Donne e diabete

Lo studio supporta le raccomandazioni per evitare la gravidanza per almeno 12 mesi dopo l’intervento chirurgico per l’obesità

Gastric or stomach banding surgery for weight loss or treatment of diaphragmatic hernia concept photo. Doctor pinched anatomical model of stomach using rope, preventing flow of food, showing procedure

Lo studio supporta le raccomandazioni per evitare la gravidanza per almeno 12 mesi dopo l’intervento chirurgico per l’obesità

Uno studio presentato al Congresso europeo sull’obesità di quest’anno (tenutosi online, dal 10 al 13 maggio) supporta le raccomandazioni per evitare la gravidanza per 12 mesi dopo la chirurgia bariatrica (obesità) a causa di un’associazione con esiti avversi in gravidanza, incluso un elevato rischio di parto pretermine. Lo studio è della dott.ssa Laura Heusschen, Vitalys Obesity Clinic, parte del Rijnstate Hospital, Arnhem, Paesi Bassi, e colleghi.

Pubblicità e progresso

Più della metà di tutte le pazienti di sesso femminile che si sottopongono a chirurgia bariatrica sono in età riproduttiva e la conseguente perdita di peso migliora la fertilità, oltre a ridurre il rischio di diabete gestazionale e disturbi ipertensivi durante la gravidanza. Riduce anche la possibilità che il bambino abbia un peso alla nascita elevato, che è associato ad un aumentato rischio di complicazioni sia per la madre che per il bambino.

Le attuali raccomandazioni per le donne sottoposte a chirurgia bariatrica sono che dovrebbero evitare la gravidanza per 12-24 mesi dopo l’operazione per evitare problemi causati dalla perdita di peso attiva in corso e un aumento del rischio di malnutrizione a causa di un apporto calorico notevolmente ridotto. Ciò è più probabile che si verifichi entro i primi 12 mesi dopo l’intervento chirurgico e può diminuire l’apporto nutritivo al feto in crescita; potenzialmente influendo sul suo sviluppo e con conseguente riduzione del peso alla nascita e maggiore probabilità di parto pretermine.

Gli autori notano, tuttavia: “Studi precedenti non hanno trovato associazioni tra il tempo intercorso dall’intervento chirurgico al concepimento e gli esiti avversi della gravidanza o neonatali. Infatti, la maggior parte degli studi conferma che il rischio di questi esiti non è aumentato durante i primi 12 mesi dopo la alle gravidanze successive “.

Lo scopo di questo studio di coorte multicentrico retrospettivo era valutare gli esiti della gravidanza e del parto in base all’intervallo tra intervento chirurgico e concepimento e aderendo alle raccomandazioni per l’aumento di peso gestazionale della National Academy of Medicine. * Le nascite sono state classificate in base alla chirurgia-al-concepimento. -intervallo di concepimento e aumento di peso gestazionale, con le variabili di esito primarie età gestazionale al parto, nascita pretermine, peso alla nascita e percentile peso per età.

La nascita pretermine è stata definita come avente un periodo di gestazione inferiore a 37 settimane, mentre i periodi di gestazione inferiori a 32 settimane sono stati classificati come molto pretermine in base alla definizione utilizzata dall’Organizzazione mondiale della sanità. La relazione tra il peso di un bambino alla nascita rispetto alla sua età gestazionale è stata confrontata con le tabelle del peso alla nascita, aggiustate per il sesso. Quelli all’interno del 10% più alto sono stati classificati come grandi per l’età gestazionale (LGA), con il 10% più basso classificato come piccolo per età gestazionale (SGA).

Gli autori hanno eseguito un’analisi retrospettiva di 196 gravidanze singole in madri precedentemente sottoposte a chirurgia bariatrica utilizzando i metodi di bypass gastrico Roux-en-Y, Sleeve Gastrectomy o One Anastomosis Gastric Bypass. Queste gravidanze sono state assegnate a uno dei tre gruppi in base all’intervallo di tempo dall’intervento al concepimento: gruppo precoce (? 12 mesi), gruppo medio (12-24 mesi) e gruppo tardivo (> 24 mesi). L’aumento di peso gestazionale è stato classificato come inadeguato, adeguato o eccessivo secondo le raccomandazioni della National Academy of Medicine.

Nonostante le attuali raccomandazioni, il 23,5% delle donne in questa coorte di studio aveva concepito entro 12 mesi dall’operazione. Queste gravidanze “ precoci ” erano associate a un’età gestazionale inferiore al parto (267,1 giorni contro 272,7 e contro 273,1 giorni), aumento di peso gestazionale inferiore (-0,9 kg contro +10,2 kg e +10,0 kg) e peso alla nascita neonatale inferiore (2979 grammi vs 3161 grammi e 3211 grammi) rispetto a quelli dei gruppi “medio” e “in ritardo”, rispettivamente.

Gli autori notano: “Sebbene la differenza di 200 g nel peso neonatale alla nascita non sia probabilmente clinicamente rilevante, l’età gestazionale più bassa nel gruppo” precoce “potrebbe essere allarmante poiché abbiamo anche riscontrato una tendenza verso più nascite pretermine in questo gruppo”.

Il team ha anche trovato un’associazione tra aumento di peso gestazionale “ inadeguato ” (il 40,6% era in questa categoria) e età gestazionale inferiore al parto (266,5 giorni contro 273,8 giorni) e peso alla nascita neonatale inferiore (3061 grammi contro 3217 grammi) rispetto alle gravidanze il gruppo di aumento di peso “adeguato”. Un aumento di peso gestazionale inadeguato è stato anche associato a un tasso più elevato di nascite pretermine (15,9% vs 6,0%) rispetto alle gravidanze con un aumento di peso gestazionale adeguato.

Gli autori concludono: “I nostri risultati supportano la raccomandazione di evitare la gravidanza per 12 mesi dopo la chirurgia bariatrica … Dovremmo incoraggiare le donne che desiderano concepire dopo la chirurgia bariatrica ad evitare la gravidanza fino a quando il loro peso non si è stabilizzato per ridurre al minimo il rischio di un aumento di peso gestazionale inadeguato . Al fine di interrompere il circolo vizioso dell’obesità e le sue conseguenze sulla salute, è importante che la ricerca futura e l’assistenza clinica si concentrino sulla prevenzione dei bambini che nascono piccoli per l’età gestazionale dopo la chirurgia bariatrica “.