Sport e movimento

Dalla testa ai piedi: uno studio rivela l’attività cerebrale dietro i calci di rigore sbagliati

Tradition soccer ball illuminated by stadium lights

Lo studio rileva che le regioni cerebrali benefiche, comprese quelle coinvolte nel movimento, sono alla base dei calci riusciti e il pensiero eccessivo può essere un fattore nei calci mancati

I rigori sono il sogno o l’incubo di un calciatore? Quello che dovrebbe essere un tiro facile può diventare un compito gigantesco quando le speranze e le paure di un’intera nazione riposano sulle spalle di un giocatore, portandolo a soffocare sotto pressione. Comprendere l’attività cerebrale dietro il soffocamento è la forza trainante di un nuovo studio sulla rivista ad accesso libero Frontiers in Computer Science . Lo studio è il primo a misurare l’attività cerebrale durante i tiri di rigore in un campo da calcio. Scopre che le persone che hanno soffocato le aree attivate del cervello coinvolte nel pensiero a lungo termine, suggerendo che stavano riflettendo troppo sulle conseguenze del mancato colpo.

Pubblicità e progresso

I calci di rigore rappresentano una paura speciale per molti tifosi di calcio. Ad esempio, la squadra inglese ha subito alcuni famigerati errori nel corso degli anni e il loro record al dischetto è piuttosto desolante. Ricordi la scivolata di Beckham sul dischetto del rigore contro il Portogallo nella Coppa dei Campioni 2004? Sicuramente lo fa. I rigori possono andare in entrambi i modi, il che li rende entusiasmanti da guardare, ma sollevano alcune domande sulle prestazioni sotto pressione.

“Come può essere che i calciatori con un controllo quasi perfetto del pallone (possono calciare un pallone in modo molto preciso oltre i 50 metri) non riescono a segnare un calcio di rigore da soli 11 metri?” chiede il coautore Max Slutter, uno studente di Master presso la facoltà di ingegneria elettrica, matematica e informatica dell’Università di Twente, nei Paesi Bassi. “Ovviamente, l’enorme pressione psicologica gioca un ruolo, ma perché questa pressione causa un rigore sbagliato? Abbiamo cercato di rispondere misurando l’attività cerebrale dei calciatori durante l’esecuzione fisica di un calcio di rigore”.

Slutter e colleghi hanno reclutato 22 volontari per calciare i rigori e misurare la loro attività cerebrale utilizzando una tecnica chiamata spettroscopia funzionale del vicino infrarosso (fNIRS). fNIRS prevede di indossare un auricolare e può misurare l’attività cerebrale in movimento. Lo studio è il primo a indagare la neuroscienza alla base del soffocamento in condizioni realistiche al di fuori di un laboratorio.

I volontari hanno tentato di segnare i rigori in diverse condizioni di pressione: con una porta aperta, contro un portiere amico, e in una situazione di alta pressione in cui il portiere ha tentato di distrarli e c’era un premio in palio.

“Abbiamo scoperto che i giocatori che erano in grado di eseguire sotto pressione attivavano aree del cervello rilevanti per il compito”, ha spiegato il dott. Nattapong Thammasan, dell’Università di Twente. “Ad esempio, una maggiore attivazione della corteccia motoria era correlata all’esecuzione sotto pressione. Questo sembra logico, poiché il movimento è uno degli elementi più importanti quando si esegue una penalità”.

Per i giocatori che tendevano a provare più ansia e mancare i rigori, un’altra area del cervello era più attiva: la corteccia prefrontale. Questa regione del cervello è coinvolta nel pensiero a lungo termine, suggerendo che tali giocatori stavano pensando alle conseguenze di mancare il tiro, il che ha compromesso le loro prestazioni.

Sorprendentemente, i ricercatori ritengono che la tecnologia fNIRS potrebbe aiutare i giocatori a ottenere risultati migliori sotto pressione, facendo loro sapere come si comportano i loro cervelli. Ipotizzano che i giocatori possano allenarsi per attivare regioni cerebrali benefiche in situazioni di alta pressione.

È interessante notare che la tecnica potrebbe anche essere utile per altre professioni in cui le prestazioni sotto alta pressione sono importanti, come la chirurgia cerebrale. Potrebbe essere troppo tardi per Beckham, ma i neurochirurghi di prossima generazione potrebbero essere in arrivo.

Categorie:Sport e movimento

Con tag: