medicina narrativa

Lo storytelling riduce il dolore e lo stress e aumenta l’ossitocina nei bambini ospedalizzati

Una nuova ricerca mostra prove solide che raccontare storie può aumentare la qualità della vita dei bambini in terapia intensiva

Una nuova ricerca, condotta dal D’Or Institute for Research and Education (IDOR) e dalla Federal University of ABC (UFABC), ha dimostrato per la prima volta che lo storytelling è in grado di fornire benefici fisiologici ed emotivi ai bambini in terapia intensiva Unità (ICU). Lo studio è stato pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences, la rivista scientifica ufficiale della National Academy of Sciences degli Stati Uniti.Lo studio è stato condotto da Guilherme Brockington, PhD, dell’UFABC, e Jorge Moll, MD, PhD, da IDOR .

Pubblicità e progresso

“Durante lo storytelling, accade qualcosa che chiamiamo ‘trasporto narrativo’. Il bambino, attraverso la fantasia, può provare sensazioni e pensieri che lo trasportano in un altro mondo, un luogo diverso dalla stanza dell’ospedale ed è, quindi, lontano da le condizioni avverse del ricovero “, afferma Guilherme Brockington, PhD, e autore principale dello studio.

Lo storytelling è una pratica immemorabile dell’umanità. Leggende, religioni e valori sociali hanno attraversato millenni attraverso l’oralità e la scrittura. Le sceneggiature e i romanzi cinematografici più venduti più attuali catturano il pubblico attraverso lo stesso meccanismo: ascoltare una bella storia è spostarsi da una realtà all’altra. Questo movimento, guidato dall’immaginazione, può creare empatia per eventi e personaggi che fluttuano secondo l’interpretazione di ogni individuo.

“Fino ad ora, l’evidenza positiva per lo storytelling era basata sul ‘buon senso’ e presa per il valore nominale, in cui interagire con il bambino può distrarre, intrattenere e alleviare la sofferenza psicologica. Ma mancava una solida base scientifica, soprattutto con riguardo ai meccanismi fisiologici sottostanti “, spiega il dott. Moll.

Considerando i processi psicologici e biologici che si verificano durante e dopo aver ascoltato una storia, i ricercatori dello studio hanno avuto l’idea di cercare prove scientifiche per gli effetti della narrazione sui bambini ospedalizzati in modo critico.

In totale sono stati selezionati 81 bambini, di età compresa tra 2 e 7 anni e con condizioni cliniche simili, come problemi respiratori causati da asma, bronchite o polmonite. I bambini sono stati ricoverati in terapia intensiva presso l’ospedale Rede D’Or São Luiz Jabaquara, a San Paolo, in Brasile, e sono stati divisi casualmente in due gruppi: 41 di loro hanno partecipato a un gruppo in cui i narratori leggono le storie dei bambini per 25-30 minuti, mentre in un gruppo di controllo, a 40 bambini sono stati raccontati indovinelli offerti dagli stessi professionisti e per lo stesso periodo di tempo.

Per confrontare gli effetti dei due interventi, sono stati raccolti campioni di saliva da ciascun partecipante prima e dopo ogni sessione per analizzare le oscillazioni del cortisolo e dell’ossitocina, ormoni legati rispettivamente allo stress e all’empatia. Inoltre, i bambini hanno fatto un test soggettivo per valutare il livello di dolore che provavano prima e dopo aver partecipato alle attività. Hanno anche svolto un’attività di associazione di parole libera mettendo in relazione le loro impressioni su 7 carte illustrate con elementi dal contesto ospedaliero (infermiera, dottore, ospedale, medicina, paziente, dolore e libro).

Gli esiti sono stati positivi per tutti i gruppi, in quanto entrambi gli interventi hanno ridotto il livello di cortisolo e aumentato la produzione di ossitocina in tutti i bambini analizzati, mentre è stata mitigata anche la sensazione di dolore e disagio, secondo la valutazione dei bambini stessi. Tuttavia, una differenza significativa era che i risultati positivi dei bambini nel gruppo di narrazione erano due volte più buoni di quelli del gruppo degli indovinelli. Questi risultati hanno portato i ricercatori a concludere che l’attività narrativa era sostanzialmente più efficace.

“Un altro punto saliente di questo studio è che non è stato eseguito in un ambiente artificiale, ma piuttosto all’interno della routine della terapia intensiva pediatrica. Lo storytelling è stato fatto individualmente; il bambino ha scelto quale storia sarebbe stata raccontata. Tra i libri offerti, abbiamo scelto i titoli disponibile nelle normali librerie e senza un pregiudizio emotivo predefinito, in modo che la storia non influenzi così tanto la reazione del bambino dopo l’attività “, sottolinea il dottor Brockington.

Anche se lo storytelling era già stato adottato in molti ospedali pediatrici, questa è la prima volta che ci viene presentata una solida prova dei suoi impatti fisiologici e psicologici. Ciò contribuisce a vedere l’attività come un metodo terapeutico efficace ea basso costo, che può fare una grande differenza nella qualità della vita dei bambini nelle unità di terapia intensiva.

“Considero questo studio uno dei più importanti a cui abbia partecipato, per la sua semplicità, rigore e potenziale impatto diretto sulle pratiche in ambiente ospedaliero, mirando al sollievo della sofferenza umana. Poiché è un prodotto a basso costo e altamente sicuro, può essere potenzialmente implementato nell’intero sistema pubblico, una volta che studi su larga scala ne abbiano verificato la riproducibilità e l’efficacia. Intendiamo estenderlo e replicarlo in altri contesti e gruppi di pazienti e sostenere il volontariato dedicato alla nobile attività di narrazione, ora con prove scientifiche più solide “, sottolinea il dott. Moll.

Gli impatti emotivi dello storytelling sono stati rivelati anche nei risultati del test di associazione di parole gratuito, eseguito alla fine di ogni intervento. I bambini nel gruppo di narrazione hanno riportato emozioni più positive rispetto al gruppo di controllo, quando esposti alle parole dell’ospedale, dell’infermiera e del medico. Ad esempio, i bambini del gruppo di controllo hanno risposto alla scheda con il disegno di un ospedale dicendo: “questo è il posto in cui le persone vanno quando sono ammalate”. I bambini del gruppo di narrazione hanno riportato per la stessa scheda: “questo è il posto in cui le persone vanno per stare meglio”. 

Per le illustrazioni di un’infermiera e di un medico, è stato osservato lo stesso schema. I bambini del gruppo di controllo hanno commentato “Questa è la donna cattiva che viene a farmi un’iniezione”, mentre quelli a cui sono state raccontate le storie hanno detto frasi come: “Questa è la donna che viene a curarmi”.

Sebbene la ricerca abbia avuto il supporto di narratori volontari formati dell’associazione no-profit brasiliana “Viva e Deixe Viver”, gli autori affermano che lo storytelling è un’attività che può essere praticata allo stesso modo da genitori ed educatori, fornendo così spazio alla partecipazione dei bambini. la scelta del libro e di interagire con la storia. Oltre a ridurre ansia e stress, l’attività consente di rafforzare i legami tra il bambino, il narratore e le altre persone presenti nell’ambiente.

Gli autori hanno anche sottolineato che i risultati di questa ricerca sullo storytelling indicano ulteriori potenziali applicazioni per i bambini che soffrono di stress ambientale, come l’interruzione causata dalla pandemia. Lo storytelling da parte di genitori, parenti e amici può essere un modo semplice ed efficace per migliorare il benessere di un bambino ed è accessibile a tutte le famiglie.

Categorie:medicina narrativa

Con tag: