Batticuore

Finalmente uno strumento che aiuta a prevedere gli attacchi di cuore nei pazienti ad alto rischio

I ricercatori hanno descritto un nuovo approccio all’analisi delle forze in gioco dietro i vasi cardiaci malati, che potrebbe aiutare i cardiologi a prevedere gli attacchi di cuore nei pazienti

Analizzare le forze al lavoro dietro gli ostacoli che causano attacchi di cuore è fondamentale per identificare i pazienti a rischio di questi eventi, afferma uno studio pubblicato oggi su eLife .

Pubblicità e progresso

I risultati suggeriscono che portare tali analisi biomeccaniche nella pratica clinica potrebbe consentire ai cardiologi di prevedere un futuro infarto nei pazienti simulando la distribuzione dello stress all’interno dei vasi cardiaci malati.

Un infarto miocardico, comunemente noto come attacco cardiaco, si verifica quando l’afflusso di sangue al cuore è bloccato da un coagulo di sangue o da un’ostruzione simile. Un accumulo di depositi di grasso (lipidi) nel tempo forma placche nelle arterie del cuore. Se la placca si rompe, può formare un coagulo di sangue che blocca le arterie e provoca un infarto.

Precedenti studi hanno identificato alcune caratteristiche di questi depositi lipidici che li mettono ad alto rischio di rottura. Questi studi hanno comportato l’esame delle arterie coronarie ostruite di pazienti deceduti per infarto o l’utilizzo di speciali tecniche di imaging per visualizzare questi vasi dall’interno. Ma il meccanismo esatto della rottura della placca, e soprattutto le forze all’opera dietro di esso, non sono ancora noti.

“Questo potrebbe limitare la nostra capacità di riconoscere e trattare quei depositi di lipidi ad alto rischio prima che causino un infarto miocardico”, afferma Andrea Milzi, Dottore in Medicina presso il Dipartimento di Cardiologia, Ospedale Universitario della RWTH Aachen, Germania, e un co- primo autore dello studio insieme a Enrico Domenico Lemma (Karlsruhe Institute of Technology, Karlsruhe, Germania) e Rosalia Dettori (RWTH Aachen). “Abbiamo voluto analizzare le forze che causano la rottura della placca, tenendo conto di un singolo vaso cardiaco del paziente con tutte le sue caratteristiche considerate contemporaneamente. Questo è importante, perché può potenzialmente consentire l’analisi approfondita dei vasi che – anche a causa di una combinazione di fattori – sono particolarmente a rischio di sviluppare un infarto miocardico “.

Milzi e il team hanno iniziato raccogliendo immagini di alta qualità delle placche coronariche in 20 pazienti con diabete di tipo 2 e malattia coronarica stabile o infarto miocardico acuto. “Queste analisi sono particolarmente importanti nei pazienti ad alto rischio con diabete di tipo 2”, afferma Nikolaus Marx, capo del dipartimento di cardiologia presso l’ospedale universitario della RWTH Aachen. Le immagini sono state scattate utilizzando la tomografia a coerenza ottica (OCT), una tecnica di imaging intravascolare consolidata che, grazie alla sua risoluzione estremamente elevata, può rappresentare strutture cardiache ad alta risoluzione.

Il team ha eseguito OCT su tutti i 20 pazienti prima dell’intervento coronarico presso il Dipartimento di Cardiologia, Ospedale universitario della RWTH Aachen. Sulla base di queste immagini, hanno quindi generato ricostruzioni delle placche coronariche specifiche per il paziente, che hanno utilizzato come base per analizzare la concentrazione di stress come possibile predittore di rottura della placca.

L’analisi della biomeccanica di queste ricostruzioni ha permesso loro di prevedere la presenza di rottura della placca, poiché le loro immagini OCT hanno mostrato concentrazioni di stress significativamente maggiori nelle placche rotte rispetto alle placche non rotte. Inoltre, evidenziando le concentrazioni di stress all’interno delle arterie, le loro analisi hanno anche indicato il punto esatto in cui era probabile che si verificasse una rottura. “In altre parole, la forza esercitata sugli strati superficiali della placca gioca un ruolo fondamentale nella rottura della placca, che a sua volta causa infarto del miocardio”, afferma Sebastian Reith, consulente presso il Dipartimento di Cardiologia, Ospedale universitario della RWTH Aachen, e un co-autore senior dello studio.

“Il nostro studio pilota genera ipotesi e mostra che l’analisi basata sull’OCT delle forze all’interno della parete del vaso è uno strumento fattibile per eseguire la valutazione specifica del paziente della biomeccanica nelle lesioni coronariche”, aggiunge l’autore co-senior Mathias Burgmaier, consulente presso il Dipartimento di Cardiologia, Ospedale Universitario della RWTH Aachen. “Includere tali analisi nella pratica clinica potrebbe eventualmente migliorare il trattamento della malattia coronarica, consentendo ai cardiologi di prevedere un futuro infarto del miocardio osservando, tra gli altri fattori, le distribuzioni dello stress nei vasi malati. Tuttavia, questo approccio deve prima essere automatizzato e confermato in studi prospettici più ampi prima di poterlo portare nella pratica clinica “.

Categorie:Batticuore

Con tag:,,