Terapie

Il comitato consultivo della FDA vota a favore di Teplizumab: i benefici  superano i rischi a sostegno dell’approvazione del farmaco che ritarda  il diabete clinico di tipo 1 (T1D)

Se approvato, Teplizumab sarà la prima terapia modificante la malattia nel T1D: un passo avanti verso immunoterapia.

RED BANK, NJ , 27 maggio 2021 / PRNewswire / – Provention Bio, Inc. (Nasdaq: PRVB), una società biofarmaceutica dedicata all’intercettazione e alla prevenzione delle malattie immuno-mediate, ha annunciato oggi che il Comitato consultivo sui farmaci endocrinologici e metabolici (EMDAC ) della Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha votato 10 sì e 7 no alla domanda “Le informazioni fornite nei documenti di base e nelle presentazioni del richiedente e della FDA mostrano che i benefici di teplizumab superano i rischi a sostegno dell’approvazione? Fa ritardare il diabete mellito clinico di tipo 1?”.

Pubblicità e progresso

L’EMDAC ha basato la sua raccomandazione sui dati di sicurezza ed efficacia dello studio pivotal TN-10 in cui un singolo ciclo di 14 giorni di teplizumab ha ritardato la malattia in stadio clinico insulino-dipendente di una mediana di almeno due anni in pazienti presintomatici con stadio 2 diabete di tipo 1 (T1D) rispetto al placebo. Riconoscendo il significativo bisogno medico insoddisfatto che devono affrontare i pazienti affetti da T1D in stadio iniziale, i membri del comitato hanno discusso i punti di forza e i limiti dei dati clinici e hanno fornito pareri sulla dichiarazione di indicazione proposta e sui potenziali studi post-marketing.

“Vogliamo innanzitutto ringraziare tutti nella comunità del T1D, i pazienti, i caregiver e i medici per il loro supporto oggi”, ha detto Ashleigh Palmer, co-fondatore e CEO, Provention Bio. “Vogliamo in particolare ringraziare i clinici, i pazienti e le famiglie del T1D per aver avuto il coraggio e la convinzione di descrivere in modo così articolato durante l’udienza pubblica odierna, così come nelle oltre 180 lettere inviate al docket EMDAC, cosa significa vivere con il T1D e quanto sarebbe significativo un ritardo nell’insorgenza di due o più anni. Vogliamo anche ringraziare TrialNet, l’Istituto nazionale di diabete e malattie digestive e renali (NIDDK), gli investigatori e i team clinici e tutti i pazienti e le loro famiglie che hanno partecipato nello studio TN-10 e ha contribuito alla ricerca scientifica e clinica di base relativa a teplizumab negli ultimi due decenni.Infine vorremmo ringraziare l’EMDAC per la loro discussione approfondita e le deliberazioni che hanno portato al voto favorevole di oggi. Sappiamo che la comunità T1D e i pazienti a rischio e le loro famiglie in particolare stanno aspettando con urgenza l’accesso ai progressi clinici per affrontare le loro significative esigenze mediche. Rimaniamo impegnati a lavorare a stretto contatto con la FDA per ottenere, si spera, l’approvazione di teplizumab e potenzialmente portare la prima terapia modificante la malattia nel diabete di tipo 1 ai pazienti a rischio il prima possibile”.

La FDA ha concesso la designazione di Breakthrough Therapy a teplizumab e la designazione di revisione prioritaria per la Biologics License Application (BLA). La data di azione della legge sulla tariffa per l’utente dei farmaci da prescrizione (PDUFA) è il 2 luglio 2021 . La FDA prenderà in considerazione il voto di oggi mentre esamina il BLA, sebbene non sia obbligata a seguire la raccomandazione del Comitato. La questione precedentemente divulgata sulla comparabilità farmacocinetica (PK) non è stata argomento di discussione durante la riunione del comitato consultivo. La Società ribadisce la precedente guida secondo cui le considerazioni sulla comparabilità PK della FDA potrebbero comportare un ritardo nei potenziali tempi di approvazione della BLA.

