Assistenza sociosanitaria

Per i pazienti più anziani, concentrarsi su ciò che conta è spesso la migliore medicina

Una donna di 80 anni voleva giocare con i suoi pronipoti quando venivano in visita, ma il dolore al ginocchio le rendeva difficile. Un uomo sulla settantina ha detto che gli piaceva andare a cena fuori, ma era vincolato dalle linee guida per la preparazione dei pasti che doveva seguire a causa del suo diabete.

Entrambe le persone hanno più condizioni croniche. Hanno anche obiettivi di vita, cose che vogliono fare per vivere pienamente le loro vite, come giocare con i nipoti e andare a mangiare fuori. Comprendere questi obiettivi e le loro barriere aiuta i medici ad allineare le cure con ciò che conta di più per i loro pazienti, eliminando le cure sanitarie indesiderate , hanno affermato gli autori di un rapporto pubblicato il 24 marzo su JAMA Network Open .

Pubblicità e progresso

Il rapporto, la prima descrizione sistematica delle priorità di assistenza sanitaria degli anziani, descrive un processo strutturato chiamato Priorità di salute del paziente che gli operatori sanitari possono seguire per identificare gli obiettivi di vita degli anziani con più condizioni croniche e le loro preferenze sanitarie .

“Vi è una crescente consapevolezza della necessità di trasferire l’assistenza sanitaria, in particolare per le persone con più patologie croniche, dal trattamento di singole malattie in isolamento all’assistenza sanitaria in linea con le priorità dei pazienti”, ha affermato Mary Tinetti, MD, ricercatrice principale del Patient Priorities Care study e Gladys Phillips Crofoot Professor of Medicine (Geriatrics) presso Yale School of Medicine (YSM).

Durante lo studio, gli operatori sanitari hanno chiesto a 163 pazienti di età pari o superiore a 65 anni e con più malattie croniche di identificare ciò che apprezzano di più nella vita come il collegamento con la famiglia, l’essere produttivi o il rimanere indipendenti. Hanno quindi chiesto quali attività specifiche e realistiche volevano di più poter svolgere che riflettessero i loro valori. Ai partecipanti è stato anche chiesto di descrivere le barriere che impedivano loro di raggiungere i loro obiettivi, come visite mediche non necessarie, l’assunzione di troppi farmaci o problemi di salute come affaticamento e mancanza di respiro.

“I farmaci, le visite mediche, i test, le procedure e le attività di autogestione implicate nel trattamento di più condizioni croniche richiedono investimenti di tempo e sforzi che possono essere gravosi e in conflitto con ciò che i pazienti sono disposti e in grado di fare”, ha detto Tinetti.

Lo studio è stato condotto su pazienti di 10 medici di assistenza primaria di uno studio multi-sito nel Connecticut che hanno invitato i pazienti a partecipare durante le visite di routine. I partecipanti dovevano avere almeno 65 anni e avere almeno tre condizioni di salute croniche che erano state trattate con almeno 10 farmaci da prescrizione. Dovevano anche essere affidati alle cure di due o più specialisti, o aver visitato il pronto soccorso almeno due volte, o essere stati ricoverati una volta, nell’ultimo anno. Dei 236 pazienti dello studio, 163 hanno accettato di partecipare. La maggior parte dei partecipanti era bianca, di sesso femminile, di circa 78 anni e aveva quattro condizioni croniche . Quasi la metà aveva un livello di scuola superiore o un’istruzione inferiore.

Ai partecipanti è stato chiesto di identificare i propri valori con domande del tipo: “Cosa significa per te godersi la vita?” e “Quando hai una buona giornata, cosa succede?” I loro fornitori di assistenza sanitaria hanno quindi lavorato con loro per assicurarsi che la loro cura fosse focalizzata sul raggiungimento di quegli obiettivi. Ai partecipanti è stato anche chiesto quali problemi di salute interferissero maggiormente con i loro obiettivi e quali aspetti della loro assistenza sanitaria trovassero utili e che ritenevano inutili o troppo gravosi.

I 163 partecipanti hanno identificato 459 obiettivi di risultato, i più comuni dei quali erano la condivisione dei pasti con amici e familiari (7,8%); in visita con i nipoti (16,3%); fare la spesa (6,1%) e fare esercizio (4,6%). Venti partecipanti (4,4%) hanno affermato di voler essere in grado di rimanere nelle loro case e vivere in modo indipendente. Ostacoli comuni ai loro obiettivi erano il dolore (41%); stanchezza, mancanza di energia o sonno scarso (14,4%); instabilità (13,5%); e mancanza di respiro e vertigini (6,1%).

Trentadue partecipanti (19,8%) sentivano di assumere troppi farmaci, mentre 57 (35,0%) hanno riferito di avere sintomi fastidiosi dai loro farmaci ma non hanno menzionato farmaci specifici. Inoltre, 43 (26%) partecipanti hanno affermato che le visite ai loro medici di base e specialisti sono state utili, sebbene 15 (9%) abbiano affermato di avere troppe visite o dottori. “Sono stanco di andare da così tanti dottori.”

Capire cosa è importante per i pazienti può aiutare con la comunicazione e il processo decisionale paziente-medico, ha detto Tinetti. “Se gli obiettivi di risultato di un paziente non sono realizzabili o realistici dato il loro stato di salute, una conversazione potrebbe includere” Temo che potresti non essere in grado di continuare ad accompagnare i tuoi amici a teatro. Mi chiedo se ci siano altri modi per soddisfare il tuo desiderio di vedere spettacoli e connettersi con i tuoi amici che potrebbero essere più realizzabili “.

I partecipanti provenivano da una singola pratica con una popolazione di pazienti omogenea; i risultati potrebbero non essere generalizzati ad altre popolazioni e l’identificazione delle priorità di diversi gruppi è essenziale, hanno osservato gli autori del rapporto. “Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, lo studio suggerisce la fattibilità di chiedere alle persone i loro obiettivi e preferenze e ottenere risposte che possono informare il processo decisionale”, ha detto Tinetti.

Lancio del sito web auto-diretto

Un sito web appena lanciato, MyHealthPriorities.org , è nato dall’iniziativa Patient Priorities Care. Le persone possono utilizzare il sito Web per identificare le proprie priorità in modo da discuterne con il proprio team sanitario.

“Quando non c’è un operatore sanitario disponibile per l’identificazione delle priorità sanitarie, ora c’è questa opzione del sito web auto-diretto”, ha detto Jessica Esterson, MPH, direttore del progetto nella Sezione di Geriatria di YSM. “Vogliamo diffondere questa capacità al maggior numero possibile di anziani. Fornendo il sito web direttamente alle persone, ampliamo notevolmente la sua portata e il suo potenziale”.

Il sito web guida le persone attraverso il processo di identificazione delle priorità sanitarie per l’assistenza sanitaria prioritaria. Alla fine avranno un riepilogo da portare ai loro medici che delinea le loro priorità di salute: le attività che desiderano che la loro assistenza sanitaria li aiuti a realizzare in base a ciò che sono disposti e in grado di fare.

Tinetti incoraggia le persone di tutte le età, in particolare gli anziani con più condizioni di salute, a utilizzare MyHealthPriorities.org. “Ti aiuterà a pensare a cose a cui non hai pensato prima e a capire meglio ciò che conta di più per te della tua salute e assistenza sanitaria”, ha detto Tinetti. “È importante per te, la tua famiglia e i tuoi medici.”