Batticuore

Le coronaropatie sono un importante problema di salute globale

Meccanismi di ischemia miocardica, inclusi i microvasi. Credito: European Heart Journal

Per la prima volta, uno studio prospettico internazionale ha dimostrato che il dolore toracico causato da problemi con i vasi molto piccoli che forniscono sangue al cuore è un importante problema di salute che aumenta il rischio di infarti, ictus e morte cardiovascolare.

Lo studio, pubblicato oggi (giovedì) sull’European Heart Journal , ha reclutato 686 pazienti da 14 istituzioni in sette paesi in quattro continenti tra luglio 2015 e dicembre 2018 per indagare sull’angina microvascolare (MVA). Fino ad ora, l’MVA era ampiamente considerato una malattia benigna che si verifica principalmente nelle donne. Tuttavia, lo studio ha mostrato che durante uno o due anni di follow-up fino a dicembre 2019, eventi come ictus, infarto e ospedalizzazione per dolore toracico ( angina ) si sono verificati in quasi l’8% dei pazienti ogni anno. Uomini e donne sono stati colpiti quasi allo stesso modo e la prognosi non era diversa a seconda del sesso o dell’etnia.

Pubblicità e progresso

Fino a tempi relativamente recenti, si sapeva poco di MVA e può essere difficile da diagnosticare, in parte perché i criteri diagnostici sono stati proposti solo nel 2018 dal gruppo COronary VAsomotor Disorders International Study (COVADIS). I pazienti con MVA possono provare dolori al petto simili a quelli di un attacco di cuore e / o mancanza di respiro, che possono portarli al ricovero in ospedale. Tuttavia, i test standard, come gli elettrocardiogrammi (ECG), gli angiogrammi e l’ecocardiografia, non rilevano problemi significativi con il ritmo cardiaco o le principali arterie coronarie , il che significa che l’MVA spesso non viene diagnosticato.

Solo il 5% delle arterie coronarie è visibile all’angiografia coronarica. Credito: European Heart Journal

Il primo autore dello studio e membro del gruppo COVADIS, il professor Hiroaki Shimokawa, ha dichiarato: “L’angina microvascolare è un’area poco studiata, in parte perché non era disponibile una definizione universale definita prima della definizione COVADIS e in parte perché i cardiologi sono principalmente interessati ai grandi arterie coronarie ma non i vasi più piccoli che fanno anche parte del circolo coronarico: i primi sono facilmente visibili all’angiografia coronarica, i secondi no.

“Attualmente, molti medici non sono consapevoli dell’importanza della disfunzione microvascolare coronarica. Di conseguenza, molti pazienti con MVA sono diagnosticati erroneamente come affetti da disturbi postmenopausali o uno squilibrio del sistema nervoso conscio e inconscio, per esempio. Tuttavia, ricerche precedenti hanno suggerito che il numero di pazienti con MVA è da tre a quattro milioni negli Stati Uniti, che è uguale o superiore al numero di pazienti con cancro al seno, quindi è un importante problema globale “.

Il prof.Shimokawa, che è vice preside della Graduate School presso l’Università Internazionale della Salute e del Benessere (Narita, Giappone) e Professore Emerito / Visiting presso la Graduate School of Medicine, Tohoku University (Sendai, Giappone), e colleghi hanno applicato il COVADIS criteri diagnostici nel presente studio: (1) segni e sintomi che suggeriscono una riduzione del flusso sanguigno al cuore (ischemia miocardica); (2) nessuna evidenza del blocco delle arterie coronarie principali; (3) evidenza oggettiva di ischemia miocardica fornita da test da sforzo non invasivo del cuore utilizzando ECG o imaging non invasivo come la risonanza magnetica cardiaca; e (4) evidenza di una funzione microvascolare coronarica compromessa che mostra, ad esempio, l’incapacità delle arterie coronarie di aumentare il flusso sanguigno sotto stress, spasmi microvascolari cardiaci, indicazioni di resistenza anormale al flusso sanguigno nei minuscoli vasi sanguigni del cuore o flusso ritardato nel arterie del mezzo di contrasto utilizzato per gli angiogrammi, indicando una maggiore resistenza al flusso sanguigno nei vasi più distanti (noto come “flusso lento coronarico”) ma senza evidenza di malattia nelle arterie coronarie principali.

Solo il 5% delle arterie coronarie è visibile all’angiografia coronarica. Credito: European Heart Journal
Durante il periodo di follow-up, ci sono stati 78 casi di morte o ospedalizzazione dovuti a problemi cardiovascolari maggiori come infarto e ictus, insufficienza cardiaca o angina instabile (6,4% negli uomini e 8,6% nelle donne), un’incidenza annuale del 7,7% tra tutti i pazienti dello studio. Il ricovero per angina instabile è stato l’evento più comune.

