Complicanze varie/eventuali

Nuova arma nella lotta alle malattie gastrointestinali negli insediamenti “informali”

Acid reflux or Heartburn, The photo of stomach is on the men's body against gray Background, Bad health, Male anatomy concept

I ricercatori della Monash University hanno convalidato un modo per rilevare con successo una vasta gamma di batteri (agenti patogeni) che causano malattie diarroiche negli insediamenti informali.

Una migliore protezione dalle malattie per le persone che vivono in comunità che devono affrontare problemi di acqua, igiene e igiene è essenziale, poiché i microbi che causano malattie gastrointestinali (enteropatogeni) sono responsabili di 1,4 milioni di morti all’anno, principalmente nei bambini sotto i cinque anni, e causano un’alimentazione e uno sviluppo compromessi.

Pubblicità e progresso

Tuttavia, è molto difficile monitorare efficacemente la loro diffusione a causa dell’enorme numero di agenti patogeni e fonti coinvolte. Numerosi enteropatogeni causano diarrea e altre malattie gastrointestinali, che abbracciano virus, batteri, amebe e vermi, ciascuno con caratteristiche distinte. Inoltre, si diffondono attraverso percorsi complessi attraverso fonti umane, animali, ambientali e alimentari. Tradizionalmente, i microbiologi monitorano solo determinati patogeni e ogni fonte viene solitamente testata separatamente.

Lo studio, pubblicato su The Lancet Planetary Health , ha valutato per la prima volta il metodo di laboratorio denominato TaqMan Array Card (TAC) rispetto al metodo gold standard, la reazione a catena della polimerasi quantitativa standard (qPCR). Hanno scoperto che il TAC è più veloce ed economico di qPCR, fornendo risultati comparativamente precisi e rilevando simultaneamente oltre 30 diversi enteropatogeni.

Il microbiologo del Biomedicine Discovery Institute della Monash University Dr Rachael Lappan ha co-condotto lo studio comparativo utilizzando campioni di acque reflue da Melbourne e campioni di feci umane, escrementi animali, suolo e acqua provenienti da insediamenti informali a Suva, Fiji. Dice che la convalida del metodo TAC è un grande passo avanti nella lotta al problema complesso e trascurato della diarrea infantile.

“Gli enteropatogeni possono essere rilevati in tanti modi diversi negli insediamenti informali e può essere una vera sfida monitorarli perché esiste una tale varietà di enteropatogeni che contribuiscono alla malattia”, spiega il dott. Lappan. “Il TAC offre un modo relativamente semplice ed economico per farlo e può essere eseguito su qualsiasi tipo di campione.”

“ È incredibilmente importante perché ci aiuterà a comprendere e monitorare meglio i percorsi attraverso i quali le persone si ammalano e aiuterà a indirizzare quei percorsi con interventi di gestione dell’acqua efficaci che potrebbero alla fine portare a una salute migliore, come quella che stiamo sperimentando in Revitalizing Informal Settlements e il programma relativo agli ambienti (RISE) “, ha affermato il dott. Lappan.

Il co-autore senior dell’articolo, il professore associato Chris Greening del Biomedicine Discovery Institute della Monash University, aggiunge “ confrontando questi metodi, volevamo sapere se la capacità di rilevare in modo efficiente un’ampia gamma di enteropatogeni avrebbe un sostanziale svantaggio in termini di sensibilità. Tuttavia, abbiamo dimostrato che il TAC ha prestazioni paragonabili a qPCR ed è ideale per lo screening di patogeni ampi che non è pratico da eseguire tramite qPCR standard. “

Lo studio è stato condotto nell’ambito del programma RISE (Revitalizing Informal Settlements and their Environments), un programma di ricerca e sperimentazione interdisciplinare che mira a migliorare la gestione dell’acqua e dei servizi igienico-sanitari negli insediamenti urbani informali con infrastrutture basate sulla natura. RISE e altri programmi di trasformazione dell’acqua, dei servizi igienico-sanitari e dell’igiene necessitano di tecniche che consentano un monitoraggio completo ma efficiente degli enteropatogeni per comprendere la contaminazione ambientale e il carico di malattie prima e dopo gli interventi.

###

Leggi l’articolo completo in The Lancet Planetary Health intitolato: Monitoraggio di diversi patogeni enterici attraverso serbatoi ambientali e ospitanti con schede array TaqMan e PCR quantitativa standard: uno studio di confronto metodologico.

DOI: 10.1016 / S2542-5196 (21) 00051-6