Comunicazione

Trattare l ‘”infodemia” di COVID-19 come un’epidemia

Concepts of conspiracy theory or misinformation about Covid-19 pandemic.

Come contrastare la disinformazione virale e la disinformazione: sorveglianza, diagnosi, risposta

Scrivendo sul New England Journal of Medicine , un trio di ricercatori di comunicazione scientifica propone di trattare la disinformazione “infodemica” del Covid-19 con gli stessi metodi usati per fermare le epidemie.

Pubblicità e progresso

“Riteniamo che la diffusione intrecciata del virus e della disinformazione e della disinformazione richieda un approccio per contrastare gli inganni e le idee sbagliate che sia parallelo ai modelli epidemiologici concentrandosi su tre elementi: sorveglianza in tempo reale, diagnosi accurata e risposta rapida”, scrivono gli autori in un Articolo prospettico.

“La parola ‘comunicabile’ deriva dal latino communicare, condividere, rendere comune”, ha detto David Scales, MD, Ph.D., del Weill Cornell Medical College e chief medical officer dell’organizzazione no profit Critica che promuove la scienza. “Quali sono le somiglianze tra tutte le informazioni condivise sui social media e le malattie trasmissibili? È un’analogia utile nel riflettere su entrambe”.

Scales è coautore dell’articolo con Jack Gorman, MD, presidente e presidente di Critica, e Kathleen Hall Jamieson, Ph.D., direttore dell’Annenberg Public Policy Center (APPC) dell’Università della Pennsylvania.

La pubblicazione arriva quando l’APPC ha rilasciato i dati di un sondaggio nazionale che rileva che mentre circa il 75% del pubblico americano considera i vaccini Covid-19 approvati come efficaci e più sicuri rispetto all’ottenimento di Covid-19, circa il 15% non è sicuro che ciò sia vero e il 10% al 12% pensa che questo sia falso.

Un evento “superdiffusore” di disinformazione

Migliori metodi di sorveglianza infodemica e una risposta rapida, scrivono gli autori, avrebbero potuto prevenire l’evento “superspreader” iniziato il 12 ottobre 2020, quando il sito web conservatore The Federalist ha letto male un rapporto dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) e ha riferito che “le maschere e le coperture per il viso non sono efficaci nel prevenire la diffusione del Covid-19”. La notte seguente, Tucker Carlson di Fox News ha erroneamente detto ai suoi oltre 4 milioni di telespettatori che l’85% delle persone infettate da Covid-19 nel luglio 2020 indossava una maschera.

“Il superdiffusione si è intensificato”, hanno scritto i ricercatori, “quando il presidente Donald Trump ha ripetuto la stessa errata caratterizzazione a oltre 13 milioni di telespettatori di un municipio televisivo a livello nazionale il 15 ottobre”. Se l’articolo del Federalist fosse stato immediatamente e ampiamente contrastato, il moderatore del municipio, la giornalista della NBC Savannah Guthrie, avrebbe potuto essere più attrezzato per contrastare l’affermazione imprecisa piuttosto che affermare che la caratterizzazione dello studio di Trump era errata.

Esempi da una tassonomia di disinformazione sulle maschere, con risposte preventive dell’infodemiologo. Sviluppato dall’Annenberg Public Policy Center dell’Università della Pennsylvania.
CREDITO: The New England Journal of Medicine © 2021

Rilevare e fermare la disinformazione

Nel loro articolo, gli autori raccomandano una serie di passaggi per “fermare queste cascate di disinformazione”:

Sorveglianza. Poiché “un’enorme quantità di disinformazione e disinformazione circola sui social media”, è necessario attivare sistemi di sorveglianza sensibili prima che le informazioni diventino virali. Aziende come Facebook dovrebbero fornire ai ricercatori dati non identificati sulla diffusione della disinformazione. “La mancanza di accesso a tali dati è l’equivalente di un quasi completo blackout dei dati epidemiologici dagli epicentri della malattia”, hanno detto i ricercatori. Se uno dovesse condurre la sorveglianza della malattia sindromica utilizzando Google, ha detto Scales, “potresti vedere se i medici stanno cercando Tamiflu, che sarebbe altamente correlato a un’epidemia di influenza. Non devi aspettare i dati sull’influenza CDC, ma puoi cercare cose correlate alla malattia che si manifestano prima “.

