Assistenza sociosanitaria

A tempo determinato: fino a che età abbiamo bisogno del pediatra e perchè?

Paediatrics medical concept

Il Pediatra è una figura fondamentale per il bambino e anche per i suoi genitori. Ma fino a che età è obbligatorio? Quando va sostituito con il Medico di Base? Scopriamolo in questo articolo.

Il termine pediatra derivante dal greco “paidós”, che vuol dire “bambino”, e da “iatrós” che significa “medico”. Il pediatra è infatti il medico per l’infanzia.

Pubblicità e progresso

Mediamente questo dottore segue bambini e ragazzi da 0 a 6 anni obbligatoriamente. Mentre i bambini tra 6 e 14 anni può decidere se optare per il trasferimento al medico di base oppure no.

Infine, raggiunti i 14 anni , il trasferimento avviene in modalità automatica. Si ha quindi definitivamente il passaggio dal pediatra al medico di base. Tuttavia in alcuni casi, come per esempio malattie croniche o handicap, si può richiedere di rimanere sotto assistenza del pediatra fino a 16 anni.

Ma cosa fa nel concreto il pediatra?

Il Medico Pediatra è il primo riferimento dei genitori per il benessere fisico e psicologico del proprio figlio. In particolare:

Segue bambino in fase di crescita
Effettua le visite periodiche per controllo dello sviluppo psico-fisico del bambino
Consulta genitori
Prescrive le vaccinazioni
Prescrive esami o visite specialistiche
Certificazioni per la riammissione alla scuola dell’obbligo, agli asili nido, alla scuola materna o dell’astensione dal lavoro del genitore a seguito di malattia del bimbo
Certifica l’idoneità a eseguire attività non agonistiche, dove è richiesto dalla struttura nella quale si intende iscrivere il proprio figlio

Il ruolo del pediatra è molto importante anche perché, in taluni casi, sarà a lui ad individuare per primo eventuali casi di abusi e maltrattamenti subiti dal bambino. Di conseguenza ha il ruolo fondamentale per il benessere del piccolo di reagire e coinvolgere le forze del ordine e altri specialisti nel campo della violenza sui minori.

Per evitare diversi malintesi e contribuire a facilitare il lavoro del pediatra, è molto importante avere una collaborazione costante tra genitori e dottore. Ciò significa tenerlo sempre aggiornato dei vari cambiamenti di salute e altre novità che derivano dagli altri specialisti in campo sanitario nel caso in cui vengano consultati.

Come si effettua il passaggio di pediatra?

Vediamo adesso come si fa a cambiare il pediatra di libera scelta. Vi sono 2 modi di farlo:

primo modo: di cambiare il pediatra è farlo in modalità online, purché sia appartenente all’ambito di tua competenza.
secondo modo: si può effettuare il cambio presso uno degli sportelli amministrativi del distretto, presentando la tessera sanitaria del minore (regionale), e la tessera sanitaria europea (team).

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con i Pediatri del Centro Medico Unisalus a Milano. Per maggiori informazioni potete visitare il sito www.centromedicounisalus.it.