Mangiare e bere

Molte persone potrebbero ridurre la loro “finestra di alimentazione” di tre ore

appetite, apple, calories

Photo by Shutterbug75 on Pixabay

Un nuovo studio dell’Università del Surrey ha rivelato i fattori del “mondo reale” che influenzano l’interesse delle persone ad adottare un modello dietetico chiamato alimentazione a tempo limitato.

Secondo NHS England, il 67% degli uomini e il 60% delle donne nel Regno Unito sono in sovrappeso o obesi, con oltre 11.000 ricoveri ospedalieri all’anno direttamente attribuibili all’obesità.

Pubblicità e progresso

L’alimentazione a tempo limitato, che è un tipo di digiuno intermittente, è la pratica di limitare il tempo tra la prima e l’ultima assunzione di cibo ogni giorno, prolungando quindi il periodo di digiuno quotidiano.

In uno studio pubblicato dalla rivista Appetite, i ricercatori del Surrey hanno intervistato 608 persone per determinare i fattori che li aiuterebbero o ostacolerebbero l’adozione di una routine alimentare limitata nel tempo.

Lo studio ha rilevato che la maggior parte degli intervistati aveva una finestra di alimentazione compresa tra 10 e 14 ore nei giorni lavorativi e nei giorni liberi. Più di 400 intervistati credevano di poter ridurre la loro finestra di alimentazione di tre ore se ci fossero chiari benefici per la salute associati alla pratica.

Lo studio ha anche rivelato che la percentuale di probabilità dei partecipanti di intraprendere il digiuno intermittente è diminuita con l’aumentare della durata del limite di tempo – con l’85% che crede di poter ridurre la propria finestra fino a 0,5 ore, al 20% crede di poter sostenere una riduzione di quattro o più ore.

Gli intervistati hanno anche individuato la disponibilità di tempo (69%), la facilità di seguire (62%) e gli impegni lavorativi (54%) come fattori chiave che potrebbero influenzare la loro decisione di adottare il digiuno intermittente.

Jonathan Johnston, autore senior dello studio e professore di cronobiologia e fisiologia integrativa presso l’Università del Surrey, ha dichiarato:

“L’alimentazione a tempo limitato ha il potenziale per diventare uno strumento estremamente efficace nella lotta contro l’epidemia di obesità che affligge molti paesi. Tuttavia, lo studio mostra chiaramente che la capacità delle persone di limitare la loro finestra di alimentazione quotidiana dipende dai loro stili di vita individuali”.

Categorie:Mangiare e bere

Con tag: