Ricerca

Il ruolo del microbiota intestinale nelle malattie infiammatorie della pelle

human skin texture

LUGANO, 7 maggio 2021 – I risultati presentati all’odierna EADV 2021 Spring Symposium suggeriscono che uno squilibrio nel microbiota intestinale (disbiosi) potrebbe svolgere un ruolo significativo nella progressione della malattia infiammatoria della pelle, Idrosadenite Suppurativa (HS). L’HS è una condizione della pelle dolorosa, a lungo termine, con una natura cronica e recidivante che ha un impatto significativo sulla qualità della vita dei pazienti.

I ricercatori dell’Università Hacettepe hanno raccolto campioni di feci da 15 pazienti con HS e 15 individui sani di età e sesso e hanno analizzato le regioni del gene 16S rRNA batterico per indagare sulle differenze nel loro microbiota intestinale. I ricercatori hanno scoperto che l’abbondanza relativa di tre generi di batteri (noti collettivamente come Firmicutes), Clostridiales non classificati, Firmicutes non classificati e Fusicatenibacter nei pazienti con HS era significativamente inferiore a quella nei controlli (p = 0,005, p = 0,029 ep = 0,046, rispettivamente ). È noto che quantità ridotte di questi batteri interrompono l’equilibrio regolatorio all’interno dell’intestino e stimolano una risposta infiammatoria.

Pubblicità e progresso

Il tratto gastrointestinale umano è abitato da un’ampia varietà di organismi batterici, noti collettivamente come microbioma intestinale.1 Gli studi hanno sempre più dimostrato che il microbioma intestinale e la pelle sono intrinsecamente collegati, offrendo difesa contro i patogeni nell’ambiente. Questa relazione è nota come “asse intestino-pelle” ed è stata collegata a molti disturbi della pelle infiammatori e autoimmuni, come l’acne e la psoriasi. Questa connessione ha ispirato i ricercatori a caratterizzare la composizione del microbioma intestinale dei pazienti con HS, ipotizzando che lo squilibrio possa svolgere un ruolo nell’elevato carico infiammatorio di questa condizione. L’HS è una malattia multifattoriale causata da fattori sia genetici che ambientali. L’obesità e il fumo possono esacerbare significativamente i sintomi ed entrambi hanno un impatto sul microbioma intestinale.

Il dottor Neslihan Demirel Ogut, dell’ospedale di formazione e ricerca dell’Università di Usak, spiega: “La nostra ricerca fornisce prove che l’asse intestino-pelle è implicato nella progressione di questa malattia infiammatoria cronica della pelle. Sebbene siano necessarie ulteriori prove, la nostra ricerca suggerisce che l’alterazione della dieta e il probiotico personalizzato l’integrazione potrebbe anche essere utile per i pazienti con HS, soprattutto perché le opzioni di trattamento sono limitate per questi individui “.

Il microbiota intestinale svolge un ruolo fondamentale nella salute umana attraverso lo sviluppo della risposta immunitaria, controllata da percorsi specifici e dai prodotti del metabolismo, noti come acidi grassi a catena corta (SCFA). I batteri nell’intestino (come Firmicutes) producono questi SCFA che assicurano il mantenimento di un equilibrio tra le cellule immunitarie che stimolano o sopprimono una risposta infiammatoria. Qualsiasi interruzione di questo equilibrio, come dimostrato dalla ridotta abbondanza di questi organismi nel microbioma intestinale dei pazienti con HS, può indurre una risposta infiammatoria indesiderata.

Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere e spiegare ulteriormente le connessioni tra il microbiota intestinale e lo stato infiammatorio eccessivo nei pazienti con HS. “Come uno degli studi preliminari sull’HS, questa ricerca pionieristica getta le basi per la ricerca futura sulla gestione di questa condizione debilitante. Si tratta di una svolta entusiasmante in un argomento attualmente in prima linea nella ricerca scientifica”, afferma Marie-Aleth Richard, Membro del Consiglio EADV e Professore presso l’Ospedale Universitario di La Timone, Marsiglia.

###

Informazioni sull’idrosadenite suppurativa:

L’idrosadenite suppurativa (HS) è una condizione della pelle infiammatoria cronica, recidivante che si verifica tipicamente dopo la pubertà.3 La presentazione clinica primaria è rappresentata da noduli infiammati dolorosi o bolle nelle regioni portatrici delle ghiandole apocrine (ascelle, area genitale, inguine, seno e glutei / ano) che progrediscono in ascessi, tratti del seno e cicatrici.4 La prevalenza stimata è dell’1-4% in tutto il mondo e l’HS è tre volte più comune nelle donne rispetto agli uomini. La presentazione della malattia è distinta, ma l’HS non è ben riconosciuta se non nelle cliniche di dermatologia.

A proposito di EADV

Fondata nel 1987, EADV è una delle principali società europee di dermato-venereologia con gli importanti obiettivi di migliorare la qualità della cura del paziente, promuovere la conoscenza e l’istruzione di dermatologi e venereologi a livello globale attraverso l’innovazione e sostenere la specialità e i pazienti. EADV collabora con altre organizzazioni per fornire una voce forte e chiara per influenzare l’agenda sanitaria europea. È un’organizzazione senza scopo di lucro con oltre 7.000 membri in 113 paesi diversi nel mondo, che fornisce un servizio prezioso per ogni tipo di professionista dermato-venereologo.

Per saperne di più visita https: / www. eadv. org / .

Informazioni su EADV Spring Symposium 2021:

EADV Spring Symposium – A New Season for Dermatology and Venereology, è uno dei più importanti eventi tutti virtuali accreditati CME-CPD nel calendario Dermato-Venereologia. Il programma scientifico di 2 giorni è ricco di nuove scoperte e scoperte scientifiche, offrendo un’opportunità unica sia per ascoltare le ultime novità in Dermato-Venereologia sia per entrare in contatto con i maggiori esperti. Per saperne di più visita https: / www. eadvsymposium2021. org / .

Riferimenti:

1. Silva YP, Bernardi A, Frozza RL. Il ruolo degli acidi grassi a catena corta dal microbiota fut nella comunicazione intestino-cervello. Davanti. Endocrinol. 2020 Disponibile su: https: / www. frontiersin. org / articoli / 10. 3389 / fendo. 2020. 00025 / full Accesso ad aprile 2021

2. Bukin, Y., Galachyants, Y., Morozov, I. et al. L’effetto della scelta della regione di rRNA 16S sui risultati di metabarcoding della comunità batterica. Nature Sci Data. 2019. Disponibile su: https: / www. natura. com / articoli / sdata20197 . Accesso ad aprile 2021

3. Dufour DN, Emtestam L, Jemec GB. Idrosadenite suppurativa: una malattia della pelle infiammatoria comune e gravosa, ma non riconosciuta. Postlaurea. Med. J. 2014; 90: 216-221.

4. Kurzen H et al Quali sono le cause dell’idrosadenite suppurativa? Exp Dermatol. 2008 maggio; 17 (5): 455-6 Accesso ad aprile 2021

Categorie:Ricerca

Con tag:,,