Assistenza sociosanitaria

Rendere la telemedicina accessibile alle comunità svantaggiate richiede un approccio multiforme

Amy Fan

Nell’ultimo anno, le persone negli Stati Uniti hanno adottato la telemedicina in numeri casi, segnalando ciò che gli operatori del settore credevano da tempo: le visite mediche virtuali e la consegna di prescrizioni hanno il potenziale per aumentare davvero l’accesso a cure convenienti e di alta qualità.

L’ascesa fulminea della telemedicina è arrivata anche con le sue sfide, una delle più grandi è l’equità. Un recente studio pubblicato sull’American Journal of Preventive Medicine spiega come le persone che usano la telemedicina in maggior numero sono americani benestanti che vivono nelle aree urbane.   

Pubblicità e progresso

Se vogliamo che questa telemedicina raggiunga il suo vero potenziale: fornire cure di alta qualità a tutti, i fornitori di telemedicina devono concentrarsi sull’aumento dell’accesso alle cure alle popolazioni svantaggiate. Ecco tre aree che dovrebbero considerare come parte di un approccio multiforme:

Andare oltre le consultazioni video sincrone

Viviamo in un mondo in cui 19 milioni di americani non hanno accesso a Internet ad alta velocità. Inoltre, molte persone a basso reddito vivono in famiglie multigenerazionali o addirittura in rifugi e non hanno la privacy necessaria per incontrare un medico in video dal vivo. Questi due fattori sottolineano il motivo per cui la telemedicina deve andare oltre le consultazioni video per soddisfare le esigenze delle comunità svantaggiate. 

Le consultazioni solo audio possono fornire un’esperienza più fluida e privata. Secondo l’American Medical Association , i dati sulle richieste di risarcimento di Medicare per una settimana di aprile 2020 hanno mostrato che quasi mezzo milione di visite di telemedicina sono state condotte tramite audio. I pazienti senza privacy nelle loro case possono condurre queste visite da un telefono cellulare dalle loro auto, mentre fanno una passeggiata fuori o in un altro spazio dove si sentono al sicuro discutendo della loro salute. 

Inoltre, le forme di comunicazione asincrone come la messaggistica mobile consentono privacy e discrezione. Anche la messaggistica dai telefoni cellulari è estremamente accessibile, con Pew Research che riferisce che oltre il 95% degli americani sotto i 49 anni possiede uno smartphone, consentendo agli utenti di raggiungere facilmente i medici attraverso portali web sicuri e ottimizzati per i dispositivi mobili.  

Le politiche di rimborso che supportano diverse modalità di telemedicina possono incoraggiare l’adozione di questi canali di comunicazione telematici aggiuntivi, creando un’esperienza incentrata sul paziente che riconosce la realtà della vita di questi pazienti. Il 25 marzo, il Congresso ha presentato un disegno di legge che rimborserebbe le visite solo audio per Medicare Advantage, che è un passo incoraggiante in questa direzione. 

Rendere accessibile la telemedicina: prima, durante e dopo le visite 

I fornitori di servizi di telemedicina possono adottare una serie di misure per garantire che i loro servizi siano accessibili alle popolazioni svantaggiate. 

Innanzitutto, data la crescita delle persone che si sono iscritte a Medicaid nell’ultimo anno, i fornitori di telemedicina dovrebbero dare la priorità all’accettazione di pazienti Medicaid. L’iscrizione a State Medicaid è aumentata in media dell’11% tra febbraio e settembre 2020, con un tasso di crescita ancora più elevato del 22% per gli stati con espansione Medicaid. Per i tre milioni di persone che hanno perso un’assicurazione sponsorizzata dal datore di lavoro nel 2020, quasi l’85% ha diritto a Medicaid o ai sussidi ai sensi dell’Affordable Care Act. Stiamo anche vedendo segnali che l’adozione di Medicaid continuerà ad aumentare, con stati come l’Alabama e il Wyoming che considerano anche le espansioni di Medicaid.  

In secondo luogo, aiutare i pazienti a navigare nella loro assicurazione dovrebbe essere una parte integrante della loro esperienza di telemedicina. Ad esempio, ci sono molti scenari in cui le versioni di marca e generiche dello stesso farmaco sono coperte in modo diverso dall’assicurazione. Quasi un quarto degli americani afferma che è difficile permettersi il costo dei medicinali soggetti a prescrizione. Se i fornitori di servizi di telemedicina comunicano ai pazienti che dedicheranno risorse per aiutarli a trovare un’opzione di copay a $ 0 o basso, ciò potrebbe aumentare le probabilità che i pazienti si iscrivano a una visita di telemedicina e compilino anche le loro prescrizioni dopo gli appuntamenti per migliorare l’aderenza ai farmaci.   

Terzo, diverse modalità di telemedicina possono essere sfruttate per un’assistenza continuativa economicamente vantaggiosa. Ad esempio, il 27% delle donne smette di usare la contraccezione per motivi che potrebbero essere affrontati durante la consulenza sulla pianificazione familiare, comprese le domande sugli effetti collaterali. La messaggistica asincrona può essere utilizzata dai fornitori per seguire facilmente i pazienti, rispondere rapidamente alle domande e aiutare i pazienti a trovare trattamenti a cui aderire. 

Collegamento dei pazienti ai servizi che affrontano i determinanti sociali della salute

Oltre alle interazioni medico-paziente per la cura preventiva o per affrontare uno specifico problema di salute, ci sono numerosi elementi che contribuiscono ai risultati di salute di un individuo, come la sicurezza alimentare, l’accesso all’igiene e la formazione professionale. I fornitori di telemedicina possono essere un hub cruciale per connettere i pazienti con diversi portavoce dei determinanti sociali della loro salute. 

Ad esempio, le aziende di telemedicina possono collaborare con organizzazioni come Healthify, che aiuta a trovare e indirizzare servizi di supporto pertinenti ai propri pazienti attraverso la loro piattaforma online. Quando i fornitori fanno parte di questi tipi di piattaforme, possono anche ottenere referral attraverso le organizzazioni basate sulla comunità che fanno anche parte della piattaforma, creando una rete di supporto e simbiotica. 

Nei prossimi anni, la mia speranza è che vedremo più aziende di telemedicina intraprendere i passi che ho delineato sopra per raggiungere le popolazioni svantaggiate. In questo modo sarà un passo importante verso la realizzazione della promessa della telemedicina come tecnologia che può davvero aumentare l’accesso a cure di alta qualità e migliorare i risultati per le persone di tutti i dati demografici.


A proposito di Amy Fan

Amy Fan è la co-fondatrice di Twentyeight Health , una piattaforma di telemedicina che fornisce assistenza sessuale e riproduttiva a comunità svantaggiate negli Stati Uniti. Fan ha un Master of Public Health presso l’Università della California, Berkeley, ed è stato ricercatore e ricercatore in progetti speciali presso Rock Health.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.