Batticuore

I dispositivi indossabili mostrano che l’attività fisica può ridurre la fibrillazione atriale e il rischio di ictus

Pair walking portrait

L’uso di accelerometri consente ai ricercatori di fornire le prove più oggettive fino ad oggi del legame tra attività fisica e fibrillazione atriale.

BOSTON – L’attività fisica conforme alle linee guida dell’associazione medica e sanitaria è associata a un minor rischio di fibrillazione atriale (Afib) e ictus, secondo uno studio dei ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH), che ha analizzato quasi 100.000 individui dotati di polso- accelerometri indossati per misurare il loro movimento. I risultati dei ricercatori suggeriscono che i dati dei dispositivi indossabili, inclusa una nuova generazione di dispositivi con sensori che consentono il rilevamento dell’Afib, potrebbero fornire un’opportunità per la comunità della salute pubblica di promuovere un’attività fisica moderata come un modo efficace per migliorare i risultati di salute. Lo studio è stato pubblicato sull’European Heart Journal . [1]

Pubblicità e progresso

“Sebbene alcuni studi basati sulla popolazione abbiano osservato un minor rischio di fibrillazione atriale con l’esercizio, il collegamento è rimasto inconcludente in parte perché quegli studi si basavano sull’auto-segnalazione dei partecipanti, una scienza meno che esatta”, afferma l’autore senior Steven Lubitz, MD , MPH, un investigatore della Divisione di Cardiologia presso MGH. “Gli accelerometri indossabili, d’altra parte, forniscono una misura oggettiva e riproducibile dell’attività fisica. Quello che abbiamo scoperto è che l’attività in conformità con le raccomandazioni delle linee guida è effettivamente associata a rischi sostanzialmente inferiori sia di fibrillazione atriale che di ictus”.

Quasi 100.000 membri della Biobanca britannica hanno accettato di indossare accelerometri – dispositivi elettromagnetici che misurano il movimento e l’orientamento del corpo per dedurre determinate attività – per sette giorni. I ricercatori di MGH hanno quindi confrontato i dati con le diagnosi successive di fibrillazione atriale e ictus tra i partecipanti, la maggior parte tra i 55 ei 70 anni di età, segnalati alla Biobanca dal 2013 al 2020.

“I nostri risultati hanno supportato le raccomandazioni della Società europea di cardiologia, dell’American Heart Association e dell’Organizzazione mondiale della sanità per 150 minuti o più di attività fisica da moderata a intensa alla settimana”, osserva l’autore principale Shaan Khurshid, MD, investigatore della Divisione of Cardiology presso MGH.

Data la crescita esplosiva di dispositivi “intelligenti” con capacità di rilevamento sempre più sofisticate, lo studio ha sottolineato le interessanti opportunità che ora esistono per collegare i programmi di prevenzione delle malattie alla diagnostica della fibrillazione atriale. Tali dispositivi includono dispositivi indossabili e smartphone in grado di misurare la frequenza cardiaca e quindi rilevare possibili aritmie e altre irregolarità attraverso la loro fotopletismografia (una tecnica che rileva i cambiamenti nel flusso sanguigno attraverso sensori sulla pelle) ed elettrocardiografica (ECG).

“Non è difficile immaginare come questi dispositivi potrebbero essere utilizzati da medici e pazienti per raggiungere un livello di attività fisica che sappiamo essere associato a un ridotto rischio di fibrillazione atriale”, spiega Lubitz. “E potenzialmente identificando Afib attraverso la fotopletismografia e l’elettrocardiografia, gli utenti potrebbero essere avvisati di cercare cure professionali prima che si sviluppi un ictus”.

Lubitz spera che queste tecnologie emergenti possano essere applicate non solo all’Afib e all’ictus, ma anche ad altre forme di malattie cardiovascolari, inclusa l’ipertensione, ea malattie metaboliche come il diabete, che potrebbero essere influenzate dall’attività fisica aderente alle linee guida. “I dispositivi indossabili in grado di monitorare l’attività oggettiva, messaggistica motivazionale e rilevamento delle malattie potrebbero essere interventi a basso costo e altamente efficaci per migliorare i risultati di salute per un numero infinito di persone”.


[1] “Attività fisica derivata dall’accelerometro e rischio di fibrillazione atriale”, di Shaan Khurshid et al. European Heart Journal . doi: 10.1093 / eurheartj / ehab250.