Terapie

La semplice chirurgia previene gli ictus nei pazienti cardiopatici

Richard Whitlock, professore di chirurgia presso la McMaster University, esegue un intervento al cuore
CREDITO: Hamilton Health Sciences

La rimozione dell’appendice atriale sinistra riduce il rischio di ictus di oltre un terzo nei pazienti con fibrillazione atriale

Hamilton, ON (15 maggio 2021) – Un semplice intervento chirurgico salva i pazienti con aritmia cardiaca da ictus spesso letali, afferma un ampio studio internazionale condotto dalla McMaster University.

Pubblicità e progresso

I ricercatori hanno scoperto che la rimozione dell’appendice atriale sinistra, un tessuto inutilizzato simile a un dito che può intrappolare il sangue nella camera cardiaca e aumentare il rischio di coaguli, riduce il rischio di ictus di oltre un terzo nei pazienti con fibrillazione atriale.

Ancora meglio, il ridotto rischio di coagulazione si aggiunge a qualsiasi altro vantaggio conferito dai farmaci anticoagulanti che di solito vengono prescritti ai pazienti con questa condizione.

“Se si soffre di fibrillazione atriale e si sta subendo un intervento chirurgico al cuore, il chirurgo dovrebbe rimuovere l’appendice atriale sinistra, perché è un set-up per la formazione di coaguli. Il nostro studio ha dimostrato che questo è sia sicuro che efficace per la prevenzione dell’ictus”, ha detto Richard Whitlock, primo autore dello studio.

“Questo avrà un impatto positivo su decine di migliaia di pazienti in tutto il mondo”.

Whitlock è uno scienziato presso il Population Health Research Institute (PHRI), un istituto congiunto della McMaster University e Hamilton Health Sciences (HHS); un professore di chirurgia presso McMaster, la cattedra canadese di ricerca in studi di chirurgia cardiovascolare, un cardiochirurgo per HHS ed è supportato da un premio alla carriera della Heart and Stroke Foundation.

Il co-ricercatore principale dello studio è Stuart Connolly che ha anche avanzato questo campo stabilendo l’efficacia e la sicurezza dei nuovi fluidificanti del sangue. È professore emerito di medicina presso McMaster, scienziato senior PHRI e cardiologo HHS.

“I risultati di questo studio cambieranno immediatamente la pratica perché questa procedura è semplice, rapida e sicura per il 15% dei pazienti sottoposti a chirurgia cardiaca che hanno fibrillazione atriale. Ciò eviterà un grande carico di sofferenza a causa di ictus”, ha detto Connolly.

I risultati dello studio sono stati rapidamente pubblicati dal New England Journal of Medicine e presentati oggi alla conferenza dell’American College of Cardiology.

Lo studio ha monitorato 4.811 persone in 27 paesi che convivono con fibrillazione atriale e assumono anticoagulanti. I pazienti consenzienti che intraprendono un intervento chirurgico di bypass cardiopolmonare sono stati selezionati in modo casuale per l’ulteriore intervento chirurgico di occlusione dell’atrio sinistro; i loro risultati rispetto a quelli che hanno preso solo medicine. Sono stati tutti seguiti per una mediana di quattro anni.

Whitlock ha detto che sin dagli anni ’40 si sospettava che si formassero coaguli di sangue nell’appendice atriale sinistra in pazienti con fibrillazione atriale, e aveva senso tagliare questa struttura inutile se il cuore fosse esposto ad altri interventi chirurgici. Questo è ora dimostrato di essere vero.

La fibrillazione atriale è comune negli anziani ed è responsabile di circa il 25% degli ictus ischemici causati quando i coaguli di sangue bloccano le arterie che riforniscono parti del cervello. L’età media dei pazienti nello studio era di 71 anni.

“In passato tutto ciò che avevamo era la medicina. Ora possiamo trattare la fibrillazione atriale sia con i farmaci che con la chirurgia per garantire un risultato molto migliore”, ha detto Whitlock.

Ha detto che l’attuale studio ha testato la procedura durante la chirurgia cardiaca intrapresa per altri motivi, ma la procedura può essere eseguita anche con metodi meno invasivi per i pazienti che non hanno un intervento chirurgico al cuore. Ha aggiunto che gli studi futuri per esaminare tale approccio saranno importanti.

Whitlock ha detto che l’appendice atriale sinistra è un residuo di come il cuore di una persona si forma come un embrione e ha poche funzioni più avanti nella vita.

“Questa è una procedura poco costosa, sicura, senza effetti negativi a lungo termine e l’impatto è a lungo termine”.

Categorie:Terapie

Con tag:,