L’analisi ha mostrato che l’ ipertensione , la precedente storia di malattia coronarica e l’angina stabile erano tutti fattori predittivi importanti e indipendenti di questi eventi cardiovascolari maggiori. Sebbene i caucasici presentassero un rischio più elevato rispetto agli asiatici (incidenze annuali del 9,3% contro il 4,5%), non vi era alcuna differenza significativa tra i due gruppi etnici dopo che erano stati effettuati aggiustamenti per fattori che potevano influenzare i risultati, come età, sesso, ipertensione , diabete, fumo, ecc. Le donne avevano una qualità di vita significativamente peggiore rispetto agli uomini, sebbene avessero una prognosi a lungo termine simile; i ricercatori dicono che ciò potrebbe essere dovuto all’effetto degli ormoni femminili sulla percezione del dolore.

Il prof. Shimokawa ha affermato: “Di solito si ritiene che l’angina sia causata principalmente dal restringimento delle grandi arterie coronarie. Tuttavia, anche dopo il trattamento di queste arterie con stent o intervento chirurgico di bypass, circa il 40% dei pazienti avvertirà ancora dolori al petto, suggerendo problemi con le disfunzioni microvascolari sono molto comuni. Inoltre, è stato recentemente e in modo convincente dimostrato che il trattamento delle grandi arterie coronarie con stent o bypass chirurgico da solo non migliora significativamente la prognosi a lungo termine dei pazienti con malattia coronarica, suggerendo ancora una volta il prognostico importanza della disfunzione microvascolare coronarica.

“Il nostro studio internazionale dimostra l’importanza della disfunzione microvascolare coronarica nei pazienti con MVA. Considerando il fatto che la disfunzione microvascolare coronarica è coinvolta non solo nell’MVA ma anche in altre forme di malattia cardiovascolare, comprese le grandi coronaropatie e le malattie del miocardio, riteniamo che i medici dovrebbe prestarvi maggiore attenzione. ”

I ricercatori affermano che la gestione e il trattamento dell’MVA rappresenta un’importante esigenza insoddisfatta e sono necessarie ulteriori ricerche. I pazienti sono generalmente trattati con farmaci per prevenire la coagulazione del sangue, come statine, inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE) o bloccanti del recettore dell’angiotensina (ARB) o farmaci per dilatare i vasi sanguigni come beta-bloccanti, calcio-antagonisti e nitrati.

Redattore capo dell’European Heart Journal, Filippo Crea, professore di cardiologia e direttore del Dipartimento di Scienze Cardiovascolari e Pneumologiche dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (Roma, Italia), è coautore dello studio. Ha detto: “Si può stimare che nella maggior parte dei paesi europei, da 20.000 a 40.000 persone per milione di popolazione soffre di angina. Pertanto, il numero totale di pazienti con angina è di circa 21 milioni in Europa. Diversi studi hanno dimostrato che circa 50 La% dei pazienti con angina non presenta restringimento coronarico, ciò significa che circa 10 milioni di persone in Europa soffrono di angina causata da alterazioni funzionali delle arterie coronarie grandi o piccole o di entrambe. La situazione è simile in Asia e negli Stati Uniti Questo enorme numero di pazienti merita da identificare e trattare con cura. Inoltre, questi dati dovrebbero stimolare lo sviluppo di farmaci che mirano specificamente alla microcircolazione coronarica. Non da ultimo, queste alterazioni funzionali sono frequenti non solo nei pazienti con angina, ma anche in quelli che presentano infarto miocardico “.

I limiti dello studio includono il fatto che si trattava di uno studio osservazionale senza alcun gruppo di riferimento rispetto al quale confrontare i risultati; c’è stato un numero relativamente piccolo di eventi cardiovascolari maggiori durante il periodo di follow-up, che può influenzare il potere statistico dello studio; la maggior parte di questi eventi era il ricovero in ospedale per angina instabile; i pazienti con malattia coronarica ostruttiva diagnosticata mediante angiografia computerizzata convenzionale o coronarica sono stati esclusi dallo studio; e non ci sono dati su cambiamenti o aderenza alla terapia medica, o sui sintomi o sulla qualità della vita durante il periodo di follow-up.


Ulteriori informazioni: Hiroaki Shimokawa et al, Caratteristiche cliniche e prognosi dei pazienti con angina microvascolare: uno studio di coorte internazionale e prospettico del Coronary Vasomotor Disorders International Study (COVADIS) Group, European Heart Journal (2021). DOI: 10.1093 / eurheartj / ehab282

Categorie:Batticuore

Con tag: