Assistenza sociosanitaria

Anziani: l’infrastruttura di assistenza a lungo termine deve essere reimmaginata in un mondo post-pandemico

Nurse helping senior woman to walk

Secondo i ricercatori, proteggere i residenti dell’assistenza a lungo termine dai focolai richiede infrastrutture diverse, condizioni di personale adeguate e una cultura della garanzia della qualità.

Gli esperti hanno inoltre stabilito che la progettazione di spazi più piccoli e più accoglienti ridurrebbe al minimo la diffusione di virus, promuovendo al contempo una migliore salute e qualità della vita per i residenti.

Pubblicità e progresso

“Le epidemie nella comunità e la mancanza di dispositivi di protezione individuale sono stati i principali fattori di insorgenza dell’epidemia nelle case di cura a lungo termine e l’ambiente edificato è stato il principale determinante della gravità dell’epidemia”, ha affermato George Heckman, professore della School of Public Health and Health di Waterloo Systems and Schlegel Research Chair in Geriatric Medicine con il Research Institute for Aging.

“Dobbiamo distinguere tra abitazioni su piccola scala e abitazioni su piccola scala, utilizzando le caratteristiche architettoniche per creare spazi poco affollati e simili a una casa, ma all’interno di un’infrastruttura sufficientemente resiliente per evitare carenze critiche di personale come quelle vissute da alcune case molto piccole in Italia e gli Stati Uniti “.

Negli Stati Uniti, i dati dell’analisi geospaziale e del monitoraggio del cellulare hanno mostrato che le epidemie erano più probabili quando il personale si spostava da quartieri con alta circolazione virale e in case grandi con più traffico di personale.

I ricercatori hanno affermato che nel caso dell’Ontario, le simulazioni hanno rilevato che il 31% delle infezioni e il 31% dei decessi avrebbero potuto essere prevenuti se tutti i residenti in Ontario a lungo termine avessero avuto stanze singole. Tuttavia, sarebbero state necessarie 30.000 nuove stanze private.

“I responsabili politici devono reinventare le infrastrutture di assistenza a lungo termine in un mondo post-pandemia, tenendo presente che le case più piccole supportano migliori risultati per i residenti e sono più resistenti contro le epidemie infettive”, ha detto Heckman. “I nuovi sviluppi di case di cura a lungo termine su larga scala dovrebbero essere fortemente scoraggiati”.

Altri fattori che migliorerebbero il benessere dei residenti e frenerebbero la diffusione delle infezioni virali includono un addetto al controllo delle infezioni dedicato in tutte le case di cura a lungo termine, condizioni di personale adeguate e quadri di garanzia di alta qualità.

Hong Kong, ad esempio, ha imparato dall’epidemia di SARS del 2003 e ha implementato diverse politiche che hanno portato al successo quando si è trattato di COVID-19. Hanno sviluppato linee guida per la prevenzione delle malattie trasmissibili nell’assistenza a lungo termine, incluso che tutte le case hanno un addetto al controllo delle infezioni, conducono esercitazioni annuali contro le epidemie e hanno una scorta permanente di dispositivi di protezione individuale e stabiliscono regole di visita che riguardano l’igiene e l’uso dei DPI.

Oltre al robusto controllo delle infezioni e alle tecnologie di comunicazione utilizzate a Hong Kong, Heckman ritiene che posizioni a tempo pieno, congedo per malattia retribuito e supporto per la salute mentale e il benessere del personale farebbero una grande differenza.

L’esperienza di Hong Kong sottolinea l’importanza fondamentale dell’apprendimento dei sistemi sanitari, di cui una cultura della garanzia della qualità è una componente intrinseca. L’Ontario e la maggior parte delle province canadesi dispongono già dell’infrastruttura informativa necessaria per realizzare un sistema sanitario di apprendimento. Basato su sistemi internazionali standardizzati di Resident Assessment Instrument, sviluppati da un consorzio internazionale di cui Waterloo è il principale leader, il loro utilizzo da parte delle comunità di pratica ha portato a riduzioni dell’uso inappropriato di antipsicotici e migliori risultati di salute per i residenti dell’assistenza a lungo termine.


“Reflecting on the COVID-19 Themes from Long Term Care” è stato pubblicato nel Journal of the American Medical Directors Association . I coautori sono Heckman, Kelly Kay, Adam Morris, David Grabowski, John Hirdes, Vincent Mor, Greg Shaw, Sophiya Benjamin, Veronique Boscart, Andrew Costa, Anja Declercq, Leon Geffen, Terry Yat Sang Lum, Andrea Moser, Graziano Onder e Hein van Hout.