Assistenza sociosanitaria

Il futuro della sanità è mobile e i consulti in ambulanza riducono i tempi critici di trattamento per i pazienti colpiti da ictus

Il programma di telestroke di MUSC Health offre ai pazienti una migliore possibilità di recupero riducendo i tempi di trattamento

Diciotto minuti potrebbero essere tutto ciò che serve per garantire un pieno recupero per i pazienti colpiti da ictus nelle zone rurali del Sud Carolina.

Pubblicità e progresso

Modificando i flussi di lavoro EMS e incorporando tecniche di telemedicina, i medici del MUSC Health hanno collaborato con il Georgetown Memorial Hospital e l’Hampton Regional Medical Center per ridurre significativamente il tempo tra l’insorgenza dei sintomi di ictus di un paziente e il loro trattamento, come recentemente riportato nel Journal of Stroke and Cerebrovascular Diseases .

Attraverso la rete Telestroke di MUSC Health, i tecnici medici di emergenza (EMT) possono videochattare con specialisti in ictus per iniziare la consultazione di un paziente prima ancora che arrivino in ospedale.

“Ci siamo resi conto che se avessimo potuto iniziare a vedere questi pazienti con ictus prima che arrivassero al pronto soccorso, avremmo potuto ridurre il tempo necessario per curarli”, ha detto Christine Holmstedt, DO , direttore medico del Comprehensive Stroke Center di MUSC Health.

Un ictus si verifica quando il flusso di sangue al cervello viene interrotto. In un ictus ischemico, il flusso sanguigno è ostruito da un blocco in un’arteria che porta al cervello. In un ictus emorragico, c’è un’emorragia nel tessuto cerebrale da un vaso sanguigno scoppiato e in entrambi i casi il tempo è della massima importanza.

I trattamenti per l’ictus sono estremamente sensibili al tempo e devono essere avviati il ??prima possibile dopo che i pazienti iniziano a manifestare i sintomi dell’ictus al fine di migliorare i risultati clinici e ridurre le loro possibilità di invalidità o morte.

I trattamenti per l’ictus acuto includono l’agente di rottura del coagulo per via endovenosa alteplase (tPA) e / o una trombectomia meccanica in cui un dispositivo viene fatto passare attraverso il vaso sanguigno per rompere il coagulo. Con questa risposta rapida, i medici assicurano le maggiori possibilità di guarigione e ogni minuto di riduzione del trattamento migliora di più le possibilità dei loro pazienti. Il cervello umano medio contiene 22 miliardi di neuroni, secondo un articolo su Stroke , e durante un ictus ischemico acuto, 1,9 milioni vengono persi ogni minuto.

Il nuovo flusso di lavoro di telestroke nello studio prevedeva una comunicazione a tre vie tra lo specialista in ictus, l’EMT, il paziente e l’infermiera ospedaliera ricevente e il medico di medicina d’urgenza. Gli EMT potrebbero persino iniziare la consultazione mentre sono ancora a casa del paziente e chiedere ai membri della famiglia una storia più accurata del paziente. L’esecuzione del consulto e dell’esame sulla strada per l’ospedale ha permesso ai medici e agli infermieri del pronto soccorso di essere più preparati per il loro paziente con ictus in arrivo. Holmstedt ha sottolineato alcuni pazienti che sono stati reindirizzati a un centro di ictus completo mentre si recavano all’ospedale più vicino perché l’ictus era troppo grave per gli ospedali locali. Alcuni pazienti sono stati persino portati in aereo al MUSC dalle loro case se l’esame ha rivelato che avevano bisogno di cure e cure più specializzate.

Prima del programma di telestroke, i pazienti colpiti da ictus sarebbero stati portati direttamente all’ospedale più vicino, dove avrebbero iniziato l’esame subito dopo il loro arrivo. Il loro trattamento sarebbe continuato lì, oppure potevano essere trasferiti in un altro ospedale. Con il nuovo flusso di lavoro, tale esame avviene durante il percorso, riducendo i tempi critici di trattamento.

“Una riduzione di 15 minuti nella porta al trattamento porta a pazienti con complicanze ridotte da tPA e una significativa riduzione della disabilità o della morte”, ha detto Holmstedt. “Hanno maggiori probabilità di essere dimessi in una riabilitazione acuta piuttosto che in cure a lungo termine, e hanno risultati funzionali molto migliori”. Questi nuovi protocolli hanno influenzato ulteriormente quella riduzione di 15 minuti, riducendo i tempi medi di trattamento da 38 minuti a 20.

Questo programma è particolarmente importante nelle aree rurali dove i pazienti sono distribuiti geograficamente. Altri programmi negli Stati Uniti hanno incorporato unità di ictus mobili, che sono armate con attrezzature vitali per l’ictus come gli scanner TC, ma queste unità di ictus possono costare fino a $ 2.000.000 e non sono fattibili per la Carolina del Sud. In confronto, la console di telestroke costa circa $ 2.000 per ambulanza e aiuta le aree rurali a vedere esperti di ictus prima ancora che arrivino in ospedale, secondo Holmstedt.

All’inizio del 2015, il programma di telestroke è iniziato con una partnership tra Holmstedt e il direttore dell’EMS di Georgetown Dale Hewitt e la coordinatrice dell’ictus dell’ospedale di Georgetown Jessica Hewitt. Hanno iniziato con 5 ambulanze in 1 contea per testare il concetto e la fattibilità del programma e da allora sono cresciuti fino a 26 camion aggiuntivi in ??5 diverse contee in tutto lo stato.

Holmstedt sta attualmente lavorando con il MUSC College of Health Professions e la Clemson University per valutare l’impatto economico del programma di telestroke e il potenziale per un’ulteriore espansione.

“Questi risultati migliorati riducono la disabilità e persino la morte per i pazienti con ictus acuto”, ha detto Holmstedt. “E non hanno un impatto negativo sul flusso di lavoro EMT, quindi possiamo offrire opzioni di trattamento più efficienti alla popolazione rurale dello stato. E questo è significativo”.