Batticuore

Le diete vegane fanno bene al cuore?

Alcune persone si rivolgono a una dieta vegana nella speranza che possa giovare alla salute del loro cuore. Credito: lassedesignen / Shutterstock

Secondo la Vegan Society, circa mezzo milione di britannici sono ora vegani. Negli Stati Uniti c’è stato un aumento del 300% del numero di vegani americani negli ultimi 15 anni.

Ci sono molte ragioni per cui le persone possono adottare una dieta vegana, come il benessere degli animali, la sostenibilità o per perdere peso. Un altro motivo spesso propagandato è che le diete vegane fanno bene al cuore e non solo possono prevenire le malattie cardiache, ma anche invertirle .

Pubblicità e progresso

Ma come ha rilevato la nostra ultima recensione , questo non è necessariamente vero. In effetti, abbiamo scoperto che attualmente ci sono poche prove che suggeriscano che una dieta vegana protegga il cuore o possa invertire le malattie cardiache.

Il buono e il cattivo

Questo non vuol dire che le diete vegane non abbiano benefici. Grandi quantità di cereali integrali, insieme a frutta e verdura, significa che i vegani consumano più fibre rispetto agli onnivori (persone che mangiano prodotti a base di carne, insieme a frutta e verdura). E la ricerca mostra che le persone che seguono una dieta ricca di fibre hanno meno probabilità di sviluppare malattie cardiache.

Mangiare molta frutta e verdura significa anche consumare molti fitonutrienti, che sono sostanze chimiche naturali presenti nelle piante. Alcune ricerche suggeriscono che questi hanno proprietà infiammatorie e antiossidanti , che possono aiutare a prevenire danni alle cellule del corpo. Dal momento che i vegani consumano in media più frutta e verdura, dovrebbero trarne maggiori benefici.

E una dieta vegana è collegata a una serie di altri vantaggi per la salute che dovrebbero giovare alla salute del cuore, tra cui un peso inferiore, una pressione sanguigna più bassa e livelli più bassi di colesterolo cattivo .

Ma a meno che non sia costruita con cura, una dieta vegana può facilmente mancare di nutrienti vitali . Ad esempio, le diete vegane possono contenere quantità inferiori di alcuni acidi grassi omega-3 , che si trovano facilmente nei frutti di mare. Ciò potrebbe significare che i vegani non stanno ottenendo i benefici per il cuore degli acidi grassi omega-3, come abbassare la pressione sanguigna e ridurre il rischio di attacchi di cuore .

Ciotola di riso e verdure in grembo di persona che tiene una forchetta.
Le persone che seguono una dieta vegana dovranno assicurarsi di assumere abbastanza vitamine e minerali. Nina Firsova / Shutterstock

Alcuni minerali e vitamine sono anche più difficili da trovare per i vegani senza integrazione. I livelli di selenio, iodio e vitamina B12 sono inferiori nei vegani rispetto ai non vegani, il che può essere dannoso  per la  salute del loro cuore . Bassi livelli di questi minerali e vitamine possono anche portare a problemi alla tiroide , disturbi muscolari e anemia .

Salute del cuore

Il nostro team voleva sapere se le diete vegane riducono davvero il rischio di sviluppare attacchi di cuore o ictus. Per fare ciò, dovevamo esaminare tutte le prove attuali che hanno indagato su questo. Ciò ci consentirebbe di sviluppare una conclusione basata su tutti i dati attuali disponibili.

Ma sebbene il veganismo stia crescendo in popolarità, i vegani costituiscono ancora una piccola frazione di qualsiasi popolazione. Pertanto, pochi studi là fuori hanno esaminato gli effetti di una dieta vegana di qualsiasi durata sulla salute del cuore. Abbiamo potuto trovarne solo  tre , sebbene in totale fossero studi di grandi dimensioni, con dati su oltre 73.000 persone messe insieme e più di 7.000 vegani.

Nessuno degli studi ha rilevato che i vegani fossero protetti contro malattie cardiache, attacchi di cuore o ictus rispetto agli onnivori. Sfortunatamente, c’era anche un suggerimento che i vegani potessero avere maggiori probabilità di avere un ictus ischemico , causato da un coagulo di sangue nel cervello. Ma non è chiaro se la dieta vegana stessa abbia davvero aumentato il rischio di questo tipo di ictus o se fosse solo una coincidenza.

Il nostro studio ha anche esaminato se una dieta vegana potesse portare benefici a persone che avevano già malattie cardiache. Uno studio ha dimostrato che il veganismo potrebbe essere utile e potrebbe potenzialmente arrestare o invertire le malattie cardiache. I ricercatori hanno scoperto che le persone che hanno iniziato una dieta vegana e l’hanno seguita per più di tre anni avevano sei volte meno probabilità di avere un altro grave problema cardiaco o ictus rispetto a coloro che hanno iniziato ma non hanno continuato con una dieta vegana. Questo è solo uno su 177 vegani, rispetto a 13 su 21 non vegani, che si sono ammalati di nuovo. Ma poiché si trattava di un campione relativamente piccolo, idealmente vorremmo uno studio molto più ampio per ricontrollare questo.

Gli altri due studi non hanno mostrato alcun beneficio o inversione delle malattie cardiache nelle persone che hanno iniziato una dieta vegana. Tuttavia, i partecipanti a questi studi hanno seguito una dieta vegana solo per due o sei mesi, rendendo difficile vedere davvero un impatto a lungo termine. Ma uno dei vantaggi di seguire la dieta vegana per sei mesi è stato che i partecipanti hanno avuto un colesterolo più basso e perso più peso rispetto a quelli che seguivano una dieta onnivora.

Nel complesso, la nostra recensione ha rilevato che non ci sono prove a sostegno delle affermazioni secondo cui il veganismo fa bene al cuore. Ma ciò è in parte dovuto al fatto che ci sono pochi studi e solo 361 persone negli studi che abbiamo esaminato sono diventate vegane dopo aver sviluppato una malattia cardiaca. I partecipanti a due degli studi sono stati vegani solo per meno di sei mesi, il che potrebbe non essere abbastanza a lungo per vedere un grande effetto sulle malattie cardiache.

Ma il veganismo può avere altri benefici per la salute. È stato scoperto che i vegani hanno un peso più sano e livelli di glucosio nel sangue più bassi rispetto a quelli che consumano carne e latticini. Hanno anche meno probabilità di sviluppare cancro , ipertensione e diabete . Ma il suo effetto sulle malattie cardiache, la principale causa di morte nel mondo, ha davvero bisogno di essere compreso meglio.


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale .La conversazione