Diagnosi. “Proprio come gli scienziati devono essere in grado di distinguere una malattia da un’altra, gli infodemiologi devono distinguere diversi tipi di disinformazione”, ha detto Jamieson, direttore dell’APPC. L’Annenberg Public Policy Center ha introdotto una tassonomia descritta nell’articolo NEJM delle categorie di disinformazione e disinformazione relative al Covid-19 e alla vaccinazione. La parte della tassonomia relativa al mascheramento, ad esempio, copre cinque tipi di disinformazione: distorsioni dei risultati scientifici; affermazioni secondo cui l’efficacia delle maschere non è stata dimostrata; afferma che le maschere sono inefficaci; suggerimenti che le maschere aumentano i rischi per la salute; e teorie del complotto sulle maschere. “Conoscere il tipo di disinformazione che circola ci consente di sviluppare strategie per tamponare il pubblico da inganni o idee sbagliate e, se necessario,

Risposta. La risposta epidemiologica rapida consiste nel contenimento e nel trattamento da parte del personale medico. I cosiddetti infodemiologi, modellati sugli ufficiali del servizio di intelligence epidemico del CDC, possono contrastare la disinformazione nelle fonti dei media tradizionali e online, affermano i ricercatori. Proprio come poche persone sono state addestrate alla RCP alcuni decenni fa, ma molte lo sono oggi, Scales ha affermato che molte persone potrebbero essere addestrate in modi basati sull’evidenza per contrastare la disinformazione. “L’obiettivo è avere persone pronte e addestrate in modo che possano entrare in azione quando si presenta un’emergenza di comunicazione”, ha detto. Critica, un’organizzazione senza scopo di lucro che cerca di centrare il ruolo della scienza nel prendere decisioni sanitarie razionali, fa parte di numerose organizzazioni, come il Citizen Public Health Training Program dello Stato di New York, che forma infodemiologi per svolgere questo lavoro. L’attenzione di Critica non è su coloro che sono fermamente contrari ai vaccini, ma su coloro che sono suscettibili alla disinformazione e riluttanti ai vaccini.

Circa il 15% degli americani non è sicuro dei vaccini

Un sondaggio APPC di probabilità nazionale pubblicato questa settimana su 1.941 persone rileva che il 74% del pubblico degli Stati Uniti afferma che i vaccini Covid-19 autorizzati sono efficaci e il 75% afferma che i vaccini sono più sicuri di ottenere Covid-19. Circa il 15% non è sicuro che queste affermazioni siano vere, un gruppo potenzialmente persuadibile che è più numeroso di quei negazionisti che affermano erroneamente che le affermazioni sono false. Leggi il sondaggio .

Identificare i vari tipi di credenze errate è fondamentale per arrestarne la proliferazione.

“Per rendere possibile interdire efficacemente l’inganno virale non abbiamo solo bisogno di mezzi affidabili per trovarlo, ma anche dei mezzi per prevedere quando, dove e come si diffonderà”, ha osservato Jamieson. “Proprio come gli scienziati devono essere in grado di distinguere una malattia da un’altra, gli infodemiologi devono distinguere diversi tipi di disinformazione”.

Nell’articolo del NEJM, gli autori sostengono un approccio ampio per combattere la disinformazione.

“Il nostro modello sarà più efficace per le persone incuriosite dalla disinformazione ma non ancora sotto il suo controllo che per gli accoliti impegnati sequestrati nelle camere dell’eco. Ma la forza del modello, come quella dell’epidemiologia, sta nel riconoscere che una prevenzione e una risposta efficaci richiedono interventi di rafforzamento reciproco a tutti i livelli della società, compreso il miglioramento della trasparenza algoritmica dei social media, il rafforzamento delle norme a livello di comunità e la creazione di incentivi per diete mediatiche più sane “.

“The Covid-19 Infodemic – Applying the Epidemiologic Model to Counter Disinformation”, è stato pubblicato sul New England Journal of Medicine il 12 maggio 2021.

Critica è un’organizzazione senza scopo di lucro la cui missione è promuovere l’accettazione del consenso scientifico da parte del pubblico, contrastare la disinformazione su scienza e salute e aumentare l’uso di prove scientifiche nel processo decisionale pubblico. Venite a trovarci su http: // www. critica. org .

L’ Annenberg Public Policy Center è stato istituito nel 1993 per educare il pubblico e i responsabili politici sul ruolo della comunicazione nel far progredire la comprensione pubblica delle questioni politiche, scientifiche e sanitarie a livello locale, statale e federale.