Mangiare e bere

Nuove linee guida per le scuole sconsigliano i divieti alimentari

Hungrige Kinder holen sich Obst am Büffet

Il personale dovrebbe essere formato sulle allergie alimentari e avere a disposizione l’adrenalina per il trattamento dell’anafilassi

Hamilton, ON (5 maggio 2021) – Le scuole e gli asili nido dovrebbero formare il personale sulle allergie alimentari e avere l’adrenalina disponibile per il trattamento dell’anafilassi, ma le nuove linee guida non raccomandano i divieti alimentari.

Pubblicità e progresso

Le raccomandazioni provengono da un team internazionale, guidato dalla McMaster University, che ha sviluppato linee guida pratiche per la prevenzione e la gestione delle reazioni allergiche al cibo nei centri di assistenza all’infanzia e nelle scuole. Le linee guida sono state pubblicate oggi nel Journal of Allergy and Clinical Immunology .

“La gestione dell’allergia alimentare è un argomento delicato”, ha affermato Susan Waserman, presidente del comitato delle linee guida, allergologo e professore di medicina presso la McMaster University.

“Il nostro obiettivo è aiutare la comunità scolastica a comprendere il rischio di reazioni allergiche e offrire una guida basata sull’evidenza per gestirlo”.

Le linee guida raccomandano che il personale dell’assistenza all’infanzia e della scuola riceva una formazione su come prevenire, riconoscere e rispondere alle reazioni allergiche. Le linee guida suggeriscono anche che gli autoiniettori di epinefrina non assegnati, venduti con i marchi ALLERJECT, Emerade ed EpiPen, siano immagazzinati in loco.

Le linee guida raccomandano che non ci siano divieti alimentari a livello di sito, come scuole “senza noci” o zone soggette a limitazioni di allergeni, come tavoli “senza latte”, tranne in circostanze speciali limitate.

La ricerca ha trovato poche prove che i divieti alimentari funzionino. I centri di assistenza all’infanzia e le scuole possono utilizzare altre strategie di buon senso per ridurre il rischio di reazioni, come fornire la supervisione di un adulto durante gli spuntini e i pasti, evitare gli allergeni nei programmi di studio e nelle attività di viaggio e promuovere il lavaggio delle mani.

Dall’1 al 10% dei neonati e dei bambini in età prescolare e dall’1 al 2,5% dei bambini in età scolare soffre di allergia alimentare. La maggior parte delle persone che sviluppano una grave reazione allergica nota come anafilassi sopravvive, sebbene possano esserci vittime, soprattutto se la reazione non viene trattata.

“Dato che i bambini trascorrono gran parte del loro tempo negli asili nido e nelle scuole, non sorprende che la gestione delle allergie alimentari sia diventata un argomento di preoccupazione in questi contesti”, affermano le linee guida.

“L’ansia e la paura per il rischio di esposizione accidentale ad allergeni alimentari, e l’onere di gestire tale rischio, possono limitare la partecipazione dei bambini alle attività quotidiane. I bambini con allergie alimentari sono anche a rischio di bullismo correlato alle allergie”.

Il pannello delle linee guida internazionali comprendeva 22 professionisti sanitari, amministratori scolastici e genitori di bambini con e senza allergia alimentare, insieme a un team di sei ricercatori con esperienza metodologica. Una revisione sistematica della letteratura sulle pratiche per la gestione dell’allergia alimentare nelle scuole ha rilevato una mancanza di prove di alta qualità, quindi le raccomandazioni delle linee guida sono classificate come condizionali.

In molti casi, le attuali politiche e pratiche nelle scuole e negli asili nido possono non essere supportate dalle migliori prove disponibili.

“Non è possibile rimuovere completamente il rischio di reazioni allergiche”, ha detto Waserman. “Tuttavia, gli interventi basati su prove possono aiutare i membri della comunità a gestire il rischio e sostenere gli studenti allergici”.

“Man mano che saranno disponibili ulteriori ricerche, alcune delle raccomandazioni potrebbero dover essere aggiornate”, ha detto. “Ci auguriamo di vedere più ricerche di alta qualità condotte in futuro”.

###

Le linee guida sono approvate dalla US Allergy and Asthma Network; Accademia americana di allergia, asma e immunologia; American College of Allergy, Asthma and Immunology; Società canadese di allergia e immunologia clinica; e l’Organizzazione mondiale delle allergie.

Il lavoro è stato finanziato da Allergy, Genes and Environment Network (AllerGen), una rete di ricerca canadese finanziata dal governo federale.

 

Le linee guida possono essere trovate  su: https://www.jacionline.org/article/S0091-6749(21)00223-2/fulltext

Categorie:Mangiare e bere

Con tag:,