Terapie

La stimolazione del midollo spinale ad alta frequenza fornisce sollievo dal dolore per la neuropatia diabetica

3d render image of a spine on a blue background.

Uno stimolatore del midollo spinale impiantato da 10 kHz combinato con le cure convenzionali fornisce un migliore sollievo dal dolore e un miglioramento neurologico per le persone con neuropatia diabetica dolorosa rispetto alle sole cure convenzionali, secondo un oratore.

“La neuropatia diabetica dolorosa è un evento comune per i pazienti con diabete e può avere un enorme impatto negativo sulla loro qualità di vita” , ha detto Erika A. Petersen, MD , professore di neurochirurgia presso l’Università dell’Arkansas per le scienze mediche a Little Rock. . “Attualmente, i migliori trattamenti disponibili includono diversi tipi di farmaci e soluzioni topiche, ma ci sono molti pazienti che non ottengono un adeguato sollievo dal dolore o non possono tollerare gli effetti collaterali di questi trattamenti. Abbiamo bisogno di nuove opzioni per i pazienti che hanno provato i trattamenti raccomandati di prima e seconda linea ma soffrono ancora di forti dolori”.

Pubblicità e progresso

I ricercatori hanno condotto uno studio prospettico randomizzato controllato con 216 adulti affetti da neuropatia diabetica dolorosa per almeno 12 mesi in 18 centri negli Stati Uniti Coloro che non sono stati aiutati con i farmaci, hanno avuto un’intensità del dolore agli arti inferiori di 5 cm o superiore e un’intensità del dolore agli arti superiori inferiore a 3 cm sulla scala analogica visiva di 10 cm, e avevano un HbA1c del 10% o inferiore sono stati inclusi. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere la stimolazione del midollo spinale a 10 kHz (Nevro) in aggiunta alla gestione medica convenzionale continua (n = 113) o alla sola gestione medica convenzionale senza stimolazione del midollo spinale (n = 103). Tutti i partecipanti avevano la possibilità di passare all’altro gruppo di trattamento a 6 mesi se avevano un sollievo dal dolore insufficiente ed erano insoddisfatti del trattamento e se il cambiamento era ritenuto appropriato dal loro medico. La scala analogica visiva è stata utilizzata per misurare il dolore al basale ea 6 mesi.

I dati sono stati presentati all’incontro virtuale dell’American Association of Clinical Endocrinology.

Più sollievo dal dolore con la stimolazione del midollo spinale

I partecipanti che hanno ricevuto la sola gestione medica convenzionale non hanno avuto alcun cambiamento nel loro dolore per 6 mesi, con il 51,6% che ha riportato un peggioramento del dolore e solo il 5,4% ha ritenuto responder con un miglioramento del 50% o migliore nel sollievo dal dolore. Coloro che hanno ricevuto la stimolazione del midollo spinale hanno riportato una diminuzione del dolore del 76,3% a 6 mesi, con l’85,1% ritenuti responder ( P <0,001 rispetto al gruppo di controllo) e solo il 2,3% ha riportato un dolore peggiore. HbA1c e BMI medi non sono cambiati a 6 mesi in entrambi i gruppi. A 6 mesi, l’81,7% nel gruppo di gestione medica ha scelto di passare al gruppo di stimolazione del midollo spinale, mentre nessun partecipante al gruppo di stimolazione del midollo spinale ha scelto di passare al crossover ( P <.001).

Meno disturbi del sonno, miglioramenti neurologici

I disturbi del sonno dovuti al dolore sono migliorati in media del 61,9% nel gruppo di stimolazione del midollo spinale, mentre nessun cambiamento è stato segnalato dai partecipanti alla gestione medica. All’esame neurologico, il 61,9% di quelli nel gruppo di stimolazione del midollo spinale ha avuto miglioramenti a 6 mesi rispetto al basale vs 3,3% nel gruppo di gestione medica ( P <0,001).

“La maggior parte dei pazienti trattati con la stimolazione del midollo spinale a 10 kHz nello studio sono stati osservati per avere miglioramenti nella funzione neurologica, inclusa una migliore sensazione nei loro piedi”, ha detto Petersen. “Questa scoperta potrebbe essere di grande beneficio per i pazienti che sono a rischio di lesioni a causa di intorpidimento ai piedi. Dobbiamo vedere se questo miglioramento persiste per l’intero follow-up di 2 anni dello studio “.

Nel gruppo di stimolazione del midollo spinale, sono stati segnalati tre eventi avversi correlati allo studio per infezioni, inclusi due casi di rimozione dello stimolatore (2,2%). Non sono stati segnalati difetti neurologici correlati alla stimolazione.

“Sono fiducioso che i medici coinvolti nella cura dei pazienti con neuropatia diabetica dolorosa considereranno la stimolazione del midollo spinale ad alta frequenza come un’opzione di trattamento per i loro pazienti con sintomi refrattari”, ha detto Petersen. “Il nostro studio ha dimostrato che questa terapia è sicura e altamente efficace per il controllo del dolore. Si tratta di una vasta popolazione di pazienti con esigenze significative insoddisfatte. “


Fonte: 

Petersen E. Neuromodulazione per il trattamento della neuropatia diabetica dolorosa: benefici sostenuti della stimolazione del midollo spinale a 10 kHz in uno studio controllato randomizzato. Presentato a: American Association of Clinical Endocrinology Annual Meeting; 26-29 maggio 2021 (incontro virtuale).

Divulgazioni: lo studio è stato finanziato da Nevro. Si prega di consultare lo studio per le informazioni finanziarie rilevanti di tutti gli altri autori.

Categorie:Terapie

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.