Ricerca

Trovato un meccanismo che elimina le cellule senescenti

Woman working in laboratory, Sweden

La scoperta indica una potenziale terapia immunitaria per malattie croniche e fibrosi

Gli scienziati della UC San Francisco stanno imparando come le cellule immunitarie liberano naturalmente il corpo dalle cellule defunte – o senescenti – che contribuiscono all’invecchiamento e a molte malattie croniche. La comprensione di questo processo può aprire nuovi modi per trattare le malattie croniche legate all’età con l’immunoterapia.

Pubblicità e progresso

In uno stato sano, queste cellule immunitarie – note come cellule T invarianti Natural Killer (iNKT) – funzionano come un sistema di sorveglianza, eliminando le cellule che il corpo percepisce come estranee, comprese le cellule senescenti, che hanno danni irreparabili al DNA. Ma le cellule iNKT diventano meno attive con l’età e altri fattori come l’obesità che contribuiscono alla malattia cronica.

Trovare modi per stimolare questo sistema di sorveglianza naturale offre un’alternativa alle terapie senolitiche, che fino ad oggi sono state l’approccio principale per rimuovere le cellule senescenti. Potrebbe essere un vantaggio per un settore che ha lottato su come somministrare sistematicamente questi senolitici senza gravi effetti collaterali.

Le cellule iNKT hanno due attributi che le rendono un bersaglio farmacologico particolarmente attraente. In primo luogo, hanno tutti lo stesso recettore, che non appare su nessun’altra cellula del corpo, quindi possono essere innescati senza attivare anche altri tipi di cellule immunitarie. In secondo luogo, operano all’interno di un ciclo di feedback negativo naturale che li riporta a uno stato dormiente dopo un periodo di attività.

“L’uso della terapia mirata all’iNKT può portare a termine la loro squisita specificità incorporata”, ha detto Anil Bhushan, PhD, professore di medicina presso UCSF nel Diabetes Center e autore senior dell’articolo, che appare il 10 maggio 2021 in Med .

Il team scientifico ha scoperto di poter rimuovere le cellule senescenti utilizzando antigeni lipidici per attivare le cellule iNKT. Quando hanno trattato topi con obesità indotta dalla dieta, i loro livelli di glucosio nel sangue sono migliorati, mentre i topi con fibrosi polmonare avevano meno cellule danneggiate e hanno anche vissuto più a lungo.

Mallar Bhattacharya, MD, professore associato di medicina presso l’UCSF che tratta pazienti con malattie polmonari ed è un autore dell’articolo, ha affermato che i risultati presentati per le cellule iNKT in un modello murino di fibrosi polmonare offrono speranza per una malattia potenzialmente fatale che spesso porta a trapianti di polmone.

“Penso che questa sia una potenziale terapia immunitaria per la senescenza e la fibrosi”, ha detto Bhattacharya. “È una terapia abbastanza ben tollerata e dobbiamo solo aggirare il dosaggio e le prove”.

Un ricercatore sul diabete, Bhushan ha iniziato a prestare attenzione alle cellule iNKT quando uno studio precedente ha identificato un legame tra le cellule iNKT e le cellule beta pancreatiche senescenti. Poiché le cellule senescenti tendono ad accumularsi in molti tessuti e sono correlate alla malattia, ha ipotizzato che l’attivazione delle cellule iNKT potrebbe essere utilizzata per trattare un’ampia varietà di malattie.

###

Una società di biotecnologie che Bushan ha contribuito a fondare, Deciduous Therapeutics, Inc., sta progettando di tradurre questa prima scoperta nella clinica nei prossimi anni.

Altri coautori includono Peter Thompson, Shivani Arora, Yao Wang, Aritra Bhattacharyya, Hara Apostolopoulou, Ram Naikawadi, Paul Wolters e Suneil Koliwad, tutti dell’UCSF; e Rachel Hatano e Ajit Shah di Deciduous.

La ricerca è stata sostenuta dalla Larry L. Hillblom Foundation, dal Diabetes Research Connection, dall’UCSF Sandler Asthma Basic Research Center, dall’UCSF Diabetes Center e dai NIH R01DK121794 e R01DK118099.

Informazioni su UCSF: L’Università della California, San Francisco (UCSF) si concentra esclusivamente sulle scienze della salute e si dedica alla promozione della salute in tutto il mondo attraverso la ricerca biomedica avanzata, l’istruzione universitaria nelle scienze della vita e nelle professioni sanitarie e l’eccellenza nella cura dei pazienti. UCSF Health, che funge da principale centro medico accademico di UCSF, include ospedali specializzati di alto livello e altri programmi clinici e ha affiliazioni in tutta la Bay Area. La UCSF School of Medicine ha anche un campus regionale a Fresno. Scopri di più su ucsf.edu o consulta la nostra scheda informativa.

ucsf.edu | Facebook.com/ucsf | YouTube.com/ucsf

Categorie:Ricerca

Con tag:,