno un legame con la malattia. I GWAS sono potenti strumenti per identificare le regioni del genoma associate alla variazione e alle malattie umane. Tuttavia, GWAS non prende in considerazione tipi di cellule specifici, il che rende difficile determinare i geni codificati da determinate regioni e i tipi di cellule che regolano.

In questa nuova ricerca, scienziati del Wellcome Sanger Institute, Josep Carreras Leukemia Research Institute, Spagna, e MRC London Institute of Medical Sciences (LMS), hanno combinato i precedenti dati GWAS con un’analisi funzionale approfondita dei neutrofili, un tipo di cellula immunitaria che costituiscono l’80% dei globuli bianchi nel corpo.

Hanno scoperto che le varianti genetiche associate ad un aumentato rischio di malattie autoimmuni hanno anche un impatto sul legame di una certa proteina nei neutrofili, nota come PU.1. Alcune varianti genetiche hanno reso PU.1 incapace di legarsi al DNA dei neutrofili, il che ha portato a successivi cambiamenti nell’espressione genica e nel comportamento dei neutrofili.

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per vedere se questo cambiamento nella capacità di PU.1 di legarsi causi direttamente alcune malattie autoimmuni, questa ricerca fornisce ulteriori informazioni sull’impatto di queste varianti genetiche sulle cellule del corpo. Oltre a questo, i ricercatori suggeriscono un elenco di geni candidati che potrebbero contenere ulteriori informazioni sulle cause genetiche delle malattie autoimmuni .

Categorie:Ricerca

Con tag:,