Terapie

Probiotici associati a un minor numero di sintomi respiratori nelle persone in sovrappeso e negli anziani

Probiotics food concept. Kimchi, beet sauerkraut, sauerkraut, cottage cheese, peas, olives, bread, chocolate, kefir and pickled cucumbers.

I risultati forniscono ulteriori prove della relazione tra l’intestino e i polmoni

Bethesda, MD (14 maggio 2021) – Secondo uno studio che suggerisce un potenziale ruolo dei probiotici nella prevenzione delle infezioni respiratorie, l’uso quotidiano di probiotici è stato associato a un minor numero di sintomi delle vie respiratorie superiori nelle persone in sovrappeso e negli anziani. Lo studio è stato selezionato per la presentazione alla Digestive Disease Week® (DDW) 2021.

Pubblicità e progresso

“Questa non è necessariamente l’idea più intuitiva, che l’inserimento di batteri nell’intestino potrebbe ridurre il rischio di infezione respiratoria”, ha affermato Benjamin Mullish, MD, ricercatore principale dello studio e docente clinico presso la Divisione di malattie digestive, Imperial College London , Inghilterra, “ma è un’ulteriore prova che il microbioma intestinale ha una relazione complessa con i nostri vari sistemi di organi. Non influisce solo su come funziona il nostro intestino o su come funziona il nostro fegato, ma su aspetti di come funziona tutto il nostro corpo”.

I ricercatori hanno riesaminato i diari giornalieri dettagliati di 220 pazienti che hanno partecipato a un precedente studio in doppio cieco controllato con placebo sui probiotici e la perdita di peso. Esaminando le voci per i sintomi comuni di infezione delle vie respiratorie superiori, tra cui tosse, mal di gola e respiro sibilante, i ricercatori hanno scoperto che i partecipanti che hanno assunto probiotici durante lo studio di sei mesi avevano un’incidenza complessiva inferiore del 27% dei sintomi del tratto respiratorio superiore rispetto al gruppo placebo. L’effetto è stato maggiore tra i partecipanti di età pari o superiore a 45 anni, così come quelli con obesità.

Le persone con obesità sono a maggior rischio di infezioni respiratorie. Ricerche precedenti hanno dimostrato che i probiotici riducono le infezioni delle vie respiratorie superiori negli adulti e nei bambini sani, ma esistono pochi dati su questa popolazione vulnerabile di anziani, sovrappeso e persone con obesità.

“Questi risultati si aggiungono al crescente interesse per l’asse intestino-polmone – come l’intestino e i polmoni comunicano tra loro”, ha detto il dott. Mullish. “Non è solo l’intestino che invia segnali che influenzano il funzionamento dei polmoni. Funziona in entrambe le direzioni. Si aggiunge alla storia che i cambiamenti nel microbioma intestinale possono influenzare ampi aspetti della nostra salute”.

I ricercatori non hanno misurato la risposta immunitaria, solo i sintomi respiratori. Futuri studi clinici randomizzati potrebbero aiutare a identificare i meccanismi legati alla riduzione dei sintomi respiratori ed esplorare il possibile impatto dei probiotici sul sistema immunitario, ha detto il dottor Mullish.

Dettagli della presentazione DDW

Il dottor Mullish presenterà i dati dello studio: “L’uso quotidiano di probiotici è associato a un tasso ridotto di sintomi del tratto respiratorio superiore nelle persone in sovrappeso e obese”, abstract 739, domenica 23 maggio alle 13:16 EDT. Per ulteriori informazioni sugli studi in primo piano, nonché per un programma di disponibilità per i ricercatori in primo piano, visitare http: // www. ddw. org / stampa .

Categorie:Terapie

Con tag: