Complicanze varie/eventuali

Le complicanze microvascolari del diabete sono fattori di rischio per fratture da fragilità?

abstract shapes, bone structure

Photo by adimas on Adobe Stock

Un gruppo di ricercatori pediatrici USA ha esaminato le relazioni tra complicanze microvascolari e frattura da fragilità ossea nel contesto del diabete. Evidenziando le lacune nella conoscenza e suggerendo aree di ulteriore studio.

L’evidenza nel diabete di tipo 1 (T1D) dimostra che una bassa densità minerale ossea (BMD) è associata a complicazioni microvascolari e collegata ad un aumento del rischio di fratture. Da notare, la bassa BMD non spiega solo la fragilità ossea. La malattia microvascolare è stata anche collegata a una microarchitettura ossea compromessa e a una qualità ossea più scadente. Inoltre, le complicanze microvascolari possono aumentare indirettamente il tasso di frattura da fragilità attraverso l’aumento della propensione alla caduta; Tuttavia, ad oggi nessuno studio conclusivo ha valutato la malattia microvascolare e il rischio di frattura indipendentemente dalle cadute. D’altra parte, gli individui con diabete di tipo 2 (T2D) hanno un aumentato rischio di frattura nonostante l’elevata BMD. I dati suggeriscono che la malattia microvascolare media i cambiamenti della microarchitettura aumentando la porosità corticale ed è associata a un minor turnover osseo.

Pubblicità e progresso

In sintesi: prese insieme le prove attuali suggeriscono associazioni tra malattia ossea diabetica, frattura da fragilità e malattia microvascolare. I dati sono più convincenti per T1D che per T2D. Sono necessari ulteriori studi per confermare se la malattia microvascolare sia essa stessa la causa della frattura o semplicemente un fattore che contribuisce alla frattura da fragilità per le persone con diabete.

Pubblicato in Current Opinion in Endocrinology, Diabetes and Obesity il 14 maggio 2021.