Batticuore

Le ragazze obese affrontano un rischio maggiore di malattie cardiovascolari in età adulta

Portrait of a young beautiful girl holding a red Apple in one hand and a hamburger in the other on a white background .A true expression of positive emotions. the problem of childhood obesity

La conclusione è stata tratta da uno studio che ha coinvolto 92 adolescenti di età compresa tra 11 e 18 anni; i risultati sottolineano l’importanza di considerare le differenze tra i sessi quando si pianifica il trattamento

Di Karina Ninni | Agência FAPESP – Uno studio su 92 adolescenti condotto in Brasile suggerisce che le ragazze hanno maggiori probabilità dei ragazzi di sviluppare alterazioni metaboliche associate all’obesità, come l’ipertensione e livelli ematici eccessivi di colesterolo e trigliceridi (dislipidemia).

Pubblicità e progresso

Lo studio è stato condotto con il supporto di FAPESP da scienziati affiliati all’Istituto di scienze biomediche dell’Università di San Paolo (ICB-USP) e alla Scuola di medicina di Santa Casa de Misericórdia de São Paulo (FCM-SCMSP). I risultati sono riportati in un articolo sulla rivista Frontiers in Nutrition .

Secondo gli autori, le ragazze obese hanno mostrato un pattern di alterazioni del profilo lipidico non visto nelle ragazze senza obesità e una maggiore propensione a sviluppare malattie cardiovascolari in età adulta. “Abbiamo scoperto che le ragazze hanno una tendenza molto maggiore a subire le alterazioni tipiche dell’obesità, come la pressione sanguigna elevata e la dislipidemia. Nel nostro studio, avevano livelli aumentati di trigliceridi e LDL, il cosiddetto “colesterolo cattivo”, mentre l’HDL, “colesterolo buono”, era inferiore a quello delle ragazze eutrofiche [ peso normale ] “, ha detto Estefania Simoes , prima autrice dell’articolo .

Il profilo lipidico dei ragazzi obesi inclusi nello studio non ha mostrato differenze significative rispetto a quello dei ragazzi di peso normale, secondo i ricercatori.

L’obesità infantile è una preoccupazione crescente tra le autorità sanitarie e gli scienziati nel campo. L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) stima che nel 2016 circa 340 milioni di bambini di età compresa tra i 5 ei 19 anni in tutto il mondo fossero in sovrappeso o obesi. È noto che l’obesità infantile è associata a una maggiore probabilità di disturbi metabolici e malattie cardiovascolari in età adulta.

Una notevole quantità di ricerche lo dimostra, ma le differenze tra ragazzi e ragazze in termini di effetti dell’obesità non sono state studiate a fondo. “Abbiamo confrontato ragazze e ragazzi obesi e non obesi di età compresa tra 11 e 18 anni, affrontando contemporaneamente l’antropometria, il profilo lipidico e lipoproteico e i livelli di ormoni e neuropeptidi, con un’enfasi particolare sulle risposte dipendenti dal sesso. Per quanto ne sappiamo, questo è il primo studio ad adottare questo approccio multifattoriale “, ha affermato Simoes.

Lo studio è stato finanziato da FAPESP tramite due progetti: ” Anatomia cerebrale, mediatori dell’infiammazione e ormoni regolatori dell’appetito nei pazienti pediatrici obesi: uno studio neurobiologico dell’obesità “ e ” Infiammazione sistemica nei pazienti affetti da cancro cachettico: meccanismi e strategie terapeutiche, un approccio di medicina traslazionale “ .

Collaborazioni

Lo studio è stato condotto in collaborazione con Ricardo Riyoiti Uchida , neurologo e psichiatra che ha agito come investigatore principale e ha reclutato i 92 partecipanti presso l’ambulatorio per l’obesità infantile dell’Ospedale Santa Casa de Misericórdia di San Paolo. Uchida utilizza la neuroimaging per cercare di scoprire se ci sono alterazioni nelle regioni del cervello associate a sazietà e appetito nei soggetti obesi. “Sta per essere pubblicato un articolo su questo argomento, incentrato sulla caratterizzazione del sistema nervoso centrale nei pazienti obesi. Uchida ha studiato l’obesità adolescenziale per molti anni “, ha detto Simoes.

