Comunicazione

Conoscere la nutrizione clinica per un’informazione corretta

Nutrizione Medica – Unione Italiana Food sostiene un corso di formazione online riservato ai media per spiegare la nutrizione clinica al fianco di oncologi, dietologi e associazioni pazienti

Partirà tra due giorni il corso online di Formazione Professionale Continua (FPC) riservato ai giornalisti, con il sostegno non condizionato di Nutrizione Medica – Unione Italiana Food. In programma il 12 e il 13 maggio, dalle 17:00 alle 19:00, il corso si rivolge a tutti i giornalisti interessati ai temi della nutrizione e, in particolare, della nutrizione clinica e degli Alimenti a Fini Medici Speciali.
La malnutrizione è un annoso problema che acquisisce un significato clinico importante in alcune patologie, come ad esempio quelle oncologiche, arrivando addirittura a determinarne gli esiti clinici. In Italia, almeno il 15% dei pazienti è a rischio malnutrizione: in ospedale e nelle RSA un paziente su 3 risulta malnutrito o a rischio di malnutrizione e, ancora più grave, si registra il decesso di un paziente oncologico su 5 proprio per motivi correlati alle carenze dell’alimentazione.

Pubblicità e progresso

Il percorso formativo, approvato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, ha l’obiettivo di fornire, a chi si occupa di informazione, una conoscenza più precisa e completa del mondo della nutrizione medica e degli Alimenti ai Fini Medici Speciali (AFMS). Spesso, media e opinione pubblica non mettono del tutto a fuoco le differenze tra gli AFMS e gli integratori e si tende a confondere queste due categorie che in realtà sono molto diverse tra loro. I primi sono prodotti formulati per la gestione di pazienti affetti da malattie o condizioni mediche che determinano una vulnerabilità nutrizionale e conseguente malnutrizione, dovuta all’impossibilità o alla forte difficoltà ad alimentarsi utilizzando i comuni alimenti per soddisfare il loro fabbisogno nutritivo e sono ben differenti dagli integratori, costituiti da vitamine, minerali e altre sostanze, destinati alla popolazione generale.

“Questa occasione di formazione – spiega Marco Alghisi, Presidente di Nutrizione Medica Unione Italiana Food – si propone di stimolare la curiosità dei media e fornire loro una conoscenza puntuale della Nutrizione Medica, al fine di comprenderla in modo approfondito. Riteniamo necessario aumentare con ogni mezzo l’attenzione e la consapevolezza su un tema che oggi è fondamentale e invece spesso diventa una malattia nella malattia, in grado di compromettere gravemente lo stato di salute del paziente”.

Grazie all’intervento di clinici e specialisti del settore, il corso affronterà ogni sfaccettatura dell’argomento: dalla descrizione della malnutrizione, per riconoscerla e prevenirla, all’approccio in oncologia e in altre patologie, ma anche quale sia la terminologia corretta da usare. Il tutto associato anche a diverse testimonianze dal mondo del volontariato e delle associazioni pazienti.
Il programma prevede la presenza di relatori di alto profilo, esperti a livello nazionale, tra cui Riccardo Caccialanza, Direttore UOC Dietetica e Nutrizione Clinica Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia, Vito Lorusso, Direttore di Oncologia Medica dell’Istituto dei Tumori di Bari, Marinella Mistrangelo, Dirigente Medico del Dipartimento Interaziendale Interregionale Rete Oncologica Piemonte e Valle d’Aosta, Valeria Di Giorgi, Dirigente Farmacista della Direzione Generale per l’Igiene e la sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione (DGISAN) del Ministero della Salute, Laura Del Campo, Rappresentante di AIMAC, Associazione Italiana Malati di Cancro, Antonio Gaudioso, Presidente di Cittadinanzattiva e componente della Commissione Nazionale per l’aggiornamento dei Livelli Essenziali di Assistenza, e con l’intervento e la moderazione di Nicola Miglino, giornalista scientifico.

Unione Italiana Food
Unione Italiana Food è un’associazione di categoria del sistema Confindustria che rappresenta 450 aziende e oltre 20 settori merceologici, che sviluppano un fatturato di oltre 35 miliardi di euro. L’Associazione raggruppa, nell’ area “Nutrizione e salute”, le aziende che si occupano di Nutrizione Medica e quindi di Alimenti a Fini Medici Speciali, prodotti formulati per la gestione di pazienti affetti da turbe, malattie o condizioni mediche che determinano una vulnerabilità nutrizionale, e conseguente malnutrizione. Si tratta di un settore altamente specializzato, caratterizzato da un forte impegno e da rilevanti investimenti in ricerca e sviluppo per realizzare prodotti adatti a pazienti di tutte le fasce di età, affetti da patologie diverse tra loro e con esigenze molto specifiche.