Diritti e rovesci

I medici non hanno nulla da temere da un registro centrale degli interessi, affermano gli esperti

I medici del Regno Unito non hanno nulla da temere dall’introduzione di un registro centrale che elenca denaro o benefici che ricevono in aggiunta al loro stipendio NHS, affermano gli esperti oggi in vista di un incontro pubblico sulla questione ospitato dal gruppo parlamentare di tutte le parti per il primo non nuocere e The BMJ .

L’anno scorso l’Independent Medicines and Medical Devices Safety Review, presieduto dalla baronessa Julia Cumberlege, ha studiato gli effetti collaterali dannosi causati dal test di gravidanza dell’ormone Primodos, dal farmaco antiepilettico sodio valproato e dalla rete pelvica.

Pubblicità e progresso

Durante la revisione, ha sentito da pazienti che erano preoccupati che i medici fossero stati pagati o altrimenti incentivati ??dai produttori in un modo che avrebbe potuto influenzare la loro pratica.

Una raccomandazione chiave era che i pazienti dovrebbero avere il diritto di sapere se il loro medico ha legami con aziende farmaceutiche o di dispositivi medici.

Il rapporto di accompagnamento chiedeva al Consiglio medico generale (GMC) di espandere il proprio registro per includere un elenco di interessi finanziari e non pecuniari per tutti i medici. Ha anche affermato che i produttori dovrebbero assumersi la responsabilità di garantire che pubblichino i dettagli dei pagamenti effettuati agli ospedali universitari e agli istituti di ricerca.

Nel 2019, le aziende farmaceutiche hanno speso oltre 160 milioni di sterline in collaborazioni non di ricerca e sviluppo con organizzazioni sanitarie e operatori sanitari. Tuttavia, al momento non esiste un registro centrale degli interessi finanziari e non finanziari dei medici nel Regno Unito, a differenza degli Stati Uniti.

Gli interessi dei medici sono spesso raccolti dal loro datore di lavoro, mentre Sunshine UK ospita un registro volontario degli interessi dei medici (whopaysthisdoctor.org).

Anche l’Associazione dell’industria farmaceutica britannica (ABPI) dispone di un proprio database volontario chiamato Disclosure UK. Tuttavia, in base alle leggi sulla protezione dei dati, gli operatori sanitari possono rifiutarsi di pubblicare il proprio nome su di esso.

Oltre alla revisione di Cumberlege, c’è un crescente sostegno da parte della comunità medica per un registro centrale. Un sondaggio condotto dal BMJ ha rilevato che quasi il 90% degli organismi professionali medici concorda sul fatto che il Regno Unito dovrebbe avere un registro pubblico e obbligatorio degli interessi dei medici.

E in risposta all’idea che qualsiasi registro dovrebbe coprire tutto il personale che prende le decisioni cliniche, non solo i medici, Cumberlege ha affermato che “i medici sono i principali responsabili delle decisioni nella cura dei pazienti, determinano il trattamento, eseguono interventi chirurgici. Quindi è con i medici dobbiamo iniziare. “

Sia Margaret McCartney, un medico di base e giornalista della salute, sia Susan Bewley, presidente di Healthwatch UK e co-fondatrice di Sunshine UK, credono che il GMC sia l’unica organizzazione adatta a tenere un registro degli interessi dei medici in quanto è l’unica organizzazione che detiene un elenco di tutti i medici registrati nel Regno Unito.

Per McCartney, l’obiettivo di qualsiasi registro centrale dovrebbe essere quello di ridurre la burocrazia per gli operatori sanitari e aumentare la trasparenza per professionisti e pazienti.

Neil Mortensen, presidente del Royal College of Surgeons of England, concorda sul fatto che il registro dovrebbe essere facile da usare e non costare ai medici un sacco di soldi. “Avremmo bisogno di essere convinti che fosse un tocco leggero, efficace e che avrebbe fatto la differenza”, dice.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.