Il team SCMSP ha preso la pressione sanguigna dei soggetti e raccolto campioni di sangue per misurare la concentrazione sierica a digiuno di colesterolo totale (TC), colesterolo lipoproteico ad alta densità (HDL), colesterolo lipoproteico a bassa densità (LDL), colesterolo lipoproteico a densità molto bassa (VLDL) e trigliceridi (TG).

I ricercatori hanno anche cercato modelli di alimentazione incontrollata e dipendenza da cibi ricchi di zuccheri e grassi utilizzando questionari speciali. Hanno anche misurato i neuropeptidi legati ad alterazioni neuro-umorali e rilevato alterazioni significative in soggetti obesi. I neuropeptidi vengono rilasciati in risposta a segnali periferici come gli ormoni per regolare l’appetito e l’equilibrio energetico. “Inoltre, la leptina e l’insulina interagiscono con i neuropeptidi NPY, MCH e ?-MSH, non solo regolando l’appetito ma anche attivando il sistema nervoso simpatico, che può contribuire all’ipertensione associata all’obesità”, ha detto Simoes.

I nuovi dati sulle differenze tra i profili ormonali, citochine e neuropeptidici di ragazze e ragazzi indicano la necessità di un trattamento personalizzato. “Per quanto possiamo voler progettare una singola strategia terapeutica basata su farmaci o integratori alimentari, i nostri risultati mostrano che ragazze e ragazzi non dovrebbero essere trattati allo stesso modo anche se hanno lo stesso peso ed età, perché i loro organismi rispondono al trattamento in modo diverso, “Ha detto Simoes.

Ricerca fruttuosa

Secondo Joanna Correia-Lima , seconda autrice dell’articolo, altri due articoli sono stati scritti utilizzando i dati raccolti dallo stesso gruppo di volontari. Il primo, pubblicato sull’International Journal of Obesity , si concentra sulla caratterizzazione del processo infiammatorio poiché l’infiammazione cronica sistemica è significativa nei soggetti obesi.

“Nel laboratorio guidato dalla professoressa Marília Seelaender , coautrice con noi di entrambi gli articoli, studiamo da tempo un disturbo che è l’opposto dell’obesità: la cachessia [ estrema perdita di peso e atrofia muscolare, spesso nei pazienti affetti da cancro e AIDS ] . L’infiammazione sistemica gioca un ruolo chiave in entrambi “, ha detto Correia-Lima. “Ci siamo concentrati prima sull’infiammazione e poi sul ruolo degli ormoni e su come si relazionano alla predisposizione a sviluppare malattie cardiovascolari”.

La maggior parte delle pubblicazioni scientifiche sull’obesità infantile, ha aggiunto, si concentra su una singola alterazione specifica, come l’infiammazione o un ormone, ad esempio, o su una conseguenza specifica dell’obesità come l’ipertensione. “La nostra ricerca si proponeva di collegare i punti. Abbiamo una vasta coorte e una grande quantità di dati, quindi possiamo caratterizzare i collegamenti in questo gruppo, mostrando come sono associate tutte le alterazioni nell’organismo obeso. L’aspetto più importante del nostro lavoro è mostrare questi collegamenti “, ha detto Correia-Lima.

Secondo Simoes, è stata l’analisi statistica dei dati dei ricercatori a indicare questi collegamenti. “Elevati livelli di ormoni come l’insulina e la leptina [ l’ormone della sazietà ] possono essere la causa dell’ipertensione, per esempio”, ha detto. “Questo tipo di informazioni dovrebbe essere preso in considerazione quando si cura l’obesità. I medici spesso prescrivono farmaci antinfiammatori, che possono effettivamente mitigare un aspetto della malattia, ma il trattamento sarà più completo se si conoscono altri fattori che contribuiscono “.

L’obesità è una malattia multifattoriale e il trattamento non può essere valido per tutti. La dieta e l’esercizio fisico sono importanti, ma possono essere necessari anche farmaci, intervento chirurgico e psicoterapia. “Le valutazioni basate su questionari indicano i disturbi alimentari a livello psicologico tra queste ragazze e ragazzi”, ha detto Simoes. “Per quanto dimostriamo che ci sono alterazioni nei neuropeptidi e negli ormoni, così come ipertensione, infiammazione e così via, alla fine il bambino non ha solo un problema organico ma psicologico. Da qui l’importanza degli studi sull’obesità infantile, per assistere la diagnosi precoce e tentare un trattamento tempestivo prima che si manifestino le complicazioni dell’adulto “.