Il bisogno insoddisfatto nel diabete di tipo 1 (T1D):

Oltre 1,6 milioni di americani hanno il T1D, una malattia autoimmune causata dalla distruzione delle cellule beta. La diagnosi di T1D di solito si verifica nei bambini e nei giovani adulti, ma può verificarsi a qualsiasi età dopo la comparsa dei sintomi quando una persona non è in grado di produrre abbastanza insulina. Tuttavia, il T1D inizia nel corpo molto prima di qualsiasi sintomo e può essere rilevato attraverso un esame del sangue. L’impatto psicologico del T1D è difficile da quantificare, ma una diagnosi cambia la vita e il monitoraggio e la manutenzione regolari possono essere estremamente stressanti. Il T1D in genere toglie più di un decennio alla vita di una persona e l’aspettativa di vita si riduce in media di 16 anni per le persone con diagnosi prima dei 10 anni. L’insulina è l’attuale trattamento per il T1D. È necessario mantenere in vita i pazienti, ma è uno sforzo costante per i pazienti. Non sono attualmente disponibili trattamenti modificanti la malattia per il T1D.

Informazioni su Teplizumab (PRV-031):

Teplizumab è un anticorpo monoclonale (mAb) anti-CD3 sperimentale con un BLA archiviato sotto Priority Review da parte della FDA per il ritardo del T1D clinico in soggetti a rischio. Nello studio cardine TN-10, un singolo ciclo di 14 giorni di teplizumab ha ritardato la malattia in stadio clinico insulino-dipendente di una mediana di almeno due anni in pazienti presintomatici con T1D di stadio 2 rispetto al placebo. Gli eventi avversi osservati sono basati sul meccanismo, transitori e prevedibili, inclusi linfopenia, aumenti delle transaminasi, eruzioni cutanee ed eventi di rilascio di citochine. Questi risultati sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicinee contemporaneamente presentato al meeting dell’American Diabetes Association nel 2019. Più di 800 pazienti hanno ricevuto teplizumab in più studi clinici che hanno coinvolto più di 1.000 soggetti. In studi precedenti su pazienti di nuova diagnosi, teplizumab ha costantemente dimostrato la capacità di preservare la funzione delle cellule beta come dimostrato dal peptide C, una misura della produzione di insulina endogena. Di conseguenza ha ridotto la necessità di uso di insulina esogena. Teplizumab ha ottenuto la designazione di terapia rivoluzionaria dalla FDA e la designazione PRIME dalla European Medicines Administration. Provention sta attualmente valutando teplizumab anche in pazienti con T1D insulino-dipendente di nuova diagnosi (studio di fase 3 PROTECT).

Informazioni su Provention Bio, Inc .:

Provention Bio, Inc. (Nasdaq: PRVB) è un’azienda biofarmaceutica focalizzata sullo sviluppo di terapie sperimentali in grado di intercettare e prevenire malattie immuno-mediate debilitanti e pericolose per la vita. Il BLA per teplizumab, il suo principale farmaco sperimentale candidato, per il ritardo del diabete di tipo 1 clinico negli individui a rischio, è stato presentato dalla FDA. La pipeline della Società include ulteriori prodotti candidati in fase clinica che hanno dimostrato in studi preclinici o clinici la prova del meccanismo e / o la prova del concetto in altre malattie autoimmuni, tra cui la celiachia e il lupus. Visita www.ProventionBio.com per ulteriori informazioni e seguici su Twitter: @ProventionBio.


Nota a margine:

La decisione della giuria (10-7) è entusiasmante e sorprendente. La maggior parte dei membri del panel era scettica riguardo alla piccola dimensione del campione e solo a un ampio studio clinico con una certa eterogeneità in risposta al trattamento.

Ci sono state molte storie fantastiche di pazienti, membri della loro famiglia e medici affetti da diabete di tipo 1 sul peso della convivenza con questa malattia e sulla necessità di farmaci per prevenire o ritardare l’insorgenza della malattia. Da questo punto di vista, sono completamente d’accordo: sì, abbiamo bisogno di qualcosa per ritardare il diabete di tipo 1. Importa.

L’altro lato della storia è la preoccupazione per i risultati dello studio e la sicurezza a lungo termine di questo farmaco. A mio parere personale, la preoccupazione principale che ho è se lo studio TN-10 è abbastanza forte da concludere affermativamente di ritardare lo sviluppo del diabete di 2 anni. I dati suggeriscono anche che le persone con aplotipi HLA-DR3 non rispondono bene a questo trattamento; tuttavia, gli aplotipi HLA-DR4 sono buoni responder.

Sono sia entusiasta che cauto riguardo alla decisione del Comitato. Il modo in cui la FDA costruirà l’indicazione dell’etichetta per questo farmaco sarà molto importante, poiché sappiamo che una volta approvato il farmaco, potrebbe esserci la possibilità di aumentare l’uso fuori indicazione senza molte prove. Non lo vogliamo. Un altro studio e un follow-up a lungo termine della coorte di studio TN-10 è sicuramente giustificato.

Categorie:Terapie

Con tag:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.