Complicanze varie/eventuali

La pandemia di COVID-19 vede un aumento delle consultazioni per malattie gastrointestinali e epatiche legate all’alcol

La proporzione dei consulti è rimasta elevata anche dopo la riapertura

Bethesda, MD (14 maggio 2021) – Secondo una ricerca selezionata per la presentazione alla Digestive Disease Week®, i consulti ospedalieri per malattie gastrointestinali (GI) ed epatiche legate all’alcol sono aumentati dall’inizio della pandemia COVID-19 e sono rimasti elevati, secondo una ricerca selezionata per la presentazione alla Digestive Disease Week® (DDW) 2021. È aumentata anche la percentuale di pazienti che necessitavano di interventi endoscopici ospedalieri per malattie gastrointestinali ed epatiche correlate all’alcol, evidenziando un’apparente tendenza al peggioramento della gravità della malattia.

Pubblicità e progresso

“Quando siamo entrati in isolamento, molte persone hanno sperimentato impatti negativi significativi, come l’isolamento sociale, la perdita del lavoro e un aumento dell’ansia e della depressione”, ha affermato Waihong Chung, MD, PhD, ricercatore principale dello studio e ricercatore della Divisione of Gastroenterology presso la Warren Alpert Medical School della Brown University, Providence, Rhode Island. “Queste esperienze potrebbero aver portato le persone ad aumentare il loro consumo di alcol, il che potrebbe spiegare perché stiamo assistendo a un aumento del volume delle consultazioni per le malattie legate all’alcol”.

I ricercatori hanno condotto un audit a livello di sistema ospedaliero di tutti i consulti gastrointestinali dei pazienti ricoverati eseguiti durante le fasi di blocco e riapertura nel Rhode Island durante la pandemia COVID-19. I dati sono stati confrontati con lo stesso periodo di tempo nel 2019 per determinare il grado di cambiamenti nel carico di malattia per le condizioni gastrointestinali e epatiche legate all’alcol.

Mentre il numero totale di tutti i consulti GI è diminuito del 27% durante il blocco, a causa delle restrizioni sulle visite ospedaliere, la percentuale di consulti per malattie gastrointestinali ed epatiche correlate all’alcol è aumentata notevolmente del 59,6%, comprese le forme di epatite alcol-correlate, cirrosi, pancreatite e gastrite, i ricercatori hanno scoperto. In confronto, non ci sono stati cambiamenti significativi nelle proporzioni dei consulti per malattie epatiche non alcoliche, ostruzione / lesione biliare, malattie infiammatorie intestinali o sanguinamento gastrointestinale.

“In ulteriori analisi, abbiamo notato che durante la fase di blocco, la maggior parte dei ricoveri per malattie gastrointestinali ed epatiche legate all’alcol si sono concentrati intorno alle settimane cinque, sei e sette del blocco”, ha detto il dott. “Questo lasso di tempo rispecchia il tempo necessario per la comparsa dei sintomi per queste malattie, suggerendo che l’inizio della pandemia potrebbe aver avuto un impatto sul consumo di alcol dei pazienti”.

Nella fase di riapertura, il volume totale di tutti i consulti gastrointestinali è stato riportato ai livelli pre-pandemici e la percentuale di consulti per malattie gastrointestinali ed epatiche correlate all’alcol è rimasta molto elevata del 78,7 per cento. Inoltre, i pazienti che presentano epatite alcolica sono più che raddoppiati (127,2%) rispetto al 2019 e quelli che richiedono procedure endoscopiche ospedaliere erano notevolmente più alti (34% contro 12,8%).

Poiché molte persone che hanno malattie legate all’alcol non vengono immediatamente ricoverate in ospedale, i ricercatori ritengono che i problemi di salute legati all’aumento del consumo di alcol potrebbero essere ancora più alti nella comunità. Incoraggiano i medici di base e i gastroenterologi a raddoppiare l’interrogatorio dei pazienti sul loro consumo di alcol per identificare chiunque potrebbe aver bisogno di aiuto il prima possibile.

“Strumenti di screening convalidati, come il questionario CAGE [per l’uso di alcol], richiedono solo un minuto per essere somministrati e offrono una ragionevole sensibilità e specificità per i disturbi da uso di alcol”, ha suggerito il dott. Chung.

Il National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism definisce il bere pesante come il consumo di più di quattro drink in un giorno o più di 14 drink a settimana per gli uomini; e consumare più di tre drink in un giorno o più di sette drink a settimana per le donne.

“Le malattie gastrointestinali o epatiche correlate all’alcol possono causare un improvviso aumento di peso, ingiallimento della pelle, confusione, affaticamento, diminuzione dell’appetito, feci nere e / o forti dolori addominali”, ha detto il dott. Chung. “Incoraggio chiunque soffra di questi sintomi e chiunque sia preoccupato per il proprio bere a consultare un medico il prima possibile”.

Dettagli della presentazione DDW

Il dottor Chung presenterà i dati dello studio, “Aumento del carico di malattie gastrointestinali ed epatiche correlate all’alcol durante la pandemia COVID-19: un audit a livello di sistema ospedaliero”, abstract 436, sabato 21 maggio alle 13:50 EDT. Per ulteriori informazioni sugli studi in primo piano, nonché per un programma di disponibilità per i ricercatori in primo piano, visitare http: // www. ddw. org / stampa .