Assistenza sociosanitaria

Studio: salute fisica e mentale degli infermieri collegata a errori medici prevenibili

Il programma Buckeye Paws aiuta gli operatori sanitari del Wexner Medical Center dell’Ohio State University a far fronte a situazioni di stress. È una delle numerose risorse offerte al personale per preservare la propria salute mentale e fisica e prevenire il burnout.
CREDITO Ohio State University College of Nursing

Uno studio condotto dall’Ohio State University College of Nursing rileva che gli infermieri di terapia intensiva in cattive condizioni di salute fisica e mentale hanno riportato un numero significativamente maggiore di errori medici rispetto agli infermieri in condizioni di salute migliore.

Lo studio, che è stato condotto prima della pandemia COVID-19, ha anche scoperto che “gli infermieri che percepivano che il loro luogo di lavoro era molto favorevole al loro benessere avevano il doppio delle probabilità di avere una salute fisica migliore”.

Pubblicità e progresso

Risultati dello studio pubblicati oggi sull’American Journal of Critical Care .

“È di fondamentale importanza che comprendiamo alcune delle cause profonde che portano a tali errori e facciamo tutto il possibile per prevenirli”, ha detto l’autore principale Bernadette Melnyk. È vicepresidente per la promozione della salute, chief wellness officer e preside del College of Nursing presso l’Ohio State.

Gli autori hanno citato la ricerca sulla prevalenza di sintomi di stress, ansia, depressione e burnout tra gli infermieri di terapia intensiva come base per esaminare la potenziale correlazione tra benessere ed errori medici. Lo studio ha esaminato quasi 800 membri dell’American Association of Critical-Care Nurses .

“È chiaro che gli infermieri di terapia intensiva, come tanti altri medici, non possono continuare a versare da una tazza vuota”, ha detto Melnyk. “I problemi del sistema che contribuiscono al burnout e alla cattiva salute devono essere risolti. Gli infermieri hanno bisogno di supporto e investimenti in una programmazione basata sull’evidenza e risorse che migliorino il loro benessere e li dotino di resilienza in modo che possano prendersi cura ottimale dei pazienti”.

I risultati dello studio includevano:

  • Tra gli intervistati, il 61% ha riportato una salute fisica non ottimale, mentre il 51% ha riportato una salute mentale non ottimale.
  • Circa il 40% è risultato positivo allo screening per i sintomi depressivi e oltre il 50% è risultato positivo allo screening per l’ansia.
  • Coloro che hanno riportato condizioni di salute e benessere peggiori avevano una probabilità tra il 31% e il 62% in più di commettere errori medici.
  • Gli infermieri che hanno riferito di lavorare in luoghi che fornivano un maggiore sostegno al benessere avevano più del doppio delle probabilità di avere una migliore salute personale e una migliore qualità della vita professionale rispetto a coloro il cui posto di lavoro forniva poco o nessun supporto.

L’ Ohio State Wexner Medical Center ha diversi programmi per promuovere il benessere dei medici, incluso il suo Programma di assistenza per i dipendenti che offre risorse e servizi riservati per la salute mentale come consulenza, coaching di consapevolezza e il suo programma Stress, Trauma and Resilience (STAR) che offre il Buckeye Programma di pet therapy Paws per promuovere la costruzione di capacità di coping e resilienza.

Gli autori affermano che i livelli di stress, ansia e depressione sono probabilmente anche più alti nell’ambiente attuale rispetto a prima della pandemia, quando lo studio è stato condotto.

“La principale implicazione dei risultati di questo studio per i leader ospedalieri e i responsabili politici è che gli infermieri di terapia intensiva il cui benessere è supportato dalle loro organizzazioni hanno maggiori probabilità di essere pienamente coinvolti nella cura dei pazienti e commettere meno errori medici, con conseguente migliori più vite salvate “, hanno scritto i ricercatori.