Mangiare e bere

Insalata o cheeseburger? I tuoi colleghi modellano le tue scelte alimentari

Gli alimenti che le persone acquistano in una caffetteria sul posto di lavoro potrebbero non essere sempre scelti per soddisfare un desiderio o un gusto individuale per un determinato cibo. Quando i colleghi mangiano insieme, è più probabile che le persone scelgano cibi sani, o malsani, come le selezioni di cibo sui vassoi dei colleghi. “Abbiamo scoperto che gli individui tendono a rispecchiare le scelte alimentari degli altri nei loro circoli sociali, il che può spiegare un modo in cui l’obesità si diffonde attraverso i social network”, afferma Douglas Levy, Ph.D., ricercatore presso il Mongan Institute Health Policy Research Center di Massachusetts General Hospital (MGH) e primo autore di una nuova ricerca pubblicata su Nature Human Behaviour. Levy ei suoi co-investigatori hanno scoperto che i modelli alimentari degli individui possono essere modellati anche da conoscenti casuali, prova che corrobora diversi studi osservazionali pluridecennali che mostrano l’influenza dei legami sociali delle persone sull’aumento di peso, il consumo di alcol e il comportamento alimentare.

Precedenti ricerche sull’influenza sociale sulla scelta del cibo erano state principalmente limitate a contesti altamente controllati come studi di studenti universitari che consumavano un singolo pasto insieme, rendendo difficile generalizzare i risultati ad altri gruppi di età e agli ambienti del mondo reale. Lo studio di Levy e dei suoi coautori ha esaminato l’influenza sociale cumulativa delle scelte alimentari tra circa 6.000 dipendenti MGH di diverse età e status socioeconomico mentre mangiavano nelle sette mense del sistema ospedaliero per due anni. La salubrità degli acquisti alimentari dei dipendenti è stata determinata utilizzando il sistema di etichettatura a “semaforo” delle mense ospedaliere che designa tutti gli alimenti e le bevande come verdi (sani), gialli (meno sani) o rossi (malsani).

Pubblicità e progresso

I dipendenti di MGH possono utilizzare le loro carte d’identità per pagare nelle mense degli ospedali, il che ha permesso ai ricercatori di raccogliere dati sugli acquisti alimentari specifici delle persone e quando e dove hanno acquistato il cibo. I ricercatori hanno dedotto i social network dei partecipanti esaminando quanti minuti di distanza due persone hanno fatto acquisti di cibo, quanto spesso quelle due persone hanno mangiato contemporaneamente per molte settimane e se due persone hanno visitato contemporaneamente una caffetteria diversa. “Due persone che effettuano acquisti entro due minuti l’una dall’altra, ad esempio, hanno maggiori probabilità di conoscersi rispetto a coloro che effettuano acquisti a 30 minuti di distanza”, afferma Levy. E per convalidare il modello di social network, i ricercatori hanno intervistato più di 1.000 dipendenti,

“Un aspetto nuovo del nostro studio è stato quello di combinare tipi di dati complementari e prendere in prestito strumenti dall’analisi dei social network per esaminare come i comportamenti alimentari di un ampio gruppo di dipendenti fossero socialmente connessi per un lungo periodo di tempo”, afferma il coautore Mark Pachucki, Ph.D., professore associato di sociologia presso l’Università del Massachusetts, Amherst.

Sulla base di valutazioni trasversali e longitudinali di tre milioni di incontri tra coppie di dipendenti che fanno acquisti insieme alla mensa, i ricercatori hanno scoperto che gli acquisti di cibo da parte di persone che erano collegate tra loro erano costantemente più simili che diversi. “La dimensione dell’effetto era un po ‘più forte per i cibi sani che per i cibi malsani”, dice Levy.

Una componente chiave della ricerca è stata determinare se i social network influenzano veramente il comportamento alimentare o se le persone con stili di vita e preferenze alimentari simili hanno maggiori probabilità di diventare amici e mangiare insieme, un fenomeno noto come omofilia. “Abbiamo controllato le caratteristiche che le persone avevano in comune e analizzato i dati da numerose prospettive, trovando costantemente risultati che supportano l’influenza sociale piuttosto che le spiegazioni sull’omofilia”, afferma Levy.

Perché le persone socialmente connesse scelgono cibi simili? La pressione dei pari è una spiegazione. “Le persone possono cambiare il loro comportamento per cementare il rapporto con qualcuno nella loro cerchia sociale”, dice Levy. I colleghi possono anche concedersi, implicitamente o esplicitamente, la licenza di scegliere cibi malsani o esercitare pressioni per fare una scelta più sana.

I risultati dello studio hanno diverse implicazioni più ampie per gli interventi di salute pubblica per prevenire l’obesità. Un’opzione potrebbe essere quella di indirizzare coppie di persone che fanno scelte alimentari e offrire vendite due per uno su insalate e altri cibi salutari, ma senza sconti sui cheeseburger. Un altro approccio potrebbe essere quello di avere una persona influente in un particolare circolo sociale che modella scelte alimentari più salutari, che influenzeranno gli altri nella rete. La ricerca dimostra anche ai responsabili politici che un intervento che migliora una sana alimentazione in un particolare gruppo sarà di valore anche per gli individui socialmente connessi a quel gruppo.

“Quando emergiamo dalla pandemia e torniamo al lavoro di persona, abbiamo l’opportunità di mangiare insieme in modo più salutare di quanto facessimo prima”, afferma Pachucki. “Se le tue abitudini alimentari influenzano il modo in cui mangiano i tuoi colleghi, anche solo un po ‘, allora cambiare le tue scelte alimentari in meglio potrebbe avvantaggiare anche i tuoi colleghi”.


Maggiori informazioni: connessioni sociali e salubrità delle scelte alimentari in una popolazione di dipendenti, Nature Human Behaviour (2021). DOI: 10.1038 / s41562-021-01103-x

Categorie:Mangiare e bere

Con tag:,