Equilibrio

L’isolamento sociale ha un impatto profondo e sempre più negativo sul funzionamento fisico negli anziani

I ricercatori sottolineano l’importanza di incorporare strategie per ridurre l’isolamento sociale e promuovere l’invecchiamento di successo, nell’American Journal of Preventive Medicine

L’isolamento sociale tra gli anziani è associato a cattive condizioni di salute e mortalità prematura, ma la connessione tra isolamento sociale e funzionamento fisico è scarsamente compresa. Una nuova ricerca genera prove più solide sulle associazioni tra isolamento sociale e funzionamento fisico e su come questo accelera nel tempo, riporta l’ American Journal of Preventive Medicine , pubblicato da Elsevier. Sottolinea inoltre l’importanza di incorporare strategie per ridurre l’isolamento sociale e promuovere un invecchiamento di successo.

Pubblicità e progresso

“Si ritiene che il funzionamento fisico influenzi la salute degli individui. E l’isolamento sociale è prevalente tra gli anziani”, ha spiegato il ricercatore capo Borja del Pozo Cruz, PhD, Center for Active and Healthy Ageing, Department of Sports Science and Clinical Biomechanics, University of Southern Danimarca, Odense, Danimarca. “Tuttavia, la reale portata della relazione tra isolamento sociale e funzionamento fisico non è stata completamente compresa. Avevamo bisogno di fare più luce su questa relazione, poiché svolge un ruolo importante nell’invecchiamento individuale”.

Man mano che gli individui invecchiano, il funzionamento fisico diminuisce, il che può comportare una perdita di indipendenza funzionale, insorgenza di disabilità e aumento della mortalità, con significativi costi personali, comunitari ed economici. Gli anziani che sono socialmente integrati possono avere maggiori probabilità di impegnarsi in attività fisica, il che a sua volta provocherebbe miglioramenti nel loro funzionamento fisico.

L’isolamento sociale è un problema significativo che deve affrontare la salute e il benessere degli individui durante tutto il corso della vita. Gli individui socialmente isolati hanno maggiori probabilità di avere problemi di salute mentale, sviluppare demenza e aumentare il rischio di mortalità prematura. L’isolamento sociale è particolarmente preoccupante tra gli anziani, con dati provenienti dagli Stati Uniti che indicano che un adulto su quattro è isolato o gravemente isolato. Date le tendenze mondiali dell’invecchiamento della popolazione, è probabile che l’isolamento sociale tra gli anziani diventerà un peso crescente negli anni a venire.

Per esaminare le associazioni longitudinali tra isolamento sociale e funzionamento fisico, i ricercatori hanno utilizzato nove ondate di dati del pannello dal 2011 al 2019 dal National Health and Aging Trends Study (NHATS), un ampio campione rappresentativo degli Stati Uniti di adulti di età pari o superiore a 65 anni. Ciò significa che i risultati possono essere generalizzati alla popolazione statunitense di anziani. Lo studio ha analizzato le osservazioni di 12.427 partecipanti NHATS per misurare il modo in cui i cambiamenti individuali nell’isolamento sociale erano associati a cambiamenti individuali nel funzionamento fisico valutato oggettivamente. L’isolamento sociale è stato catturato attraverso l’indice di isolamento sociale (SII). Il funzionamento fisico è stato valutato utilizzando la versione NHATS della Short Physical Performance Battery (SPPB). Il campione analitico comprendeva 54.860 osservazioni, il che significa che gli intervistati sono stati osservati in media 4,41 volte.

Questi risultati si aggiungono a una crescente base di prove che dimostrano le conseguenze negative dell’isolamento sociale, in particolare l’accelerazione delle traiettorie di declino dell’invecchiamento nel funzionamento fisico. Gli investigatori sono stati in grado di identificare con un alto grado di granularità come l’associazione tra isolamento sociale e funzionamento fisico si sposti con la vecchiaia ed esacerbi il declino del funzionamento fisico associato all’invecchiamento. I risultati hanno mostrato che più gli individui sono anziani, maggiore è la misura in cui l’isolamento sociale influisce sulla loro salute.

Un numero esiguo ma crescente di studi osservazionali nel Regno Unito, in Giappone e in Cina ha identificato associazioni negative tra isolamento sociale e funzionamento fisico in campioni di anziani. L’attuale studio è in sintonia con e integra questi risultati. Tuttavia, i dati robusti generati da questo studio nazionale piuttosto che comunitario consentono di generalizzare i risultati a una popolazione nazionale.

“Il funzionamento fisico è un indicatore ben consolidato della salute generale ed è stato precedentemente correlato con morbilità e mortalità”, ha osservato il dott. Del Pozo Cruz. “Dimostriamo in questo studio che l’isolamento sociale ha un profondo impatto sul funzionamento fisico negli anziani. Le restrizioni obbligatorie sui contatti sociali e i blocchi dovuti al COVID-19, insieme alle conseguenze più gravi del contagio tra gli anziani, hanno probabilmente esacerbato questa tendenza.

I risultati dello studio suggeriscono che gli interventi di sanità pubblica dovrebbero rivolgere la loro attenzione agli ambienti sociali in cui le persone anziane sono inserite, in particolare per quelle a rischio di isolamento.

“L’isolamento sociale è una delle maggiori sfide che le società devono affrontare nel 21 ° secolo. Dobbiamo iniziare a pensare a questo problema ora per evitare conseguenze più gravi lungo il percorso”, ha aggiunto il dott. Del Pozo Cruz.