Sport e movimento

L’impatto negativo sulla salute fisica e mentale delle persone che vivono con condizioni preesistenti, causato da isolamento sociale e quarantena durante la pandemia COVID-19 

Concepts of conspiracy theory or misinformation about Covid-19 pandemic.

Società Europea di Endocrinologia: Abstract 803: Impatto dell’isolamento sociale e della quarantena sul decorso del diabete mellito e delle sue complicanze durante la pandemia di Covid 19 nella regione dell’Agiaria, Paese della Georgia

Abstract 1337: Disagio psicologico in pazienti con ipocortisolismo durante la quarantena di massa per epidemia di Covid-19 in Italia

Pubblicità e progresso

Gli studi rivelano che l’isolamento sociale e la quarantena durante la pandemia di COVID-19 possono avere un impatto negativo sulle persone che vivono con condizioni preesistenti.

L’isolamento sociale e la quarantena possono avere un impatto negativo sulla salute fisica e mentale delle persone che vivono con condizioni preesistenti, secondo due studi presentati al 23 ° Congresso Europeo di Endocrinologia (e-ECE 2021) mercoledì 26 maggio alle 14:14 CET ( http: // www. Ece2021. Org ).

Gli studi riuniscono ricerche sull’impatto dell’isolamento sociale e della quarantena per le persone che vivono con il diabete nella regione di Adjara in Georgia e sui pazienti con ipocortisolismo in Italia. Entrambi gli studi hanno riportato che l’isolamento sociale durante la pandemia ha causato un significativo disagio psicologico e / o fisico negli individui osservati.

I dati del primo studio hanno rivelato che l’impatto della quarantena sulle persone che convivono con il diabete nella regione di Adjara ha causato un aumento dei livelli di pressione sanguigna (BP) nell’88,2% dei pazienti con il 50% di questi casi con conseguente ospedalizzazione di BP elevata. Oltre a questi fattori fisici, nell’82% dei pazienti è stato osservato un aumento dei sentimenti di ansia e paura. Nel secondo studio, i pazienti con ipocortisolismo hanno sperimentato un aumento dell’ansia e della depressione, associati a una sensazione di insoddisfazione di sé e una ridotta capacità di recupero, rispetto ai controlli sani italiani. Poiché questi sono tutti fattori che contribuiscono al deterioramento della salute generale, questi risultati suggeriscono che sono necessarie ulteriori ricerche per consentire ai pazienti con condizioni preesistenti di rimanere in forma e sani durante l’attuale pandemia.

Nello studio della regione di Adjara, la dott.ssa Liana Jashi e il team di ricerca hanno diffuso un questionario online e raccolto le risposte di 16 endocrinologi e 22 medici di famiglia e di medicina generale. Lo studio ha confermato gli effetti negativi e indiretti che l’isolamento sociale e la quarantena hanno avuto sulle persone che vivono con il diabete. Ha riportato un elenco di effetti negativi come il ridotto accesso alle cure mediche, l’aumento di peso e l’aumento del consumo di sigarette e alcol. L’attività fisica è diminuita del 29,8%, un preventivo fondamentale per ulteriori problemi fisici e psicologici.

“Questo studio evidenzia che le persone che convivono con il diabete richiedono un maggiore sostegno durante le pandemie per mantenere l’esercizio e proteggere la loro salute fisica e mentale. I servizi sanitari nazionali dovrebbero utilizzare questi dati e studi futuri per implementare una migliore assistenza sociale per sostenere le persone con condizioni preesistenti”, ha commentato il dottor Jashi.

Nel secondo studio, la dott.ssa Chiara Simeoli ha riferito che i dati raccolti durante le ultime tre settimane di quarantena di massa sono durati 2 mesi in Italia, in una ricerca caso-controllo basata su web-survey, multicentrica, che ha coinvolto 12 diversi centri italiani. Lo studio ha confermato che un’ampia coorte di 478 pazienti con ipocortisolismo, e in particolare, 363 con insufficienza surrenalica e 115 con iperplasia surrenalica congenita, adeguatamente trattati con glucocorticoidi, hanno mostrato maggiore ansia e depressione, associate a una sensazione di insoddisfazione di sé e una ridotta resilienza rispetto ai controlli sani italiani, suggerisce l’impatto negativo dell’isolamento sociale sulla salute mentale di questi pazienti, particolarmente fragili e vulnerabili alle infezioni e allo stress. Inoltre,

“Questi risultati hanno confermato che al di là dell’enorme impatto sulla salute fisica, l’epidemia di COVID-19, l’isolamento sociale e la quarantena di massa rappresentano fattori di stress psicologici significativi, causando gravi effetti sulla salute mentale, anche di più sulle persone con condizioni preesistenti. Un potenziamento della consulenza psicologica. per questi pazienti vulnerabili durante il COVID-19 dovrebbe essere preso in considerazione dai servizi sanitari nazionali “, aggiunge il dott. Simeoli.

Entrambi gli studi indicano che sono necessari ulteriori studi più ampi per un periodo di tempo più lungo per ulteriori indagini.