Batticuore

Le proteine ??nei pazienti sono biomarcatori di malattie cardiache

Donald Lynch Jr., MD, mostrato all’Università di Cincinnati College of Medicine.
CREDITO: Colleen Kelley / Università di Cincinnati

Donald Lynch Jr., MD, presenta i risultati all’incontro nazionale dell’American College of Cardiology

Laura Riesenberg stava visitando un parco di divertimenti locale con tre dei suoi figli quando ha subito un grave attacco di cuore.

Pubblicità e progresso

“Sono rimasta inattiva per circa 20 minuti e mi hanno defibrillato due volte sul posto, forse tre volte”, dice. “Ovviamente non ne ero a conoscenza. Ho saputo dalla lettura dei rapporti cosa è successo.”

“Sono stato estremamente fortunata che qualcuno mi abbia trovata entro pochi secondi dal collasso”, afferma Riesenberg. “Se fosse successo altrove non ti parlerei adesso. Se fossi stato nel seminterrato a fare il bucato, sarei stato nei guai.”

La 51enne residente di Loveland, Ohio, è stata trasportata al West Chester Hospital di UC Health dove ha appreso di essere una diabetica di tipo 2 e aveva subito un precedente danno al cuore che ha portato a un grande blocco della sua arteria coronaria sinistra mentre era al Parco divertimenti. Questo tipo di blocco viene spesso definito “produttore di vedove”.

Donald Lynch Jr., MD, assistente professore presso l’Università di Cincinnati College of Medicine e cardiologo della UC Health, afferma che il legame tra diabete e malattie cardiache spesso porta a esiti negativi per la salute dei pazienti. Circa il 65% dei decessi tra i pazienti con diabete è dovuto a malattie cardiovascolari.

Lynch, anche l’attuale cardiologo di Riesenberg, presenterà una ricerca preliminare virtualmente all’American College of Cardiology sabato 15 maggio, che suggerisce che le proteine ??plasmatiche scoperte nei campioni di sangue di pazienti diabetici che hanno sviluppato una malattia coronarica ostruttiva (OCAD) potrebbero essere utili. come biomarcatori di grave blocco cardiaco. I risultati potrebbero portare benefici a pazienti come Riesenberg in futuro.

Riesenberg dice che un defibrillatore interno è stato impiantato nel suo cuore dopo il suo attacco di cuore.

“Non c’era alcuna spiegazione del motivo per cui sono sopravvissuto al primo infarto o al secondo infarto. Quel giorno mi hanno anche diagnosticato come diabetico. Intendiamoci, avrei dovuto saperlo. Ero stato un diabetico gestazionale ed ero sovrappeso, ma pensavo Stavo facendo tutte le cose giuste “.

“Avevo perso una quantità significativa di peso ed ero attiva. Mangiavo bene o almeno pensavo di mangiare bene. Non ne avevo assolutamente idea”, aggiunge. “Vorrei che qualcuno fosse stato in grado di dirmi che c’era un forte legame tra diabete e malattie cardiache”.

Riesenberg, una casalinga, e suo marito, Jay, sono entrambi diabetici e si preoccupano se la loro storia medica ereditaria potrebbe un giorno avere un impatto sulla loro famiglia; oltre ai tre figli che hanno raggiunto la mamma al parco la coppia ne ha altri sette.

Come parte della sua ricerca, Lynch, un ricercatore della UC Division of Cardiovascular Health and Disease, ha esaminato campioni di plasma conservati da 70 pazienti diabetici: un gruppo è stato trovato per avere una malattia coronarica ostruttiva mentre il secondo gruppo no. Sono stati identificati un totale di 248 proteine ??plasmatiche; 15 erano presenti in pazienti con malattia coronarica ostruttiva mentre solo tre erano presenti in pazienti senza OCAD.

“Abbiamo prelevato campioni di plasma e utilizzato la spettrometria di massa per vedere se potevamo trovare biomarcatori predittivi di pazienti che sviluppavano una malattia coronarica ostruttiva”, afferma Lynch. “Il significato di questo è che vedo pazienti che hanno il diabete e purtroppo sviluppano blocchi ma nessun sintomo”.

Lynch dice che Riesenberg è stata fortunata a essere sopravvissuta al suo attacco cardiaco e all’arresto cardiaco. “Per molti pazienti non è così”, dice. “Sappiamo che i pazienti con diabete hanno molte più probabilità di avere blocchi nel cuore e sfortunatamente hanno maggiori probabilità di essere asintomatici, il che li espone a un rischio significativo. Non abbiamo buoni strumenti per capire quali pazienti svilupperanno blocchi”.

“Quello che abbiamo scoperto è che possiamo utilizzare un esame del sangue e identificare i pazienti con diabete che potrebbero sviluppare una malattia coronarica ostruttiva”, afferma Lynch. “È una sfida identificare quali pazienti con diabete sono a maggior rischio. Questo può essere un buon strumento nella nostra cassetta degli attrezzi per aiutarci nella nostra lotta contro le malattie cardiovascolari nei pazienti con diabete”.

“Possiamo portarli a un fornitore e farli valutare in anticipo per la possibilità di sviluppare una malattia coronarica ostruttiva”, afferma Lynch.

La ricerca è particolarmente importante per Lynch, che ha rivelato di combattere anche il diabete. Ha pianificato studi futuri per valutare ulteriormente la capacità di questi biomarcatori di identificare i pazienti con malattia coronarica e migliorare gli esiti cardiaci per i pazienti con diabete.

La ricerca preliminare ha sicuramente catturato l’interesse di Riesenberg, che ha parlato con Lynch delle sue scoperte.

“Mi affascina il fatto che un semplice esame del sangue possa essere in grado di dire ai miei figli che questo è nel loro orizzonte e che non devi dipendere da un dispositivo cardiaco per il resto della tua vita”, dice Riesenberg.

Categorie:Batticuore

Con tag:,